Concilio di Nicea I

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Scomunicaimminente

Questa pagina offende il Signore ed i suoi seguaci!
Smetti di leggerla, o sarai scomunicato, arso vivo
e messo sotto sale per compiacere il Signore.

Icona Concilio di Nicea I

Quote rosso1 Allora, quanti la capricciosa? Quote rosso2

Quote rosso1 Era vergine, possa piovermi un fulmine sul capo, certo ch'era vergine! Quote rosso2

~ Vescovo su Maria durante il Concilio
Quote rosso1 'Cazzo dici? Se appare solo in un testo?! Quote rosso2

~ Altro vescovo, sempre su Maria
Quote rosso1 E per Giove, vi volete mettere d'accordo? Porco Zeus! Quote rosso2

~ Costantino su precedenti tizi

Il Concilio di Nicea I è stata la più grande rissa teologica nonché caso di pazzia collettiva di tutta la storia romana tardoantica. Il concilio verteva sul fatto che una massa di ciarlatani in palandrana, altresì detti vescovi, e un gelataio col cappello da idiota, altresì detto papa, si dovevano una volta per sempre mettere l'anima in pace e decidere quale favola dottrina propinare insegnare alle genti. A scrutare il tutto come un magister iudicis miii penis vi fu l'imperatore Costantino I, al quale sinceramente nun glie ne poteva frega' de meno di tutto ciò.

[modifica] Scopo

Bouncywikilogo
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Concilio di Nicea I

Il concilio nasce con lo scopo di mettere a tacere tutte quelle teste calde che stavano dalla mattina alla sera a litigare su un'improbabile tipo nato il 25 dicembre da una vergine, che compì miracoli per il rotto della cuffia, racimolò 12 idioti, salvo poi essere tradito dal più coglione di questi e che morì crocifisso tre giorni prima di risorgere[1]. In particolare esistevano due fazioni, guidate da due improbabili personaggi:

Il secondo motivo per cui i prelati si erano riuniti era che di Vangeli ce n'erano troppi, e ognuno diceva una cosa diversa, con conseguente mal di testa dei fedeli che, non sapendo da che parte guardare, entravano in una specie di trans ipnotico, oppure si menavano tra loro credendo ognuno di aver ragione, mentre i pagani li guardavano e se la ridevano. Questo portò Costantino I alla decisione che 'sti dannati testi andavano scelti attraverso un'accurata ricerca dei contenuti, degli insegnamenti e delle forme, altrimenti li sceglieva lui a cazzo di cane col rischio di trovarsi Gesù Cristo figlio di Goldrake.

[modifica] Organizzazione del concilio

La riunione venne organizzata da Costantino I in una chiesa da qualche parte dell'Impero Romano d'Oriente. Il Concilio è stato organizzato secondo lo schema del meeting di Rimini, cioè con tornelli e tendoni dappertutto, per far credere alla gente che non erano quattro gatti; a tal proposito si pensa anche che in realtà sia stato Sacconi a prendersi l'incarico di organizzare la manifestazione, con conseguente manipolazione delle cifre conta dei presenti. Sempre a questo proposito, si stima che i vescovi partecipanti siano stati da 250 a 320, 1800 secondo L'Osservatore Romano e Avvenire.

[modifica] Svolgimento del concilio

Recentemente ci è arrivato, insieme alla Pergamena, un verbale, proveniente dalla basilica di San Pistacchio, che rende l'idea di come poteva essersi svolta la riunione, parola per parola, eccovi il testo[2].

Presenzio di Casamia : Quote rosso1 Appello, siori appello. Ci siamo tutti? Clorentino? Quote rosso2
Clorentino : Quote rosso1 Eccomi! Quote rosso2
Presenzio di Casamia : Quote rosso1 Gerémia? Quote rosso2
Gerémia : Quote rosso1 Eccomi! Quote rosso2
Presenzio di Casamia : Quote rosso1 Costans di Mid... Med... Midnla... Midland? Quote rosso2
Costans di Midland : Quote rosso1 Ekko, zto kvy! Quote rosso2
Presenzio di Casamia : Quote rosso1 Costantino il pagan Grande? Quote rosso2
Costantino I : Quote rosso1 Aoh! Ce sto... ma senti: nun la voi pianta'? Ché tanto lo so io che ce semo tutti. 'O juro! Quote rosso2
Christostato : Quote rosso1 We, nun se jura, piccio'! Quote rosso2
Costantino I : Quote rosso1 E portame 'n poco de rispetto che so l'imperator tuo, galileo! Quote rosso2
Presenzio da Casamia : Quote rosso1 Calma calma, non siamo qui per litigare.... Quote rosso2
Nicola di Mira e Ario : Quote rosso1 (sottovoce) Per ora... Quote rosso2
Presenzio da Casamia : Quote rosso1 Allora cominciamo? Quote rosso2
Costantino I : Quote rosso1 Se ve va... Quote rosso2
Alessandro da Alessandria : Quote rosso1 Allora.... li argumenta del dì son... la determinazione della data pasquale, la verginità di Maria... e la natura di Cristo. È quanto. Quote rosso2
Presenzio da Casamia : Quote rosso1 Appunto. Quote rosso2
Costantino I : Quote rosso1 Eh? Quote rosso2

Costantino busto

Quote rosso1 Che paalle! Quote rosso2

~ Costantino prima...

Ario : Quote rosso1 Niente... si tratta solo del Salvatore, la Grande Madre e la nascita del primo... Quote rosso2
Costantino I : Quote rosso1 Ma La Grande Madre non era un nome di una divinità pagana? Quote rosso2
Christostato : Quote rosso1 Null', lascia stare... Quote rosso2
Nicola di Mira : Quote rosso1 Obbe'... secondo me Gesù era figlio di Dio, Maria... e che ne so!? Per la Pasqua per me andrebbe bene il 26 dicembre. Quote rosso2
Gerémia : Quote rosso1 26 dicembre!?... Quote rosso2
Presenzio da Casamia : Quote rosso1 Se fosse per questo anche il 27 va bene... ma mi sfugge la ragione del perché... Quote rosso2
Nicola di Mira : Quote rosso1 Così le feste di Natale durano di più. Quote rosso2
Gerémia : Quote rosso1 E ti pare una ragione sensata? Quote rosso2
Costantino I : Quote rosso1 A me nun me disturba. Quote rosso2
Costans da Midland : Quote rosso1 Il 27 nein! È il kompleanne di mia moglien. Quote rosso2
Ario : Quote rosso1 Posso dare la mia modesta opinione? Secondo me Gesù non era figlio, ma bensì messaggero di Dio, o Sophya, che ha generato tutto tramite la scissione di sé, originariamente riunito nel Monade, ma corrotto da una sua forma: Demiurgo, creatore di tutta la materia, che Gesù ha detto di schivare e raggiungere così la riunione con Sophya: la Gnosi. Quote rosso2
Costantino I : Quote rosso1 Eh? Gnosi? Monade? Demiurgo? Ce sto a capi' ancor de meno de du' seconni fa'... Quote rosso2
Germanico da Mosca : Quote rosso1 Cosa? Ma chi è quel Monade lì che, che batte la porta[3] e la chiude urlando, Dio... Quote rosso2
Costans di Midland : Quote rosso1 Ghnosy? Ma kvesten ezzere erhesien! Quote rosso2
Nicola da Mira : Quote rosso1 No, questa è blasfemia! Quote rosso2
Costantino I : Quote rosso1 No! QUESTA È SPARTAAAAAAAAAA!!! Quote rosso2

(si girano tutti e lo fissano)

Costantino I : Quote rosso1 Che c'è: pensavo fosse 'n gioco... Quote rosso2
Presenzio da Casamia : Quote rosso1 Continuiamo? Quote rosso2
Clorentino : Quote rosso1 Secondo me Gesù era stato generato, e non creato, da Dio... ma la Madonna e la sua verginità, andiamo, è 'na cazzata. Quote rosso2
Presenzio da Casamia : Quote rosso1 Sicuro, l'accendiamo? Quote rosso2
Alessandro da Alessandria : Quote rosso1 Vossignoria è concorde? Quote rosso2

