Crisis Core: Final Fantasy VII

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Ripeti con me:
Final Fantasy VII non è stato creato da Tetsuya Nomura
Final Fantasy VII non è stato creato da Tetsuya Nomura
Final Fantasy VII non è stato creato da Tetsuya Nomura
Se hai compreso che il Final Fantasy VII originale non è stato creato da Tetsuya Nomura, al contrario di Advent Children, Crisis Core e le altre cagate della compilation, continua pure a leggere l'articolo. Altrimenti, ricomincia dalla frase "Final Fantasy VII non è stato creato da Tetsuya Nomura".


Locandina Crisis Core.jpg

Locandina strafiga del gioco, atta solamente alla pubblicità occulta del caso.


Quote rosso1.png Tu sei il mio lascito vivente... Quote rosso2.png

~ Un personaggio a un altro in un momento qualunque del gioco.
Quote rosso1.png Anche se il domani è arido di promesse, nulla impedirà il mio ritorno. Quote rosso2.png

~ Genesis su qualsiasi cosa.
Quote rosso1.png Uhm, il primo Final Fantasy per PSP, che nonostante un buon gameplay ha una trama scadente e piena di buchi ed errori di continuità... sicuramente sarà un errore che non verrà ripetuto. Quote rosso2.png

~ Illusione di un fan medio all'acquisto di Crisis Core.

Crisis Core: Final Fantasy VII è il primissimo prodotto Square-Enix originale per PSP, e quale miglior modo di iniziare se non sfruttando il successo commerciale del settimo capitolo e creando un abominio con personaggi che non si sa come siano finiti dove sono, un sistema di combattimento basato sulla ruota della fortuna e una storia banale e quasi scontata?

La cosa migliore è che questo capitolo riesce a entrare in collisione non solo con l'originale, ma anche con il prequel, il film e lo sparatutto, riuscendo a detenere il primato come titolo in grado di rovinare un'intera saga in un colpo solo.

[modifica] Trama

Stop hand.png
Attenzione, da qui in poi questo articolo contiene spoiler.

Una volta avevo un criceto di nome George che lesse la trama di "Bianca e Bernie nella terra dei Borghezio" prima di vedere il film e si suicidò. Quindi fate attenzione, non voglio avere altre morti pelose sulla coscienza.

Paradosso Crisis Core-Advent Children.jpg

La prova evidente che Nomura realizza le trame dei suoi prodotti alla cazzo di cane.

Gira che si rigira, la storia è sempre la stessa: un giovane niubbo di provincia di nome Zack lavora come Soldier al complesso energetico della Shinra, famoso per l'alto risparmio energetico e i minimi danni all'ambiente causati dalla società, fatti tuttavia contestati ripetutamente da malvagi e infidi attivisti di Legambiente. Questa volta, per essere originali, a Zack vengono affiancati, oltra agli onnipresenti Cloud e Sephiroth, due nuovi amichetti del platinato smilzo, tali Angeal e Genesis.

Per rendere vivaci le cose, un giorno il povero Genesis decide di mollare la carriera del Soldier per fare l'attore drammatico: sfortunatamente non aveva letto la tipica postilla scritta in minuscolo del contratto, la quale diceva che era vincolato a vita alla Shinra; Angeal viene spedito insieme a Zack e a Sephiroth per raccattarlo, ma l'unico risultato ottenuto è quello di perdere anche Angeal, giusto subito dopo che l'albino con la katana ha finito di fare a fette spiriti d'evocazione a caso. A questo punto tocca a Zack andare a raccattare i due dispersi, e i risultati sono per la trama molto più orrendi di quanto poteva essere stato immaginato.

Difatti, dopo intrepide fughe e aspri combattimenti a Zack tocca uccidere Angeal[1], il quale gli dona alla sua morte il suo famoso spadone Buster Sword che poi passerà in futuro a Cloud. Nel frattempo il protagonista si era anche fatto una certa fama trovandosi due belle tope di città: un'agente segreta con la faccia di un cocker spaniel e una fioraia del basso volgo che sicuramente non sarà mai sfiorata con un dito da nessuno. Infine il destino beffardo aveva (s)fortunatamente interposto sul cammino di Zack l'ormai stra-usato Cloud, il quale si era anche stufato di dover sempre fare la parte dell'emo depresso di turno.

Dopo un altro po' di tempo avviene quello che tutti conoscono: Sephiroth perde la testa, Cloud quasi si ammazza per effettuare un rollup ai danni del platinato eroe e infine Zack e Cloud vengono rinchiusi come cavie da laboratorio perché sì.I due poi fuggono e dopo un non molto eroico inseguimento e un'anonima battaglia contro Genesis, anche Zack muore[2] lasciando lo spadone a Cloud, il quale dopo una toccatina d'obbligo parte verso quella che sarà la settima Fantasia Finale.

