Claudio Baglioni

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Avvertimento autoradio assordante
Attenzione
Questa roba è inascoltabile!
L'ascolto prolungato può portare alla paralisi cerebrale.
Si consiglia di accucciarsi a terra o di scappare a gambe levate.
Puffo1
Baglioni giovane con chitarra
Austin Power che suona la chitarra
Quote rosso1 Meeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee... Quote rosso2
~ Claudio Baglioni nelle sue canzoni, da 35 anni
Quote rosso1 Passerotto non andare via Quote rosso2
~ Baglioni e il suo morboso feticismo verso gli uccelli
Quote rosso1 Io non sono comunista... Quote rosso2
~ Claudio Baglioni riguardo il plagio dell'inno delle olimpiadi con l'inno dell'URSS
Quote rosso1 Tutti qui, tutti qui... Quote rosso2
~ Claudio Baglioni durante una riunione degli alcolisti anonimi


Claudio Baglioni, al secolo Lord Valachis Squirteriush, è un noto vampiro cantautore. I suoi successi ascoltati dai suoi accoliti vampirizzati sotto la minaccia di urlargli nelle orecchie d’un sol fiato per l’eternità, hanno fatto si di arricchirlo tanto da potersi garantire una fornitura di parti anatomiche ricambiabili in plastica Mattel per sempre, che lo fanno un essere praticamente immortale anche se biodegradabile. Inoltre ha potuto comprare la Sedania e la Spuviglia, le altre due grandi isole dell’Italia che ha inabissato per ottenere un posto dove ripararsi dai cacciatori di vampiri (quando ci va l’inquinamento acustico cala al 6%) e che ha garantito lo Stato otterrà nuovamente alla sua morte (cioè mai!) risolvendo così il problema degli immigrati.

[modifica] La vita

Baglioni calciatore Nazionale cantanti
Baglioni in posa dopo aver giocato per 2,5 minuti

Claudio nasce da un sonoro starnuto del suo naso nel 1698 a.C.. Appena nato il bisogno di vagire tutto d’un fiato per sempre davanti a tutti l’ha portato a erigere il Colosseo. Per riempirlo ne popolò la zona circostante creando una città che nominò Roma (il suo gusto per i giochi di parole gli fornì infatti l’idea di chiamarla come “Amor” al contrario. L’”amore” è noto infatti per essere il materiale di rifiuto solido, dall’odore e dal sapore sgradevole, in cui l’apparato digerente di questo essere trasforma il cibo ingerito, espellendolo). Il suo naso diventò il famoso Montesacro che i suoi fan scalavano in pellegrinaggio fino alla punta, al termine del quale si gettavano di sotto al grido di “Alèèèèè ooo-cazzoooooooò”.

Paroliere eccelso, ispirò gli esseri umani a fare figli tramite l’atto sessuale, così che la smettessero di adottare capre e cani randagi che mandavano in collegio perché defecavano sul tappeto, facendo esplodere il disagio giovanile e le conseguenti contestazioni del ’68.

Nel 1741, accadde una cosa che segnò la sua vita e modificò la sua cristallina, fino a quel momento appunto, psiche: specchiandosi nel suo autocompiacimento (autocompiacimento che gli valse la fascia di “Divo Divino” 1712, anno in cui il Supremo non partecipò perché in quel periodo volle testare la sua ultima invenzione, l’Umiltà, che lo deluse parecchio e regalò in seguito magnanimamente all’umanità tutta rispetto a Lui) si accorse di avere una ruga. Si dice che urlò così forte da crepare la luna, fino a quel momento una sfera perfetta così come la volevano i perfezionisti. Allora in preda a depressione cominciò a sniffare la Valderramia, la Bebetia e la Romària, tre paesi Sudamericani scomparsi per sempre, e prima di sniffare la forfora di Maradona (il più grande spacciatore sudamericano di tutti i tempi) gli apparve Jim Morrison che lo molestò con un teepee cementato. Allora capì la soluzione: plastificarsi come Ken di Barbie. Neanche i capelli grigi lo spaventarono più, tanto da placcarli in argento.

Da allora continua a urlare a squarciagola (è un vampiro no?) le sue esperienze intestinali, e si dice continuerà a farlo finché l’evoluzione umana non muterà gli organi sensori dell’udito, le orecchie, in arti tubeformi atti all’auto-cavamento degli occhi, dopo di che potrà ritirarsi nella piramide che già si è preparato: il suo naso.

[modifica] I successi

Baglioni con bottiglia di vino
Il premio più prestigioso ritirato da Claudio, una bottiglia di Tavernello d'annata

[modifica] Questo piccolo-grande amore

La canzone che l’ha reso celebre nel mondo accademico perché presente in nuce la teoria della relatività. Canzone che appunto ispirò Einstein dallo smettere di trastullarsi. Curiosità: la celebre maglietta “fina” di cui si parla nel testo si dice sia l’allusione al primo “miss maglietta bagnata” cui assistette il piccolo Claudio, che gli procurò la prima erezione che gli diede l’idea di inventare il microfono.

[modifica] Passerotto non andare via

Venne dedicata all'uccellino con cui si trastullava, che lo lasciò per Del Piero.

[modifica] Q. P. G. A.

Q. P. G. A. è una sigla satanica dal significato ancora sconosciuto (i Ricercatori Oral-B ci stanno ancora lavorando) ed è il progetto di un'arma di distruzione di massa senza eguali. Si tratta di un film rivolto soprattutto a persone dalla grande sensibilità emotiva e immensa capacità empatica che troveranno in tale produzione la via per il raggiungimento del Nirvana. Con un cast d'eccezione (con attori dalle capacità recitative a metà fra un gatto ubriaco e un comodino), il film dell'anno ha come scopo un viaggio introspettivo che culminerà con suicidi di massa e il matrimonio fra Te e Malgioglio.

[modifica] Amoreeeehhh

Finale gorgheggiato di 7241 canzoni del Nostro Eroe. La cifra sale a 7242 se si considera anche l'inizio del pezzo dal titolo "Amore".

[modifica] Curiosità

Icona scopa
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

  • Si vocifera che sia russo.
  • Si vocifera che sia transilvano.
  • Si dice che sia omofobo.
  • Si dice che sia omosessuale.
  • Si dice che a questo punto abbia rotto le scatole e potrebbe anche ritirarsi dalle scene...
Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo