Devil May Cry 4

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Logo Devil May Cry 4 trasp grande.png

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera dai demoni

Devil May Cry Logo con Trish.jpg
Hai problemi con i demoni?
Te li ritrovi sotto casa o hanno trucidato la tua famiglia?

ALLORA CONTATTA LA DEVIL MAY CRY!

Avrai ai tuoi servizi un mezzo-demone semi-immortale al modico prezzo di 4 pizze e 6 birre!
This is sparda.jpg

Una delle scene più famose del videogioco.

Quote rosso1.png Quante volte devo ripetervelo? Non sono io! Quote rosso2.png

~ Il Papa su Sanctus
Quote rosso1.png E Dante? Quote rosso2.png

~ Giocatore di Devil May Cry 4 dopo essersi ritrovato a fare tredici missioni con Nero
Quote rosso1.png Sto iniziando a rompermi le palle di salvarti ogni volta... Quote rosso2.png

~ Nero a Kyrie dopo l'ennesimo rapimento

Devil May Cry 4 è il quinto capitolo della serie, in barba al nome. Inoltre, è la dimostrazione che si può sempre cadere più in basso, merito di una sceneggiatura imbastita alla bell'e meglio e dell'inserimento di un nuovo personaggio, carismatico come Rei Ayanami.

[modifica] Trama

Sanctus Devil May Cry 4.jpg

Sanctus Il papa mentre annuncia l'angelus la domenica.

Tutto comincia una domenica qualunque, nella città di Fortune. Il papa prete del luogo, nominato guarda caso Sanctus, si appresta a eseguire la messa dopo che la corista in erba Kyrie ha allietato[citazione necessaria] l'auditorium con la sua voce. Nero, il suo fidanzato, arriva in tempo per la fine della sua prestazione, salvandosi così le orecchie; ma non aveva tenuto conto dell'inizio della messa vera e propria. L'evento risulta talmente scocciante che non solo Nero fa per andarsene, ma dal tetto piove un individuo vestito di rosso che fa ciò che tutti i presenti non hanno avuto il coraggio di fare: pianta una pallottola in testa al prete.
Subito scoppia un putiferio e le guardie accerchiano il nuovo arrivato, ma dato che gli tolgono l'aria, lui le spedisce ai quattro lati della stanza a suon di spadate. È il turno di Nero quindi, che si appresta a combattere a mani nude. Sì, perché lui ha il Devil Bringer, una versione scrausa del guanto di Megaman. Con esso, Nero corca di mazzate il nuovo arrivato e lo impala con la sua stessa spada, tanto per mantenere vive le tradizioni della serie. Inutile dire che l'altro non ne risenta minimamente e se ne vada fischiettando. Con lo stesso tempismo di Winchester Credo, il fratello maggiore di Kyrie, arriva sulla scena del delitto e porta via il cadavere, smollando il resto del lavoro a Nero. Ora infatti sta a lui liberare la città che si è tutta all'improvviso riempita di demoni: con la sua nuova spada a benzinamade in Mondial Casa® compie una strage e si avvicina a una cava abbandonata, dove l'aspetta un cane demone infuocato: Berial. Il cucciolo viene prontamente pestato tramite Devil Bringer e torna nella sua cuccia, permettendo a Nero di proseguire sino al castello di Ventura.
Lì farà la conoscenza di una certa Gloria, della cui personalità gli rimarrà impressa soprattutto la sua prosperosità.

Tette Gloria Devil May Cry 4.jpg

L'unica parte di Gloria che ricordano tutti i giocatori.