OKAY.png
Spoiler.gif
La trama è finita, leggete in pace.


[modifica] Personaggi

Crisis core Final Fantasy VII.jpg

Com'è facilmente notabile da quest'immagine, è evidente che Zack va dallo stesso parruchiere di Bill Kaulitz.

Zack Fair

Soprannominato "Zack il cane", "Zack il cucciolo" o più semplicemente "Zack il leccapiedi" da Angeal, in teoria dovrebbe essereil protagonista di questo gioco, anche se controllarlo per troppo tempo può causare crisi epilettiche improssive. Nonostante si faccia più amici nel mondo di quanti ne possa sperare un truzzo medio di 17 anni su Facebook, il migliore amico di Zack è e rimane Cloud, il quale gli è a sua volta così amico che non solo provoca la morte del sovrestimato eroe, ma gli fotte pure sia la spada che la ragazza[3]. Zack quindi muore a causa dei trilioni di proiettili dei soldati inseguitori nel tentativo di salvare la vita a Cloud, dopo essersi quasi fatto uccidere da Sephiroth, essere stato rinchiuso in un cilindro pieno di sperma per esperimenti ignoti a tutti e fuggito dopo essersi dimenticato la famosa clausola del contratto della Shinra.

L'opinione pubblica si è sempre divisa su Zack: per il giocatore medio è un mezzo come un altro per affettare i nemici e per scorrazzare in giro per il mondo[4], per i fan nomuriani è invece uno dei personaggi più riusciti e carismatici ideati dal sommo Nomura, mentre per i fan classici è un abominio che andrebbe sciolto nell'acido; tutte cose che fanno intuire l'alta imparzialità delle fazioni.

Cloud Strife

Trascinato nuovamente sulla scena di un nuovo titolo, il biondino anche stavolta impersona come migliore amico di Zack, nonché semplice fante[5]; tuttavia, dopo la morte di Zack, Cloud si riscatterà diventando il grande eroe che tutti hanno conosciuto nel settimo capitolo e di cui si sono dimenticati dopo l'immusonizzazione effettuata negli altri titoli della Compilation.

L'utilità della presenza di Cloud viene rivelata presto, difatti le uniche cose che il suo copione prevede sono: vomitare, infilzare Sephiroth con la forza di mille soli[citazione necessaria], venire infilzato a sua volta e poi venire inseguito dai soldati che volevano ucciderlo ma non l'hanno fatto credendo che fosse già morto quando invece era strafatto di Mako. Tutto qui: molto utile ai fini dell'approfondimento del personaggio, vero?

Angeal Hawley
Conan il barbaro con spada.jpg

Angeal in posa con la Buster sword.

Mentore di Zack, è lui a regalare quel simpaticissimo arnese inutilizzabile noto come Buster sword... e questo è tutto quello che viene detto su di lui. Ah si, è il miglior amico di Sephiroth e Genesis, e con loro ammazza il tempo scannandosi in rapporti a 3 nella sala d'addestramento della Shinra.

Oltre alla bassa caratterizzazione, Angeal riesce poi non solo a sparire e a diventare malvagio senza motivo, ma a farsi crescere delle ali a caso, creare dei cloni che non gli somigliano per niente e trasformarsi in un obrobrio che spaventerebbe anche la mente di Lovecraft, riuscendo però a tornare umano giusto in tempo per dire il classico discorso drammatico a Zack fatto prima di schiattare.

Genesis Rhapsodos

Irritante. Detestabile. Ancora peggio di Mara Venier. Sono queste le parole migliori per descrivere questo clone letterale di Gackt in quanto ogni volta che appare risulta più antipatico di una spina nel culo, la cosa che gli riesce meglio infatti e ripetere in continuazione il suo poema "LOVELESS", tanto che entro la fine del titolo, il giocatore lo avràa memoria in giapponese, inglese e perfino in canadafricano. Tutti lo imploreranno, lo pregheranno di smettere di dire cazzate ma sfortunatamente, Genesis non lo fa mai in quanto è semplicemente troppo figo per dare retta a chicchessia; per questo motivo Zack lo mette ripetutamente a tacere per 3 volte, le ultime due piantandogli la Buster sword tra le natiche.

Ma la cosa peggiore che Genesis ha fatto, oltre a ritenersi responsabile per la pazzia di Sephiroth è essere il cliff-anger di Dirge of Cerberus, lasciando quindi la possibilità a Nomura di creare ulteriori sequel.

Sephiroth
Crisis core Final Fantasy VII quattro donne.jpg

Foto di gruppo per Novella 3000.

Lo smilzo più malvagio di sempre con la sua fedele katana così lunga da rivaleggiare con il bastocino di Goku; in questo prequel, al platinato eroe tocca fare la parte dello sfigato che vede schiattare o passare al Lato Oscuro i suoi amici, al punto da chiedersi:

Wikiquote.png
«Se lo possono fare gli altri, perché io no?»