I e II rappresentante del papa : Quote rosso1 A nome del papa... andate avanti, che finora non ci ho capito molto. Quote rosso2
Costantino I : Quote rosso1 E lo dici a me? Quote rosso2
Monstero art attack

Quote rosso1 Allegria! Quote rosso2

~ ...E dopo il Concilio

Gerémia : Quote rosso1 Se mi posso permettere... :
Il Mistero non può essere posseduto: è oggetto di esperienza ma non può essere posseduto, cioè misurato, esaurito, abbracciato nella sua totalità. Ma è altrettanto vero che è posseduto, come è altresì vero che ciò sia possibile nella sua interezza, si prosegua nel cammino di Nostro Signore in cerca di ciò che noi chiamiamo Verità. Il Mistero non è l’ignoto; è l’ignoto in quanto diventa contenuto di esperienza sensibile, o vita, creata e non generata da Dio, forza di tutte le cose, alle quali aneliamo. Il Verbo di Dio è un possesso inesauribile e, perciò, non può che essere vissuto nell’umiltà, nella quale il nostro Salvatore arrivò in seme alla Madonna, che nella sua purezza era vergine. Il Verbo di Dio, fatto seme nel seno della Madonna, la Madonna lo possedeva; fatto bambino, giovane, uomo, la Madonna come madre lo possedeva, come donna che era sua madre lo possedeva Quote rosso2


Christostato : Quote rosso1 C'acci dett'?! Quote rosso2
Costantino I : Quote rosso1 A meo pare', questa era 'na foglia de canapa decisamente tajata male. Limortàcci... Quote rosso2
Gerémia : Quote rosso1 Costantino, quello che volevo semplicemente dire è che le teorie di Ario so' delle emerite stronzate... Quote rosso2
Costantino I : Quote rosso1 Ah bbello, ma ti sei sentito tu? Quote rosso2
Nicola di Mira : Quote rosso1 Questa è teologia... Quote rosso2
Costantino I : Quote rosso1 E io contino a ripete' che questa è canapa... Quote rosso2
Alessandro da Alessandria : Quote rosso1 Allora, Christostato, vuoi dire tu qualcosa? Quote rosso2
Christostato : Quote rosso1 Nun saccio che di'... bah! Mi assuocio a Gerémia... Quote rosso2
Nicola di Mira : Quote rosso1 E dato che pure a me quel tipo mi sta parecchio sulle palle, mi associo pur'io. Quote rosso2
Ario : Quote rosso1 Che hai detto!? A chi starei sulle palle!? Quote rosso2
Nicola di Mira : Quote rosso1 Proprio a me, hai sentito bene, eresiarca! Quote rosso2
Ario : Quote rosso1 Eresiarca lo vai a dire a tua sorella! Quote rosso2

(parte un ceffone)

Christostato : Quote rosso1 Camma, uaio', calmaa... Quote rosso2

(gli arriva un doppio diretto dritto in faccia da parte dei due di sopra)

Costans di Midland : Quote rosso1 Whurlesteuldèn! Kwhy cci zi mena ti pruttho... mhy unyzko ankio, fa'.... Quote rosso2
Alessandro da Alessandria : Quote rosso1 Un po' di contegno siori, vi prego... Quote rosso2

(gli parte anche a lui l'ennesimo diretto in faccia, seguito da una bibbiata dritta in fronte)

Ario : Quote rosso1 Chissene'! Vieni quà, terrone! Quote rosso2
Christostato : Quote rosso1 Ue'! Inanzitutto so' de Atene, poi... Quote rosso2

(ripartono i pugni, ricominciano le botte)

Clorentino : Quote rosso1 Lo sapevo io che non ci dovevo veni'! Quote rosso2
Costantino I : Quote rosso1 Vabbò, che dici: aspettiamo che finiscano? Quote rosso2

[modifica] Decisioni de 'sto cazzo de Concilio

Le decisioni del Concilio furono prese con larghissima maggioranza in quanto nessuno aveva il coraggio di dire la propria, e furono essenzialmente queste:

Mosaico con Costantino

Costantino gioca ai Lego durante il Concilio.

  1. Per colpa di un tizio chiamato Eusebio di Cesarea, si arrivò alla conclusione che ogni nuovo adepto o fedele dovesse recitare in chiesa un mantra di cui non capiva neanche lui il significato, chiamato "credo niceno", che confermava tutto quello che era stato affermato nel Concilio (o quasi), definendo eretici tutti coloro che non la pensavano così e autorizzando a pestarli finché lo si ritenesse necessario.
  2. Venne dichiarata ufficialmente la nascita virginale di Gesù, nonostante la cosa apparisse solo in un testo, ma a quanto pare gli bastò.
  3. Ario venne pubblicamente dichiarato eretico e quindi stronzo. Fu linciato, umiliato e gli venne fatto cantare "O sole mio" in falsetto, a braccia conserte, saltellando su un piede, vestito da donna incinta.

Altre decisioni prese dal Concilio furono:

  1. Dichiarare brutte e cattive le teorie del vescovo Melezio di Licopoli, al quale toccò la stessa sorte di Ario
  2. Fu decisa una regola ad categoriam per il battesimo degli eretici, i quali dovevano giurare sulla propria stupidità
  3. Si giustificarono i linciamenti di chi, durante le persecuzioni, aveva negato il cristianesimo o lo aveva leggermente criticato.

Alla fine dai vescovi furono stabiliti i seguenti dogmi canoni:

1. Proibizione dell'autocastrazione ai biondi, mori, a quelli alti più di 1,57 metri e ai fun dell'imperatore e del papa, tutti gli altri potevano pure tagliarselo, tanto non gli sarebbe dispiaciuto più di tanto.
2. Definizione di un termine minimo per l'ammissione dei neo-catecumeni nella C.H.I.E.S.A., di modo che diventasse una specie di concorso e si favorissero così i più raccomandati i più meritevoli.
3. Proibizione della presenza di donne nella casa di un chierico, sempre che non fossero ben pagate o pagassero esse stesse.
4. Un vescovo poteva diventare tale solo se pagava in denaro, in natura o in qualsivoglia altro modo altri tre vescovi della propria provincia, subordinati ad un vescovo metropolitano.
5. Fu stabilita una legge astrusa sugli scomunicati che puntava a umiliarli prima di potersi ribattezzare.
6. Dittatura dei vescovi di Roma e Alessandria d'Egitto.
7. Genuflessione verso il vescovo di Gerusalemme, con particolare attenzione nel leccargli il culo.
8. Riconoscimento dei Novaziani, altresì detti niubbi.
9.-14. Provvedimento di clemenza verso gli apostati delle persecuzioni, ma una clemenza che ammetteva l'umiliazione.
15.-16. Proibizione del trasferimento dei vescovi dalle loro città, di modo che potessero meglio gestire "i loro affari".
17. Proibizione dell'usura fra i chierici, ma incoraggiamento al sadomasochismo.
18. Precedenza di vescovi e presbiteri sui diaconi nello sbafarsi il pane azzimo la domenica.
19. Tutte le donne diacono sono da considerarsi come i laici, perché sono inferiori.
20. Proibizione di inginocchiarsi durante la liturgia della domenica e nei giorni pasquali, fino alla Pentecoste, ma dovere di fare i cagnolini del papa ogni qualvolta lo vedessero.
21. Venne dichiarato che l'Agnosticismo Mosconiano era un'eresia, sebbene accettasse le posizioni teologiche del Concilio.

Subito dopo il Concilio i presenti si prostrarono all'imperatore, ballarono la giga e brindarono per il concluso successo, poi chiamarono la Croce Rossa per curare gli infortunati. Dopo questa allegra festicciola, Costantino annunciò l'unificazione della Chiesa e l'acquisto della sua nuova vasca da bagno.

[modifica] Il credo Niceno: scopiazzature e non rispetto al credo cattolico

Manoscritto incomprensibile

Una comprensibilissima pergamena contenente il Simbolo Niceno e una macchia d'olio.

Prima della "riunione" ognuno poteva ripetere come un cretino il proprio credo senza che qualcuno gli dicesse niente, e ciò preoccupava molto l'imperatore perché ogni volta che si alzava la domenica gli toccava sentire dieci, cento, diecimila chiacchericci diversi la mattina, il che gli causava spesso forte emicrania. Da qui la decisione di unificare il credo e piantarla una volta per tutte con le aspirine. Gli elementi di questo credo sono:

  1. Dio è uno solo, in pratica il ribadimento della scoperta dell'acqua calda
  2. Gesù è descritto come Dio da Dio, luce da luce, in pratica un modo subdolo per dire che Ario meritava di averlo messo in culo per sempre, insieme agli Gnostici e compagnia.
  3. La dottrina dice generato e non creato, sempre a proposito di Gesù, e questo è l'ennesimo modo per smerdare Ario[4].
  4. La dottrina dell'homooùsion (vedi dopo), probabilmente dettata da Costantino, che si sentiva in quel momento in vena di cazzate.

Il terzo articolo del Simbolo Niceno è il "Credo nello Spirito Santo", ennesimo modo per discriminare gli Ariani. Tale articolo era stato generato dopo 20 anni di Concili, a dimostrazione che i preti non c'hanno proprio 'na minchia da fare, ma d'altronde anche Costantino non era da meno.

Lo stesso imperatore poi dichiarò che chiunque non accettasse questo credo avesse tutte le carte in regola per essere esiliato. A causa delle scuse espresse da Eusebio di Nicomedia e da Teognis di Nicea, e della frode che secondo Costantino perpetrarono, essi, pur avendo avallato le decisioni conciliari, vennero esiliati in Gallia, costretti a vivere di solo pane, vino e brioche. Tre mesi dopo, Ario fu messo al bando in una remota provincia dell'Illirico, la sua persona e i suoi discepoli furono bollati dalla legge con il nome di porfiriani, ovvero "Coloro che non accettano un equivalente di un decreto-legge fatto apposta per piantarla su un inutile dibattito dall'Imperatore e che meritano quindi di essere eternamente fanculizzati", i suoi scritti furono bruciati e contro chiunque ne fosse stato trovato in possesso fu prescritta con valenza retroattiva la pena capitale.

[modifica] Dichiarazione dell'homos... homùss... homoos... homooùsios

Disegno Dio-Gesù, padre-figlio

Spiegazione teologica dell'homooùsios.

In pratica l'homooùsios non è filosofia, ma è un concetto matematico di uguaglianze e somiglianze. Infatti prima che il Concilio fosse annunciato c'era chi credeva che Gesù e Dio fossero la stessa cosa, e chi credeva che fossero diversi; ovviamente ai fedeli non importava, ma ogni scusa era buona per perdere tempo.

Gran parte della disputa riguardava la differenza fra l'essere nato o creato e l'essere generato dal Padre. Gli ariani dicevano che i due concetti erano la stessa identica cosa, i seguaci di Alessandro no, perciò la loro tattica in quella discussione fu sorridere e annuire.

Ora: logicamente si potrebbe concludere che nessuno dei due ha ragione, oppure entrambi, ma non essendo la teologia soggetta alle leggi della logica-matematica, e cioè essendo un insieme di seghe mentali, venne deciso dal Concilio la vittoria dell'homooùsios, in quanto la cosa gli sembrava più bella, anche se nessuno era stato a sentire e s'erano addormentati tutti prima. Questo si ritroverà poi nel Credo senza una plausibile spiegazione.

[modifica] La data di Pasqua

Gesù agnello pasqua

Gesù poco prima di sopprimere violentemente un povero agnellino pasquale per poi sbranarlo, dipinto nella chiesa di Don Bosco a Latina.

La festa della Pasqua è legata alla Pasqua ebraica, festeggiata il 14 del mese di Nissan come stabilito dal calendario ebraico del Mitico Libro del Mostro degli Spaghetti Volante.

