Colombia

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1 Cazzo, questi sono veramente avanti Quote rosso2
Quote rosso1 Colombia? Sì, è un bel gesto intitolare un quartiere di Milano al nostro grande navigatore pisano Cristoforo Colombo Quote rosso2
~ Romano Prodi sulla Colombia
Colombia
Bandiera Colombia
Lapo Elkann
(Bandiera) (Stemma)

Motto: Ehi, fatela passare!!!
Inno: "W Colombia" di Bob Marley feat Morgan

La cartina non è disponibile perché usata appunto come cartina.
Capitale Quella più truffaldina di Napoli
Maggiori città

Capannopoli, Eroinopoli


Lingua ufficiale

Spagnolo e lingua da spacciatori


Governo Democrazia di tipo olandese
Capo di stato Shakira
Riconosciuta da Tutte le pop star per il suo import-export
Area 200000000 campi di coca
Popolazione

Tanti, ma non lo posso dire ora perché ho fumato troppo e vedo doppio


Moneta Eroina (dedicata alla presidentessa Shakira)
Religione

Pastafarianesimo


Sport nazionale

Rollaggio di canne agonistico


Sito internet www.importexportcolmbiano.drog


La Repubblica di Colombia, nota anche come Co(ca)lombia, "Il giardino di Don Pablo" e per i nativi semplicemente "Chibchombia", "Locombia", "Machetelandia" oppure "La Tierrita", ha come capitale Bogotá.

[modifica] Breve storia

Fondata negli anni '70 dal sommo Don Pablo Escobar, questa ricca ma sfigata nazione è sempre stata al centro dell'attenzione per essere la prima produttrice al mondo di un tale prodotto, considerato la rovina di molte popolazioni, soprattutto in Gringolandia ma anche attualmente in Europa: I colombiani.

Accolti a braccia aperte dai fratelli nordamericani nei primi anni 80, i colombiani hanno cambiato strada: si rifiutano di portare eroina e cocaina di ottima fattura per riempire il naturale fabbisogno dei giovani under 12, e in cambio pretendono di restare nelle grandi città americane, riuscendo a spiazzare grandi comunità del crimine organizzato, come i russi, i cinesi, i cubani e perfino i portoricani. Con la mafia italiana non hanno avuto niente a che fare perché come tutti noi ben sappiamo la mafia NON esiste. Le maggioranze di abitanti di origine colombiana abita in quartieri come Queens a New York, hanno fatto di questa città una delle più sicure al mondo, con indici di criminalità appena al di sopra di quelli di città modello, quali Kabul, Islamabad, Caracas, Bagdad ma soprattutto Bogotà.

Dagli anni novanta in poi, diversi episodi di violenza nel paese hanno sconvolto l'opinione pubblica internazionale. Per i media locali, semplici "regolamenti di conti". Questo a testimoniare l'ondata di disinformazione creatasi intorno al paese. E se non siete d'accordo, non rompete i coglioni con domande scomode. Ricordatevi che sono colombiano. E da bravo colombiano, porto sempre con me il machete.

I conflitti interni e la crescente ondata di viulenz' e risentimento che era apparsa dopo l'uccisione di Don Pablo per mano di fuoco amico (infatti è stato freddato dalla Polizia, di cui era il capo spirituale, in ogni ufficio c'era la sua foto tipo santino) vennero totalmente risolti e spazzati via dalla mano (ovviamente la destra) del nuovo messia Dr. Alvaro Uribe, arrivato alla presidenza durante il 2002 e auto-rielettosi nel 2006 per un breve (e ultimo) periodo di governo di 50 anni. La politica estera di Uribe va a scontrarsi fortemente con quella del presidentissimo Chavez del vicino Venezuela. Con un po' di fortuna si scatena una guerra sul confine e si annullano a vicenda queste due popolazioni totalmente inutili. Visto che dei colombiani all'estero tutti si sono rotti i coglioni, e che le varie eroina, marijuana e cocaina possono essere acquistate al Penny Market, a nessuno importerà una sega di quanto possa accadere.

[modifica] Tutti i colombiani...

  • Tutti i colombiani che trovi all'estero vendono della droga
  • Tutti i colombiani sono degli ubriaconi rissosi
  • Tutti i colombiani dormono con un machete sotto il cuscino e con una pistola sotto il machete
  • Tutte le colombiane sono fighe quanto Shakira
  • Tutti i colombiani credono di parlare il migliore spagnolo al mondo ( in effetti non hanno tutti i torti!)
  • Tutti i colombiani applaudono quando il volo Parigi-Bogotà atterra. E sono sbronzi. E ci provano con la hostess usando il frasario comprato per strada a Bogotà prima di partire
  • Tutti i colombiani comprano stupidi souvenir. E li mettono all'ingresso di casa per far vedere quanto hanno viaggiato. Nove volte su dieci, sono mandati da uno dei parenti residenti all'estero
  • Tutti i colombiani sono poliglotti. Diranno sempre "Io l'inglese non lo parlo, ma lo capisco"
  • Tutti i colombiani non utilizzano lo zucchero a velo
Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo