Dialetto fiorentino

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Il dialetto Fiorentino l'è 'na lingua artificiale crea'a dallo scrittore Fiorentino John Ronald Reuel Tolkien, ispira'a 'n parte ai' fillandese e 'n parte a' mugugnii di' cugino dello stesso Tolkien, John Dantis Tolkien.

[modifica] Dialetto

[modifica] Importante

A' Fiorentini (hélli veri) insurta pure hi ttu vòi: Se ll'é'ntesa h'ome beffa e verrà pigliaha pe' ischerzo: nella frase «Diahàne, la tu' mamma maiala e fa le pompe a h'avalli» i'VVERO FIORENTINO e risponderàe: E gnene farà mma la tua!» (pe' 'ntènde che le mamme d'entrambi e fanno le pompe a' h'avalli e 'n special modo héllo 'he gl'ha pronuncia'ho pe'pprimo la frase offenziva; codesta h'osa detta 'n Terronia la ti farebbe ammazzare stecchito).

[modifica] La CI e la TTI

Mi'a tutti sanno parlà i' fiorentino ammòdo. Fiurassi a scrì'ilo! Parecchi bischeri penzano 'he ci si mangi sempre la C, e 'nvece 'un è mi'a vero sempre. E' si mangia solo cande gl'è 'na C sola, e solo se didre'o o se davanti c'ha du' vo'ali (ecco presempio: vo'ali).

Eppoi nessuno s'è mai ammosca'o che a vorte e' ci si mangia anche la T, che gl'è anche dimorto ma dimorto più sapori'a (ecco pellappunto: sapori'a).

Vernacolo.jpg

Classico poeta vernacolare fiorentino in procinto di riscattar l'onor perduto della Famiglia.

Inortre bisogna abbadà ai' fatto che ni' fiorentino spesso la T la si pronuncia co' 'n sòno simile ai' TH 'ngrese (lingua fra'denti), cande la T la si tro'a 'n mezzo alle parole, presempio: gelatho, pathethi'o ecc.

[modifica] Te ttu se', te ttu c'ha'

'N'attra regola che gl'è fondamentale gl'è che i' verbo gl'è sempre precedu'o da 'n attro soggettino, messo lì pe' rafforzà 'n po'inino la 'osa (dicesi Ipercorrettismo, bada che este'a della lingua 'taliana, diahàne...).

Presempio:

  • Io e' so'
  • Te ttu sei
  • E gl'è/La gl'è
  • Noi s'è (i' siamo l'è bandiho n'i' toscano DOCCHE, io boia)
  • Voi vvù sé'e (bello! senti 'ome sòna bene!)
  • Loro e' so' oppure Gl'ènno (raffinatezza usaha ne' 'uartieri 'ndoe e' si parla la lingua perfetta).

Prima di' verbo avé e' ci 'a sempre la parolina ci. 'Un si sa bene perché ma la ci sta parecchio bene, come disse i' Bondi.

  • Io e' c'ho (=io ho)
  • Te ttu c'hai (=tu hai)
  • Lui e' c'ha (=egli ha)
  • Lei la c'ha (delle belle poppe) (=lei ha)
  • Noi ci s'ha (=noi abbiamo)
  • Voi vu c'ave'e (=voi avete)
  • Loro e' c'hanno (=essi hanno)
Danteincazzoso-Doh.jpg

Dante Alighieri, noto poeta vernacolo appare anche nel gioco di carte Magic.

In terza persona singolare co' i' passa'o prossimo s'usa anco parecchio i' l'è, tipo:

  • L'è 'nda'o (=egli è andato)
  • L'è torna'o (=egli è tornato)

[modifica] Noi s'andiede

I'passa'o remo'o di' verbo andà (dei' quale solo quell'80 e rotti percento di barbògi rincoglioni'i fiorentini si ri'òrda).

  • Io andièdi (in arcuni 'asi gl'è compatibile anche l'uso di "io andetti")
  • Te t'andésti
  • Lui gl'andétte / andiède
  • Noi s'andiède (o andétte)
  • Voi v'andésti
  • Loro gl'andièdero / gl'andònno / gl'andettero

[modifica] Attre 'osine da 'mparà su i' ffiorentino

Il suono -SCHI- e' si 'ontrae 'n -STI-: e vièngano maSTIo, STIanta'o, STIoccare, muSTIo, STIaccia'a, ma codesta forma l'è diffusa soprattutto ni' Chianti.

Dimorte parole e' vengan tronca'e di continuo: del diventa di («Gl'era di' Madiai, grullo!» = apparteneva al sig. Madiai, sciocco!). Al diventa ai («torno ai' tocco» = sono di ritorno alle 13). "Dal" diventa "dai'" («tutt'à un tratto glie' morto dai' sonno» = improvvisamente è deceduto dal troppo riposo).

Non diventa 'un («'Un se ne pote'a più di 'odesto rintronaho»).

Dai' fiorentino gl'ènno bandi'e parole come padre (oppure papà) e madre: s'usa i' mi' babbo e la mi' mamma.

[modifica] Oh stronzolo!

È molto comune poi usare il complemento di vocazione:

  • Oh bischero
  • Oh Beppe
  • Oh rabbebbo ma icchè ttu fai con quì tirabusciò in mano?

[modifica] Ire, i' ccencio e attre 'ose

'NoTtre esistano de' vo'aboli presenti solo ni' dialetto fiorentino:

  • i' verbo ire che sta pe' andà e pe' stiantà, ai' participio passa'o e' fa ito (viene dai' latino); es: È bell'e ito (È già andato)
  • Pòle, terza singolare di' verbo poté, soprattutto 'ndefini'o: 'un se ne pòle più
  • Garbà sostituisce correntemente piacé: a me mi garba...
  • Desinà gl'è sinonimo di mangià, 'n ispecial modo pe' pranzà: ai' tocco e' si dèsina!
  • Céncio gl'è sia qui' dorcetto carnascialesco che 'n Terronia si 'hiama le 'hiacchiere o pòl'èsse' anco 'nteso 'ome i' cencio da da' 'n tera
  • Rammentà (ri'ordà): ti rammenti di 'hélla testa a pera di' Ramalli?
  • Mantrugiassi vòr di' masturbassi
  • Badà vòr di' tené d'occhio, osservà; es: Bada bene te, che se ti sputo t'affoghi!
  • Piglià, cioè prende'; es: Pigliarlo ni' ca'aprànzi
  • Maiala! escramazione 'he vòle signifi'à accidenti!. Es. : "Maiala 'he sizza!" = "Accidenti che freddo!"
  • Vorzu'o participio passa'o di'vverbo volere (voluto).
  • Etc Etc

[modifica] Congiuntivo e frasi uthili

Arcuni usi di' fiorentino di' barrocciaio (fiorentino pòo colto):

  • Maremma maiala 'mpestaha 'hane (="accidempolina!")
  • E'mi c'è vorzu'o du'ore p'andà dai' cicciaio (=Mi ci sono volute due ore per andare dal macellaio)
  • La venga quie sellaunvò' piglià la scahaiòla (=Venga qua se non vuole prendere la diarrea)

Siccome no' toscani s'è perzoncine 'orte e dabbene, alla terza persona plurale dell'indi'ativo presente, noi e si preferisce sostituìgni i' congiuntivo:

  • Loro e' prèndano da be' (=loro prendono da bere)
Studente verna'olo.jpg

Classico studente del Liceo Classico in procinto di studiare i poeti vernacoli.

Frasette utili da segnavvele subito:

  • "Ma i'che tu chiàcchieri?" (=Cosa stai dicendo?)
  • Bellino i' ccanino (=Che bel cane)
  • Oh te, oh te tegame! (=Pe' 'ndi'à 'na perzona di brutto aspetto, 'ndi'ata dimorte vorte pe' ragazze dall'aspetto molto brutto)
  • La 'o'a'ola diaccia 'on la 'annuccia 'orta 'orta e colora'a (=La coca-cola ghiacciata con la cannuccia corta corta e colorata)
  • Codesto ragazzo 'ostì (=Quel ragazzo lì ma solo all'incirca, infatti codesto indica cosa o persona lonatana da chi parla ma vicina alla persona a cui ci si rivolge; diverso da quello)
  • Gni stiantasse i' còre! (=Ma è davvero simpatico!)
  • Tu m'ha bell'e rotto la contraccassa de' 'oglioni (=Mi stai annoiando)
  • Manca poo bocco (con la [o] chiusa) (=Manca poco che casco)
  • Tu se' 'n caa'azzo! (= La tua indole è talmente debordante che mi disturba)
  • I' tu' babbo buhaiòlo (=Tuo padre è gaio)
  • Qui' budello di to ma' (=Tua madre in sovrappeso - espressione più usata nel Granducato Del Cacciucco, oggi conosciuto col nome di Livorno)
  • Citrulli come te e ce n'hé pohi!
  • Vai a ca'à e mòrdila! (=Non sono d'accordo con quello che dici ma lotterò affinché tu possa dirlo)
  • Ci si becca ai' Mécca! (= stùpida frase ricorrente tra ragazzi; "ci si trova al Meccanò [nota discoteca fiorentina])
  • C'ho 'na palaha!!!!! (= Dìcesi palaha lo stato di botta dovuto ad alcolici o sostanze stupefacenti che portano a passare delle ore in una situazione di euforia)
  • E come disse i' Menga : chi l'ha 'n culo se lo tenga!
Strumenti personali
wikia