Infatti il povero Sephiroth impazzisce, come sempre credendo che E.T. sia sua madre e che il genere umano vada sterminato prima del 2012, ma questa è storia antica. Il problema è che in questo episodio viene fatto credere che il bianco smilzo sia passato al lato oscuro solo grazie a Genesis, stroncando metà del carattere e del carisma del personaggio. Forunatamente viene messo subito a nanna da Zack e da Cloud, non prima però di aver rovinato loro la vita quasi uccidendoli e condannandoli ad anni di inutili sperimentazioni.

Hojo

Uno dei supercervelloni della Shinra, famoso per la risata correlata da headbanging improvviso e per il livello di umanità pari a ben -9.5 punti; è lui a ricordare in continuazione al Presidente Shinra la famigerata postilla nei contratti dei dipendenti, e inoltre si diverte a giocare a fare Frankenstein con animali ed esseri umani vari, senza che sia nessun Papa ad impedirglielo[6].

È proprio Hojo a decretare che Zack e Cloud vadano rinchiusi in laboratorio senza un motivo decente, ma sfortunatamente non sarà possibile affettarlo in questo gioco: bisognerà aspettare che Cloud formi il suo allegro gruppetto di merende dopo la morte di Zack. Fino ad allora, Hojo potrà continuare a fare quel cazzo che gli pare e piace, per la gioia di Madre Natura

Aerith Gainsborough

La fioraia del basso volgo di Midgar rimorchiata da Zack dopo che questo ha fatto un volo di cinquantaundici metri e si è salvato miracolosamente le chiappe atterrando su dei fiori cresciuti a caso[7]. Per tutto il gioco, Aerith non fa altro che apprezzare e accudire i suoi fiorellini, tentare di costruire un carrello[8] con cui vendere i fiori e rompere a Zack gli attributi per non punire un ladruncolo del quartiere; pure in battaglia è inutile in quanto arriva proprio quando non c'è bisogno di lei ma magari di un'evocazione. Il suo unico effetto infattti è di curare Zack, senza fare un graffio ai nemici, rendendola la combinazione degli slot più inutile.

Tseng
Reno di Final Fantasy VII Before Crisis.jpg

Uno dei migliori sottoposti di Tseng nella sua espressione più intimidatoria.

Il povero impiegato statale a capo dei Turks, il servizio di agenti segreti della Shinra che avevano avuto fin troppo spazio in Before Crisis; in questo titolo, Tseng si limita a fare una breve comparsata con Zack in un villaggio chiamato Bananora, ma che stranamente non ha banane ma mele bluastre, segno evidente della presenza di un reattore della Shinra nelle vicinanze.

Per il resto, il cazzaro in giacca e cravatta fa solo brevi repulisti con il suo elicottero non appena Zack lo chiama occasionalmente, anche se il Soldier si trova in una caverna ed è braccato dalla Shinra, ennesimo simbolo della mancanza di coerenza di questo titolo.

Cissnei

L'agente segreto rimorchiata da Zack, in realtà è stata pescata a caso fra i Turks di Before Crisis mediante un biglietto della lotteria truccato per fare un cameo che non porti rilevanze alla trama; la sua utilità nella storia quindi è pressoché inutile, tant'è che non appare più in tutta la Compilation, conscia che fare ciò rovinerebbe la sua carriera nel mondo dei GDR. Per il resto, Cissnei si limita in battaglia a dare il suo sostegno a Zack urlando "Ce la puoi farcela!", plagiando quindi spudoratamente PierGiorgio del Bradipo.


Minerva

Una specie di divinità messa così per essere il superboss di turno; infatti non si capisce che ci faccia, né perché non è apparsa negli altri episodi della Comilation. La si vede giusto una volta mentre disintegra Genesis con solo un battito di ciglia, ma la si può affrontare come boss secondario dopo tutte le settordici missioni secondarie: ovviamente il giocatore medio non riuscirà mai a sconfiggerla, e pertanto dovrà cercare nei meandri della Rete una soluzione per batterla in 5 secondi.

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Trasformatosi nel frattempo in uno dei Grigori di Star Ocean: The Last Hope.
  2. ^ Sì, anche lui non sapeva della postilla.
  3. ^ Facendo tra l'altro morire anche lei.
  4. ^ Quantomeno, le 3-4 mappe riciclate all'infinito che lo compongono.
  5. ^ Leggasi: carne da macello.
  6. ^ In buona sostanza, lo zenit di qualunque scienziato.
  7. ^ Una scena che non verrà mai più ripetuta per il resto di tutta la Complilation.
  8. ^ Che più che un carrello viene fuori una carrozzina.


Final Fantasy logo generico serie.png
Strumenti personali
wikia