Comizi d'amore

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Logo Portale Pasolini.png
FILM DI CUL...TO

Qualcuno ha definito questa pellicola "capolavoro inarrivabile".
Qualcun altro ha pensato che fosse "spazzatura intollerabile".
È il momento di agire! Rendi il Cinema migliore: accoppa un critico!

Logo Portale Pasolini.png


Comizi d'amore
Film Comizi d'amore locandina.jpg
Chiù ppilu ppè tutti!
Paese: Italia
Regista: Pier Pablo Pisolini
Casa produttrice: Cetto La Qualunque Production™
Sceneggiatura: Pier Paolo Facciotuttoio
Anno: 1965
Genere: Documentario asociale
Colore: Manco a pagallo
Suono: Dolby Su Spiaggia
Interpreti e personaggi
Gente, Certa Gente, Gente come te
Quote rosso1.png Italiani! Elettori! Coinquilini! Quando sarete chiamati alle urne, per compiere il vostro dovere, ricordatevi un nome solo: Cicciolina! Vota Ilona, vota Ilona, vota Ilona. Quote rosso2.png

~ Antonio La Verga: attivista del Partito dell'Amore.

Comizi d'amore è un film-documentario del 1965 diretto da Pier Paolo Pasolini.
Nel 1963 Pierpy e il produttore Alfredo Bini si apprestano a girare l'Italia, devono trovare location e volti per il nuovo film del regista friulano: Il Vangelo secondo Matteo. Quest'ultimo però è corso al capezzale della nonna morente, portandosi dietro la sceneggiatura del suo Vangelo. Matteo è "bono e caro", ma è un distrattone della Madonna.
Pasolini ha da tempo un chiodo fisso: chiudersi con sei negr conoscere le opinioni degli italiani sulla sessualità, l'amore e il buon costume, per capire come sia cambiata negli ultimi anni la morale del suo paese. Decide assieme a Bini di prendere due piccioni con una fava, ossia di girare un documentario mentre scelgono gli interpreti per l'altro film.
Il regista è entusiasta[1] ed entra in campo, microfono alla mano, per parlare di "invertiti", di "prima volta", di "divorzio" e di "prostitute", argomenti per il pubblico molto cari (soprattutto le ultime).

Pasolini : Quote rosso1.png A cosa è dovuto l'aumento dei divorzi? Quote rosso2.png
Uno coi baffi : Quote rosso1.png Al matrimonio! Ne è la causa principale. Quote rosso2.png

Ne esce un ritratto del paese contraddittorio, a volte contraccettivo, che alterna aperture disinvolte al Nord e rigidità ancestrali nel meridione. Insomma la solita vecchia storia: se apri in modo disinvolto le gambe, una rigidità pronta ad infilarcisi la trovi di sicuro.
L'impressione che si ricava da questo straordinario film-inchiesta è quella di una grande e diffusa ignoranza, porca puttana! Anche negli strati di popolazione più colta c'è profonda arretratezza e timore nell'affrontare il tema della sessualità, tanto che i loro figli preferiscono fare all'esame quello di letteratura. Senza poi contare l'enorme influenza della Chiesa sull'argomento, che è come se un cieco facesse di professione il critico d'arte.

Quote rosso1.png È manifestamente chiaro che le relazioni carnali fra maschi, quelle con femmine sterili, i coiti dal di dietro e le unioni incomplete devono essere evitate, tutte. L'ha detto chiaramente Don Faustino alla messa di mezzogiorno... no, era quella delle undici... forse delle dieci. Comunque è sicuro. Quote rosso2.png

~ Addolorata Costante, 72 anni, baciapile full time.

All'interno del film ci sono anche le opinioni di autorevoli "amici" di Pasolini, tra i quali: lo psicologo Cesare Musatti, lo scrittore Alberto Moravia, la giornalista Oriana Fallaci e Chiappetta, amico immaginario del regista. Inoltre, non poteva mancare il parere di Deborah Copertoni, vera e propria leggenda del settore troie.

[modifica] Trama striminzita ma finemente illustrata

Pasolini va in giro con un microfono facendo domande a chi gli capita a tiro.

[modifica] Riconoscimenti

Stupore.jpg

Il pensionato Aristide Cocco ha appena scoperto (grazie al film) che la pecorina di cui sentiva parlare da ragazzo è ben altro.

Quote rosso1.png Cazzo, ti dico che è lui! L'ho visto a Ponte Milvio con parrucca e boa di struzzo! Quote rosso2.png

Il film è stato selezionato tra i 100 film italiani da salvare se proprio ci si ricorda di farlo e non si ha di meglio da fare.

[modifica] Curiosità

  • Maurizio Gasparri ha visto il film per la prima volta a nove anni. Dopo la visione, estremamente confuso, domandò alla madre da dove venissero i bambini. La risposta della donna fu: "Riguardati il film zuccone!". La sera prima di sposarsi stava guardando per la seicentosettordicesima volta la pellicola, estremamente confuso.
  • Il marinaio intervistato in una delle foto è il padre di Francesco Schettino. Quest'ultimo compare durante l'intervista alla madre: è il bambino nudo che si para il culo davanti al regista.
  • La versione del film tradotta in svedese viene ancora utilizzata come educazione sessuale nelle scuole materne del paese.
  • Grazie a questo film Cicciolina ha scoperto che si poteva fare sesso anche in meno di sette.
  • Il 16% degli intervistati hanno successivamente lavorato in un film di Pasolini.
  • Il 100% degli intervistati hanno lavorato in questo film di Pasolini.
Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse ti incuriosisce sapere com'è dormire coi pesci?

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ quando si parla di fava perde il lume della ragione

[modifica] Voci correlate

Pasolinate logo.jpg
Strumenti personali
wikia