Nonostante ciò papa Sotero, un vecchio e sconosciuto papa, decise di non far mai coincidere la Pasqua cristiana con quella ebraica, e affidò ad un gruppo di kapò il calcolo; ancora oggi l'algoritmo di calcolo della domenica della Pasqua è un mistero come la ricetta della Nutella.

« Il motivo di questa decisione era l'opposizione netta e severa al giudaismo, che aveva disonorato la Pasqua con la crocefissione del Signore. »
(Mein Kampf Lettera di un parroco per niente antisemita)
« ...sembrava una cosa indegna e disonorevole che nella celebrazione di questa santissima festa si dovesse seguire l'oscena pratica dei Giudei, che hanno insozzato le loro schifose mani con un peccato enorme e imperdonabile, e sono stati giustamente puniti con la cecità delle loro anime. »

Il Concilio di Nicea, dunque, non stabilì alcun criterio oggettivo per il calcolo della Pasqua, tranne uno solo: che la Pasqua non potesse mai, assolutamente e per nessun motivo al mondo essere celebrata il 14 di Nissan.

Caccia streghe 011

Un'eretica viene amorevolmente perdonata.

[modifica] Il battesimo degli eretici

Durante questo party, furono prese decisioni definitive al riguardo del battesimo degli eretici. Qui si rappresenta la procedura in semplici mosse:

  1. Accatastare grandi dosi di legna, intorno ad un palo
  2. Chiedere gentilmente all'eretico di seguirlo[5]
  3. Legare l'eretico con dolcezza al palo
  4. Cospargere di benzina o altri combustibili tutta la legna accatastata in precedente
  5. Prendere uno Zippo®[6] ed accenderlo
  6. Posizionare la parte superiore dello Zippo® verso il combustibile precedentemente posizionato
  7. Allontanare rapidamente il braccio e godersi lo spettacolo.

[modifica] Effetti del concilio

Darth Benedict

Il concilio prevedeva per il papa l'uso di una spada laser personale.

Subito dopo il Concilio le cose si appianarono, i papaboy cominciarono a starnazzare da una sola parte, i vescovi potevano farsi tranquillamente i cazzi dell'impero e i pagani potevano rosikare in santa pace. Ovviamente questa è solo una descrizione sommaria del gran bordello ch'è successo poi.
In primis: i vescovi, oramai pacificamente unificati, aprirono la più grande fabbrica d'aria fritta dell'Impero Romano d'Occidente, il Vaticano, dove, assieme a un'allegra combriccola di simpaticissimi barbari krukki, diedero vita a quel grande periodo di fioritura culturale, economica e democratica conosciuto altresì come Medioevo.
D'altro canto però bisogna ricordare l'infelice[buona questa!] sorte di Costantino che, oramai non più necessario da questo punto di vista, si ritirò nei suoi palazzi a Costantinopoli, dove la sua discendenza verrà osannata sia come imperatore, sia come papa, a dimostrazione che la religione e la politica non c'entrano nulla l'una con l'altra, salvo poi cadere miseramente sotto le orde turche qualche secolo più tardi.

[modifica] Giudizi di qualche sconosciuto

Nel corso del XVIII secolo, l'atteggiamento di alcuni illuministi nei confronti del concilio di Nicea fu improntato su posizioni critiche, evidenziando gli aspetti politici e sociali che accompagnarono il primo dei concili ecumenici.

Ominofgsfds

Un illuminato storico, giudica il giudicabile con inneffabile intelligenza.

Tra questi Voltaire è uno dei più severi.

[modifica] La dististinzione dei libri apocrifi

Voltaire amava giocare fra serietà e ironia: riguardo il concilio cita ad esempio l'episodio che sarebbe avvenuto della distinzione fra libri apocrifi e i(n)spirati

Wikiquote
«I Padri del Concilio distinsero tra libri delle Scritture e apocrifi grazie ad un espediente piuttosto bizzarro: avendoli collocati alla rinfusa sull'altare vennero detti apocrifi quelli che caddero in terra.»

Come potete vedere da questa citazione, sempre di Voltaire, il quale aveva di sicuro fonti certissime[Certo, certo...], gli illuminati Vescovi del Concilio avevano i loro arguti metodi per decidere i testi sacri da quelli non.

[modifica] Il rapporto con l'Agnosticismo Mosconiano

Macheooh

Mosconi leggermente indignato per essere stato definito "eresiarca".

Il rapporto tra la Pedof Santa Madre Chiesa e i Mosconiti iniziò con il predecessore del culto mosconiano, Germanico da Mosca, il quale aveva commentato al Concilio la sua missiva d'invito così:

Wikiquote
«Hic anunciatio facta est a deretano! (trad: "Un annuncio fatto da cul'!")»
(Risposta alla missiva d'invito al Concilio di Germanico da Mosca)

Come si può già intuire da queste parole, il rapporto tra Germanico e la burocrazia ecclesiastica non era quel che si dice ottima. Comunque sia, Germanico presenziò alla riunione, esponendo le sue opinioni, le quali sono principalmente: avversione contro lo gnosticismo, in particolare contro il concetto teologico del Monade e la necessità di scrivere in un modo da tutti comprensibile i documenti ufficiali, ponendo soprattutto l'attenzione sui punti e le maiuscole. Quando andò al Concilio riuscì a far valere le sue ragioni, ma venne scomunicato in quanto il suo concetto di divinità non era in linea con il resto del gruppo.

[modifica] Dan Brown

Quote rosso1 Il primo concilio ha assunto una certa notorietà nel 2003, grazie al romanzo di Dan Brown "Il codice da Vinci". Nel romanzo si sostiene che "fino a quel momento, Gesù era visto come un profeta mortale dai suoi seguaci ... un grande e potente uomo, ma sempre un uomo. Un mortale. La sua definizione come "il figlio di Dio" fu ufficialmente proposta e votata al concilio di Nicea. " Il romanzo afferma quindi che la divinità di Gesù è stata ottenuta dopo una votazione al concilio, con un margine stretto, e che Costantino avrebbe condizionato il voto per consolidare il suo potere."

In realtà le affermazioni del romanzo non sono accettate da alcuno storico serio, che può citare come la divinità di Gesù sia affermata dagli apostoli quasi subito dopo la sua morte. Anche uno storico latino come Plinio il Giovane, parlando dei cristiani, afferma che "cantano un inno a Cristo come ad un dio".

La visione più comune degli storici è che Costantino convocò il concilio per risolvere la disputa su Gesù, se fosse "fatto" (cioè creato) o "generato", e non ci furono votazioni, ma piuttosto una discussione, per redigere un "Credo", che fu infine firmato da tutti i partecipanti tranne due.

Quote rosso2

~ Wikipedia sulle minchiate di Dan Brown

[modifica] Curiosità

Icona scopa
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse vuoi veder crescere le margherite dalla parte delle radici?

  • Il concilio è stato definito da parecchi storici "Una discussione accesa con toni seri e con parole definibili concrete e lusinghiere, che aveva come punto centrale il rendere la fuffa ancora più inutile"
  • C'è chi sostiene che qualcuno avesse portato addirittura delle sedie da sfasciare in testa ai partecipanti
  • Per determinare chi dovesse iniziare per primo a parlare durante la seduta, venne stabilito che si dovesse fare una gigantesca partita a morra cinese

[modifica] Pagine correlate (per decisione di un Concilio)

[modifica] Collegamenti esterni

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Questa almeno è la versione ufficiale: nei Vangeli apocrifi costui non sarebbe stato crocefisso, avrebbe avuto 2 fratelli e un'amante e avrebbe condotto un'infanzia di merda a genuflettersi presso un tempio di una divinità pagana.
  2. ^ Ovviamete nessuno vi promette che questi siano i nomi e i fatti veri al 100%, ma in fondo che ci si poteva aspettare da gente che crede agli zombye-rambo, figli dell'uomo invisibile?
  3. ^ Del Paradiso (n.d.r.).
  4. ^ Come se non si fosse capito che gli stava sui maroni...
  5. ^ Ma secondo le diciture ufficiali vale anche stordirlo e portarlo via di peso.
  6. ^ Mi raccomando, ORIGINALE!!
Strumenti personali
Altre lingue
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo