Dario Franceschini

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Brunetta dormiente.jpg
Quote rosso1.png Figliolo, una volta qui era tutta campagna elettorale! Quote rosso2.png

Quest'articolo parla di Politica, quindi se non ti piace ciò che c'è scritto riceverai un vitalizio di 3000 € mensili netti. O più probabilmente verrai additato come un qualunquista e nessuno si interesserà di te. Buona lettura!

Deputato fa gesto delle corna.jpg


Bilancia POV.svg
Attenzione: questa voce o sezione è ritenuta non neutrale.

Quindi puoi continuare a leggere. Per contribuire alla derisione dei rosiconi, partecipa pure alla pagina di discussione, se invece sei uno di loro, partecipa qui.

Magritte logo pd.jpg

Nessuno sa con precisione che faccia abbia Dario Franceschini, nemmeno sua moglie.

Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Dario Franceschini
Quote rosso1.png Non vi preoccupate! Tutto quello che fa Berlusconi glielo ordino io, prendetevela con me per le sue stronzate! Quote rosso2.png

~ Dario Franceschini su cazzata e sentirsi inutile
Quote rosso1.png Un amico leale e fidato. Quote rosso2.png

~ Walter Veltroni su Dario Franceschini, cinque minuti prima degli exit-poll della Sardegna
Quote rosso1.png Se lo prendo lo ammazzo. Quote rosso2.png

~ Sempre Walter Veltroni, due secondi dopo i risultati delle elezioni regionali
Quote rosso1.png Berlusconi è un clerico-fascista, e gli puzzano pure i piedi. Quote rosso2.png

~ La nuova linea aggressiva promossa dal segretario del PD
Quote rosso1.png Ah, non guardate me, io ho votato per l'altro candidato. Quote rosso2.png

~ Qualsiasi tesserato PD su elezione di Dario Franceschini
Quote rosso1.png È brutto, vecchio e pallido. Quote rosso2.png

~ Silvio Berlusconi dopo la successione di Franceschini a Walter Veltroni


Dario Franceschini è un noto e apprezzato[lol] uomo politico della sinistra italiana. In seguito alla decapitazione in pubblica piazza di Valter Weltrony, ha ricoperto la carica di Persona che deve Inveire Contro Berlusconi Fingendo di Costituire un'Alternativa Politica (conosciuta anche come "Segretario del Partito Democratico"). Il suo passato di militante nella Democrazia Cristiana spiegherebbe la sua tendenza a impossessarsi di qualsiasi incarico istituzionale si trovi a portata di mano.

[modifica] Da ceppo di legno a leader politico

Dario Franceschini non nacque, fu semplicemente intagliato nel febbraio del 2008 da Massimo D'Alema a partire da un malconcio pezzo di legno di noce tutto nodoso appartenente alla vecchia scrivania di Romano Prodi, il quale aveva da poco rassegnato le ennesime dimissioni da Presidente del Consiglio dei Ministri dopo che gli avevano negato la fiducia i partiti comunisti, ambientalisti, radicali, cattolici e berlusconiani che componevano il suo governo. Il piano di D'Alema era quello di creare un burattino politico che avesse un faccione pacioccoso (ma meno forfora di Giuliano Ferrara) e che fosse facilmente manovrabile da dietro le quinte, mediante gli appositi fili di nylon.

Folla.jpg

Dario Franceschini si nasconde da qualche parte in questa foto.

Purtroppo, non tutte le ciambelle riescono col buco, e il miglior risultato che D'Alema ottenne fu, appunto, Dario Franceschini. Dato che, dopo i primi test di gradimento effettuati dall'ufficio marketing del PD in collaborazione coi ricercatori Oral-B, risultava che il pupazzo Franceschini terrorizzava col suo brutto muso i pampini e causava gravidanze isteriche alle loro mamme (si situava, quindi, poco al di sotto di Rosi Bindi e Gabriele Paolini nella scala di rischio biologico), si dovette ripiegare sul viso più rassicurante di Walter Veltroni, il quale, essendo ricco di fibre, aveva anche piacevoli effetti benefici sulle funzioni gastrointestinali dell'italiano medio.

Ma D'Alema non si perse d'animo e riuscì a inserire la sua creatura nell'organico del nascente Partito Democristiano Democratico, con l'incarico di viceVeltroni e sottosegretario ai ribaltoni.

[modifica] Il duro percorso di formazione

Il povero Franceschini, pur conservando un'intelligenza superiore a quella di Oliviero Diliberto, doveva essere educato velocemente ai sani valori della politica italiana per rimettersi in pari con la gloriosa tradizione politica del Partito Democratico. Ma il tempo a sua disposizione era scarso, e dovette essere iscritto in fretta e furia a un corso accelerato del CEPU prima delle elezioni di aprile.

Nella prestigiosa sede scolastica CEPU di Ferrara, Franceschini si contraddistinse per meriti accademici e per l'alto profilo intellettuale dei suoi dibattimenti alla macchina del caffé durante il quarto d'ora accademico, che vedevano sempre la presenza tra il pubblico di una folta schiera di luminari, tra i quali spiccano Alessandro Del Piero, Valentino Rossi, Christian Vieri, Harry Potter e il pupazzo Uan di Bim Bum Bam.

Durante i mesi di intenso studio, particolarmente feconde si rivelarono le lezioni di Diplomazia Politica Avanzata, corso tenuto dall'eminente docente Antonio Di Pietro, durante il quale Franceschini imparò le basi della dinamica del dialogo politico. Tra gli insegnamenti di maggior rilievo si ricordano:

  • Essere contrario a qualsiasi decisione presa dal Governo, perché Berlusconi è il male.
  • Se proprio non si può essere contrari con una decisione del Governo, per evitare figure di merda, meglio astenersi dal voto in Parlamento e fingersi indignati per qualcosa (il colore della camicia di Calderoli, ad esempio).
  • Ribadire che il PD è un partito laico, ma che rispetta e incoraggia il diritto del Papa di ingerire pesantemente nella vita politica italiana.
  • Ribadire che il PD è un partito a vocazione centrista, ma che rispetta e incoraggia il diritto alla lotta armata, alla guerriglia e alla sterminazione di massa delle correnti comuniste al suo interno.
  • Dare del coglione almeno una volta al giono a Berlusconi, questo per guadagnarsi la stima delle giovani leve del centrosinistra.
  • Dare del coglione almeno una volta al mese a Napolitano, ma farlo come se gli si stesse facendo un complimento.
  • Esprimere il proprio più viscerale stato d'animo per marcare il territorio di caccia, non si sa mai che a Mara Carfagna o a Mary Star Little Gelms venga in mente di invadere il tuo incontaminato territorio.
  • Fare velati riferimenti all'impotenza di Giulio Tremonti se si è in difficoltà durante una puntata di Ballarò.

Completato il duro iter di studi, Franceschini, laureatosi con il massimo dei voti e pompino accademico, poté ritirare la sua laurea scritta a mano da Antonio Cassano sul retro di una confezione di corn flakes e prepararsi per lo sfavillante mondo della politica.

[modifica] L'inarrestabile ascesa

La carriera politica di Dario Franceschini comincia all'ombra del doppio mento del suo leader e compagno di merende Walter Veltroni quando questi viene eletto alla segreteria del Partito Democratico.

Veltroni uomo invisibile.jpg

Veltroni e Franceschini a una riunione di partito.

Il contributo di Franceschini a indirizzare l'operato di Veltroni, pur mantenendo un profilo discreto, non è stato affatto ininfluente. È infatti l'autore della campagna politica di enorme successo "Se po' ffa'", grazie alla quale il PD perse il favore degli imprenditori, dopo essersi giocato quello degli operai candidando Matteo Colaninno.

Tra le altre idee geniali di Dario Franceschini, meritano di essere menzionate:

  • L'aver suggerito a Veltroni di usare la formula del "ma anche" per contraddirsi apertamente all'interno di una frase senza sembrare un coglione.
  • La scelta, da una parte, di usare come slogan "Stiamo cambiando la politica" e dall'altra parte di candidare, nelle liste del PD, tutti gli ex ministri del governo Prodi.
  • L'aver scelto il nome PD per il partito, facendo incazzare i cattolici, che vedono nella sigla riferimenti a una locuzione che fa piangere il Papa e, contemporaneamente, l'aver fatto incazzare i comunisti candidando Paola Binetti.

