Coro dei pompieri

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Santi Licheri
Quest'articolo è sotto processo!
Le sue sorti sono in mano al giudice Santi Licheri, che sta decidendo se cancellarlo o meno. Il tuo voto può fare la differenza (ma non illuderti più di tanto...). Leggi la politica di cancellazione di Nonciclopedia.


Attenzione, avvenimenti fantastici in circolo

L'articolo è pieno di fatti che non hanno NULLA a che vedere con il soggetto. Nonciclopedia non ha mai scritto cose particolarmente serie, ma pretende che almeno abbiano qualcosina a che vedere con l'oggetto nel titolo.

Quindi non ci interessa sapere come Laura Pausini scoprì le Americhe, come Antonella Clerici faceva Help-Desk, come Goku ha inventato il cacciavite, di Balto che ha conquistato il Marocco o di come Pikachu ha scoperto la formula della relatività.

Ma, ancora meno, Nonciclopedia non ha bisogno di pagine su cose che non esistono non sono mai state inventate prima d'ora. Inoltre vi ricordo che Stanley Kubrick ed Alfred Hitchcock non hanno diretto nessun film dopo il 2000, essendo già morti, quindi è inutile citarli a caso. Per ulteriori informazioni vai qui.
firma/data: --Phantom Dusclops'92 (talk) 23:39, mar 29, 2018 (CEST)

Pinocchio2

Il coro dei pompieri è l'inno nazionale italiano.

[modifica] Genesi

Vigili del fuoco di Brescia con le braghe calate per protesta

Il coro dei pompieri di Brescia che si appresta a iniziare l'esecuzione.

Correva l'anno yyyy, ma beccò l'autovelox e quindi: camminava l'anno yyyy quando il Ministro della Semplificazione, alzando il capo dai suoi compiti istituzionali ebbe l'idea del secolo: cambiare l'inno nazionale. Non conoscendo molte melodie pensò bene di adottare il primo motivetto che gli passava per il capo. Il problema è che a parte una serie di grugniti vagamente assomiglianti al Va' pensiero non riusciva a concepire altra musica. Rassegnatosi indisse un referendum popolare per determinare il sostituto di quel Mameli che, per formazione professionale proprio non riusciva a digerire.

[modifica] Il referendum

Furono inviate millemila idee, ma la redazione di Mediaset, delegata alle selezioni, optò per due alternative: la prosecuzione di Mameli e un coro creato dai fratelli Onion, Oliver e Oliver. Fu lanciato il televoto e la campagna elettorale, che fu sostanzialmente equa, a parte quella trasmissione, eccezionalmente a reti unificate in prima serata in cui Ainette Stephens, Anna Falchi, Aida Yespica, Victoria Silvstedt e altre tre o quattro gnoccolone si presentarono completamente nude promettendo che avrebbero concesso una notte di sesso a chi votava per il coro degli Onions. I sostenitori di Mameli, non avendo altra carne a disposizione, schierarono Rosy Bindi e Paola Binetti. Ottima mossa, ragazzi.

[modifica] L'esito

La comunicazione ufficiale dei risultati fu comunicata a TG4 unificato, in cui si disse che mai nessuno era stato capace di radunare il 100% assoluto di preferenze attorno a una sua idea. Una telefonata proveniente dal Vaticano indusse tuttavia a un'immediata correzione di detta affermazione. Nondimeno il risultato fu di schiacciante vittoria per il coretto, che si rivelò insolitamente più popolare e gradevole del vecchio inno (sondaggio Euromedia).

[modifica] Il video ufficiale della prima esecuzione

Original video

[modifica] Articoli correlati

Strumenti personali
FANDOM