Il castello si dimostra pieno d'insidie, come armature semoventi e rane glaciali enormi, ma Nero è agguerrito abbastanza da proseguire e sfondare per ripicca un muro con un lampadario enorme. Il passaggio segreto lo porta nella Bat-caverna di Batman in un antro oscuro, dove uno scienziato balbuziente e occhialuto farnetica di spade demoniache. Non si tratta però di Hojo, bensì di un certo Agnus che vive rintanato in questo laboratorio sotterraneo, dove deve evidentemente pagare un botto di bolletta, altrimenti non si spiegherebbe quel pavimento elettrificato. Ad ogni modo, Nero distrugge il laboratorio e unisce nuovamente con tanta colla vinilica la Yamato di Vergil.
Uscito di lì con la spada sotto braccio, si dirige nella foresta perché le forze dell'ordine lo stanno cercando per il furto della spada. Qui fa la conoscenza di un serpente-drago-pianta-donna, che insemina la foresta nel massimo dell'ambiguità. Nero riesce a piantarle i suoi stessi semi su per il retto e rispedirla al mittente, per poi proseguire sulla sua strada. Trova di nuovo Credo, stavolta trasformato in demone angelo[risata necessaria] a intralciarlo. O almeno questa è l'intenzione, in realtà si farà solo riempire di pugni o trafiggere dalle sue stesse spade. Il vero protagonista è infatti Agnus che, trasformatosi in uno tafano, rapisce Kyrie davanti agli occhi di Nero e fugge in un palazzone stile Morte Nera. Inutile dire che una volta arrivato lì e pestato il tafano gigante nemmeno stavolta Nero riesce salvare la propria donzella in pericolo. Questo non solo lo porta a farsi delle domande sulle sue effettive capacità, ma anche a scontrarsi nuovamente col tizio in rosso, che si rivela poi essere inaspettatamente[Ma dai?] Dante, e infine con Sanctus. Sì, nel frattempo in cui succedevano tutti questi casini, lui è risorto; sempre perché l'Inferno è un Bed&Breakfast in cui si sosta per un po' e poi si esce a piacimento in questa serie. Nero però, durante il combattimento con Sanctus, finisce inglobato in una statua enorme detta Il Salvatore, ovvero la versione muscolosa di pietra di Galeazzi.
Finalmente ci si libera di Nero ed entra in scena Dante. Il cacciademoni ora non farà altro che rifare all'inverso tutta la strada percorsa prima da Nero, rendendo di fatto le precedenti missioni una perdita di tempo. Eliminati quindi Echidna, Bael, Berial e finalmente anche Agnus, Dante se la deve vedere col Salvatore, che non è esattamente un tipo socievole. Dopo qualche pestone amichevole, Dante risveglia Nero tirandogli una spada addosso, contrariamente a qualsiasi logica che l'avrebbe visto ucciso. Ripresosi nel ventre del mostro, Nero si arma di coraggio e della Katana che Dante gli ha rifilato e si avvia allo scontro finale con Sanctus. Egli stavolta ha la potentissima[citazione necessaria] Spada di Sparda, perciò Nero ci mette due secondi per ucciderlo invece di uno. Eliminato Sanctus, spappolata la testa del Salvatore e salvata Kyrie la storia si conclude col solito e vissero per sempre tutti felici e contenti...
Tranne Nero che nonostante si sia fatto un culo così per salvare Kyrie, non abbia ottenuto da lei nessuna ricompensa.

[modifica] Personaggi

[modifica] Gameplay

Gif di Devil May Cry 4 - Dante uccide dei demoni.gif

Ecco come usano Nero tutti principianti: presa-presa-presa...

Il Gameplay di questo nuovo capitolo si basa su meccaniche molto più complesse dei precedenti. Riassunte però dalla maggior parte dei giocatori in:

Quote rosso1.png Quant'è figo 'sto braccio: da ora userò solo questo! Quote rosso2.png

~ Impiastro al comando di Nero

L'aggiunta di un secondo personaggio così diverso in questo capitolo si spiega con la necessità di pareggiare i conti con la serie da sempre rivale: God of War. Infatti, l'unica cosa che Kratos aveva in più di Dante era la presa, gap superato per l'appunto dall'introduzione di un personaggio basato su tale abilità, ovvero Nero. Il problema sta nell'uso che il giocatore medio fa del braccio destro di Nero: ne abusa, esattamente come nella realtà abusa del proprio. Per evitare ciò gli sviluppatori si sono ingegnati per equipaggiare questa New Entry con altre cose fighe, come l'Exceed o lo sparo caricato. Inutile, ma almeno ci hanno provato.

Discorso a parte si fa per Dante. Stavolta ha a disposizione ben sei armi e cinque stili contemporaneamente, causando spesso situazioni di confusione:

Quote rosso1.png Adesso uso lo stile Swordmast... No! Non voglio il Gunslinger! Meglio mettere il Royalguar... No! Ho messo Trickster. E adesso come ho fatto a mettere il Darkslayer!? Metti il... Va be', mi hanno ucciso... Quote rosso2.png

~ Lo stesso impiastro di prima ora socializza coi comandi di Dante

Il risultato è una pressione continua e casuale dei comandi. O meglio, la morte del giocatore con annessi improperi.

[modifica] Armi

Red Queen spada di Nero in Devil May Cry 4.jpg

Eccola: non è terrificante?

Ovvero, quelle cose che i personaggi useranno per non farsi ridurre a colabrodi.

Quelle di Nero sono solamente tre:

  • Red Queen: spada a benzina, costruita per non pagare niente all'Enel di elettricità come invece accadeva con l'Alastor.
  • Blue Rose: pistola che spara con la stessa velocità di una mitragliatrice e la stessa potenza di un bazooka. Un'arma realistica e credibile insomma.
  • Yamato: spada di Vergil rubata nel laboratorio di Agnus e riunita con tanta colla vinilica e carta igienica. Nero la usa solo nella forma demoniaca altrimenti la colla potrebbe staccarsi di nuovo.

Dante invece dispone di ben sei armi, per la gioia di tutti fan che ora possono godere di crisi epilettiche nel controllarlo:

  • Rebellion: spada/boomerang. Infatti se la sia lancia ritorna.
  • Ebony&Ivory: pistole ormai simbolo della serie. Come il loro danno nullo.
  • Coyote-A: doppietta che serve solo a farsi fighi col backshot. Peccato che non si becchi mai nessuno così.
  • Gilgamesh: copia del Beowulf, a sua volta copia dell'Ifrit, a sua volta copia di ecc....
  • Pandora: valigetta demoniaca capace di trasformarsi in tutto fuorché in un'arma decente.
  • Lucifer: arma il cui uso non è ben definito, la si tiene solo perché la rosa è figa[citazione necessaria].
  • Yamato: era di Sparda, poi l'ha data a Vergil, lui l'ha persa con Mundus, l'ha recuperata Agnus, se l'è fregata Nero poi gliel'ha presa Dante e... Ora... Non ho capito.
Dante usa Pandora Devil May Cry 4.jpg

Dante mentre bussa su Pandora per testarne la resistenza, dopo averla comprata da un marocchino sulla spiaggia.

Da non trascurare poi gli Stili, che rendono l'azione di gioco così frenetica da impallare il PC e i neuroni dei giocatori:

  • Trickster: Dante si può spostare a una velocità ipersonica, in modo da spiaccicarsi contro il primo muro sul suo cammino.
  • Swordmaster: Dante impara in tre secondi netti a usare tutte le armi del mondo meglio del Maestro Splinter.
  • Gunslinger: Dante inizia a giocherellare con le pistole come John Woo, fino a quando non si spara in una gamba rimanendo zoppo.
  • Royalguard: col giusto tempismo può parare persino un calcio rotante. Col giusto tempismo.
  • Darkslayer: stile messo solo per confondere i comandi. Meglio ignorarlo facendo buon viso a cattivo gioco, magari così non morde. È la causa del 93% di morti per aver sbagliato a cambiare stile.

[modifica] Nemici

O sacchi da Box, che dir si voglia:

Dante Devil May Cry4.jpg

Dante indossa il Gilgamesh per fare il culo ai nemici.

  • Scarecrow: sacco di pulci insetti. Davvero.
  • Scarecrow gigante: sacco di insetti gigante[citazione necessaria].
  • Frost: polaretti scappati dal freezer.
  • Assault: talpe con lo scudo. Tipo Kirby, ma senza l'alone di pucciosità.
  • Blitz: coniglio di pezza delle Duracell dopo un'overdose.
  • Gladius: spada/uccello o uccello/spada, non s'è ancora capito.
  • Cutlass: pesce fuso con un Miracle Blade.
  • Basilisk: cani randagi abbandonati in autostrada dagli abitanti di Fortune prima di andare in vacanza.
  • Seme Chimera: simpatico semino da piantare in giardino e innaffiare amorevolmente; quando fiorisce però sono cazzi.
  • Faust: versione volante di Wolverine.
  • Mefisto: figli della suddetta.
  • Bianco Angelo: armatura. Bianca. Che di angelico non ha un cazzo quindi.
  • Alto Angelo: tizio rivesto da un'armatura d'oro massiccio che si è pagato vendendosi un polmone ed entrambi i reni.

Non dimentichiamoci poi di quelli più grossi, ovvero i Boss, ma ugualmente pestati dai protagonisti:

Cane di satana.jpg

Il temibile Berial.

  • Tizio in rosso: è Dante. Ma ssshhh, è un segreto!
  • Berial: barboncino infuocato e incazzato nero perché le fiamme gli bruciano le emorroidi.
  • Bael: enorme rana riconoscibile dalle lunghe distanze dal suo fetore[citazione necessaria].
  • Echidna: fusione malriuscita tra Paris Hilton e un cactus.
  • Credo: tutt'oggi in fase di studio. Manco lui sa di preciso cos'è.
  • Agnus: tafano enorme, ucciso con lo spray anti-insetti.
  • Dante: semplicemente il Boss più difficile del gioco. Il fatto che poi lo si incontri non alla fine ma alla metà non rende le cose più semplici.
  • Sanctus: il Papa dopo essere tornato in vita tramite riti satanici. Viene riempito di botte da Nero pure dopo aver acquisito il potere di Sparda, quindi si capisce che il suo livello di combattimento sia infinitamente negativo.
  • Dagon: fratello di Beal. Condivide con lui la sua deficienza e incapacità.
  • Il Salvatore: David di Michelangelo dopo una cura a base di steroidi.

[modifica] Voci correlate

[modifica] Collegamenti esterni


Devil May Cry Logo con Trish.jpg
Strumenti personali
wikia