Darth Malak

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Darth Malak (2004 AC - 1956 AC) è un personaggio dell'universo di Star Wars. Una volta conosciuto come Jean-Luc Picard, passò al Lato Oscuro nel 1960 AC. Il suo grande amico era James Kirk/Darth Revan.

[modifica] Biografia

[modifica] L'alleanza con Kirk

Jean Luc, quando ancora frequentava l'accademia Jedi di Tontoline per diventare ammiraglio-spadaccino, incontrò un giovane di nome James Kirk, anch'esso volenteroso di apprendere le magiche doti della Forza. Ben presto diventarono amici e insieme si addestrarono sotto il vecchio Colonnello Vrook Lamar.

Il vecchio, però, aveva metodi piuttosto rudi e non era mai contento dei progressi dei due giovanotti. D'accordo con i colleghi Atris, Kavar e Mister Baffo, dopo 40 anni di addestramento si rifiutarono di dare loro il grado di Capitano. Frustrati, cercarono consiglio dalla ancora più vecchia Kreia, l'archivista e storica degli Jedi in quel periodo. Kreia disse al giovane James che Vrook lo stava tenendo a freno e che il suo potere era ben maggiore di quel che gli era stato detto.

Spinti da Kreia, che disse loro di trovare dei potenti artefatti, i due giovani andarono in un posto sperduto chiamato Maccaron 5. Dei rivali di un altro gruppo galattico, i Mandarini, stavano per conquistare la Repubblica delle Libertà. James e Jean-Luc riuscirono a farne fuori 10.000, uno alla volta o tutti insieme. Jean Luc divenne a quel punto il braccio destro di James, che gli promise di vendicarsi di quel cattivo di Vrook e dei suoi compari, che avevano anche deciso di ignorare la minaccia dei Mandarini. James disse al suo amico: "Se Vrook e gli altri vecchiardi lasciano entrare in casa nostra questi tizi, che spaccano tutto, è meglio che li rimpiazziamo, sennò succede un casino. Mi sa che oltre ai Mandarini, c'è altra roba al di fuori della Galassia, che so, magari i dinosauri mutanti, oppure dei tizi che somigliano a Zoidberg, con quella barba rossa tentacolare. Eh, quelli poi sono cattivissimi."

[modifica] Il Signore Oscuro dei Sith

Darthmalak.jpg

Mascella di ferro

Jean-Luc fu convinto dal suo amico a costruire un esercito in segreto, grazie all'aiuto della vecchia storica. Lui reclutava i giovanotti baldi e volenterosi, presentandosi all'accademia. Riuscì a prenderne parecchi, con la scusa di portarli a inseguire i Mandarini rimasti. Avendo raggruppato un esercito immenso, rubando anche diverse navi, come la Enterprise, James e Jean-Luc vennero accolti dalla loro insegnante Kreia, che diede loro due nuovi nomi: James diventò Darth Revan e Jean-Luc Darth Malak. Perché Darth? Il signor George Lucas, forse, lo spiegherà tra qualche anno, se avrà voglia.

Nel 1.960 AC, Malak disse a Revan che avrebbero dovuto governare il loro piccolo esercito assieme, perché erano grandi amici. Revan spaccò la mascella dell'amico con un poderoso pugno, facendogliela cadere, costringendo così Malak a inventare il primo vocoder per permettergli di parlare. In cuor suo, covava vendetta per quel gesto fattogli. La rabbia lo fece aumentare di 30 centimetri in altezza e gli fece perdere i capelli.

Revan si dichiarò Signore Scuro dei Sith (nome che diede al suo esercito), perché indossava un abito di colore quasi nero, con un cappuccio e una maschera a forma di triangolo. Malak indossava una tuta arancione con un mezzo mantello che gli copriva solo la spalla sinistra, perché il tessuto costava parecchio in quel periodo.

Cominciò la guerra tra i Jedi e i Sith. I Jedi avevano scoperto una giovanotta brunetta, Bastardila Shan, piuttosto bella, ma anche viziatella, che era dotata nella Meditazione da Battaglia: Inviava immagini riguardanti il suo seno nudo nelle menti dei piloti di astronave ingenui per farli schiantare fra di loro.

Dopo due anni di guerra continua, i Sith stavano vincendo, finché la suddetta brunetta non arrivò in qualche modo sulla nave di Revan e mostrò a lui il suo seno. Revan rimase impalato come un idiota a occhi spalancati e questo diede il tempo a Malak di sparare alla sua nave, vendicandosi del pugno ricevuto tempo prima; e, perché no, di prendere il suo posto come comandante. Mica male.

Revan non era morto e la brunetta se lo portò via, tornando dal Colonnello Vrook Lamar, che cancellò la memoria del giovanotto. Seguì un altro anno di guerra, con la flotta del nuovo Signore Scuro (anzi, Arancio) che vinceva ogni battaglia grazie al sottoposto Saulo Carato, perché Malak di tattica non ci capiva un accidente.

[modifica]

Così, Revan tornò alla sua identità di James Kirk. Nascondendo la sua identità fino all'ultimo Bastardila e gli altri barboni che si erano uniti a loro perché non c'era un tubo da fare (ovvero Missione Wow, il Wookiee-tappeto, Scart Lo Nazi, Canchero Mordo, Giù-vàni, Jolly Bimbo, AK-47 e T3-M4), raggiunsero diversi bei luoghi, tra cui l'Enterprise dove James dovette combattere contro il suo ex-amico, che gli rivelò la sua vera identità. Bastardilla si fece catturare dal Signore Arancio come una vera pirla.

Fuggendo e raggiungendo i Caraibi, che in quel periodo erano abitati da gente strana, ossuta, con due occhi sporgenti (tipo Piero Fassino), riuscirono in seguito a salire su quel mostro di metallo che era la Star Forge; dove Bastardilla era stata portata da Malak che l'aveva minacciata con la forza, dicendole che se non avesse obbedito le avrebbe cavato i denti.

Bastardilla, corrotta al Lato Oscuro, affrontò James mostrandogli di nuovo il seno, ma stavolta il trucco non funzionò. James trovò l'attimo giusto per darle una "ripassata" con la sua lunga "spada laser", convincendola a tornare con lui. In seguito il povero Malak tentò di colpire James, ma inciampando si spaccò la schiena. Malak decise di tornare al Lato Chiaro, tornando a essere Jean-Luc Picard. James lo perdonò e prese la mandibola di ferro come ricordo del suo vecchio amico.

In un certo senso la loro vendetta si sarebbe comunque compiuta 5 anni dopo: Vrook Lamar sarebbe morto per fame, dopo che alcuni dannati mercenari lo avevano tenuto dentro una gabbia.

[modifica] Lega Darth

[modifica] Voci correlate


Star wars logo.png
Strumenti personali
wikia