[modifica] L'elezione a segretario del PD

Nel febbraio del 2009 la leadership politica di Veltroni era quantomai traballante. Il partito aveva infatti perso il controllo di molte regioni considerate strategiche, di quasi tutte le province della Sicilia, dell'Abruzzo, della Sardegna e perfino dell'albergo in Parco della Vittoria, e la linea tenuta dal segretario del PD, che continuava a rassicurare tutti dicendo: "Gli italiani sono con noi, e poi possiamo istituire ben sette nuovi consigli provinciali-ombra", turbavano parecchio le alte sfere del partito.

Con un colpo di mano, Pier Luigi Bersani riuscì a rapire il criceto di Veltroni, intimandogli di rassegnare le dimissioni quanto prima, se l'avesse voluto rivedere vivo. Veltroni, che aveva promesso di andare a occuparsi di volontariato in Africa alla fine della sua carriera, cercò con ogni modo di restare al comando, per non doversi mischiare con tutti quei negri, ma dovette infine cedere. A quel punto, il gran consiglio superiore del PD in seduta plenaria, ossia composto da Massimo D'Alema e una penna a sfera raccattata su una scrivania, decise di investire del potere di segretario proprio Dario Franceschini, con un voto favorevole, zero contrari e zero astenuti (la penna, difatti, era dovuta uscire prima del voto per impegni famigliari).

Congedato ufficialmente Veltroni, che non ritirò nemmeno il suo frigo a pedali di consolazione, cominciava ufficialmente l'era Franceschini, il cui primo provvedimento fu di trasformare il Governo ombra del PD in Governo orgia, licenziando tutti i finti ministri, ad eccezione di Giovanna Melandri, e assumendo al loro posto sedici modelle estoni. Quest'ultima è attualmente considerata la sua iniziativa politica più rilevante e meglio riuscita.

[modifica] Le reazioni del mondo politico

Amministratrice minkipedia.jpg

La nomina di Franceschini a nuovo segretario del Partito Democratico ha finalmente portato la gioia e l'ottimismo nel popolo di sinistra.

Non appena Veltroni fu rispedito a casa col due di picche e Franceschini fu eletto segretario, il mondo politico e intellettuale si divise tra chi sosteneva e chi guardava con scetticismo alla neoeletta figura istituzionale.

Tra i commenti più rilevanti meritano di essere ricordati:

Wikiquote.png
«Finalmente il Pd ha un leader che sa leggere. E scrivere. Tutto nella stessa persona! Ora nessuno potrà più fermarci.»
Wikiquote.png
«Coglione! Cazzo, ecco che quel partito di comunisti e mezze seghe elegge un altro terrone che verrà mantenuto coi soldi di noi lumbard lavoratori.»
Partito nichilista.jpg

L'ultima, brillante campagna elettorale di Franceschini. Ancora oggi si possono apprezzare i risultati

Wikiquote.png
«Franceschini? Ma è quello? Io credevo fosse un attaccapanni.»
Wikiquote.png
«Ho molto orgoglioso per lui, gli ho imparato tutto di meglio che avevo.»
Wikiquote.png
«Datte foco, con quei capelli da frocio, chi ti credi di essere? Kennedy?»
Wikiquote.png
«Sì, sì, un ottimo elemento. Ora però scusate, devo andare a scrivere sull'Unità che è un coglione.»
Wikiquote.png
«Meno male, sono ancora il leader politico più bello.»
Wikiquote.png
«Aghhbghh sbghhb lghhgbg laaaghbgahhh.»
Wikiquote.png
«Dura minga»

[modifica] Ministro della Qultura

Il 22 febbraio 2014 è stato nominato Ministro dei Beni e delle Attività Culturali (o della Qultura). E no, non è uno scherzo di cattivo gusto.

[modifica] Foto secsi dal Myspace di Franceschini


[modifica] Voci correlate


Strumenti personali
wikia