Ciclo dell'Eredità

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Corriere della Mecca1.jpg
L'argomento trattato in questa voce o paragrafo deve essere aggiornato!

Da quando è stato scritto sono cambiate molte cose
...e l'autore se n'è sbattuto le palle.

Cosa manca: Aggiungere gli altri libri
firma/data: --Boomslang.jpg Gold Snake 09:02, dic 23, 2013 (CET)

Ercole giornale.jpg
Drago di Eragon ritoccato.JPG

Il drag...tacchino di Eragon

Quote rosso1.png Lascia che ti uccida allora!... Quote rosso2.png

~ Eragon a suo fratello.
Quote rosso1.png Ishasks krakr hirshjkl sjak krum! Quote rosso2.png

~ Christopher Paolini spiega al mondo la semplicità dell'Antica lingua.
Quote rosso1.png Ah, una meVa futilità! Έραγον è l'impeVfetto indicativo di ράγω, natuValmente! Quote rosso2.png

~ Chic Bipapo su Eragon

Eragon è un romanzo fantasy di Christopher Paolini. Il romanzo, se così si può definire, risale al 1281, anno più, anno meno.

[modifica] Eragon

Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Ciclo dell'Eredità

Eragon è un ragazzo di quindici anni (nel film ne ha diciassette...bah!) che vive felice in un paesello di sventratori di galline nei pressi di Arcore insieme allo zio Agenore e al cugino Roran. Vivono una vita tranquilla, fino a quando quel minchione di Eragon trova un uovo azzurro (che scambia per una pastiglia di viagra gigante) e decide di portarselo a casa.

Copertina signore anelli.jpg

La mitica copertina del libro

Dopo qualche tempo l'uovo si schiude e nasce un drago di nome Saphira. La bestia farà scoprire a Eragon cavaliere, figura che si credeva estinta alla sua epoca. Dimenticandosi della morte dello zio, Eragon svilupperà così un bellissimo rapporto sessuale col drago.

Il cugino Roran, dopo qualche tempo, scopre l'esistenza del drago e se la prende, giustamente, con Eragon. Nonostante se ne sia andato di casa, vorrebbe ritornare perché la sua ragazza e il suo villaggio sono in pericolo. Nonostante non sia particolarmente potente, riesce a farsi una fama di gran combattente: il guerriero con la mazza. Questo episodio, in effetti, sembra molto inutile, insignificante: né colui che ha scritto questa trama per primo l'ha menzionato, né tanto meno il regista del film "Eragon". Che posso dire? Peccato, perché il secondo libro si basa su questo fatto. Va bene, non importa. Continuiamo con la trama.

Eragon incontrerà l'uomo che lo addestrerà, Brom, e anche un giovane indisponente e fastidioso, Murtagh, figlio di Morzan, un bastardo traditore che ha venduto tutti i suoi compagni a Galbatorix, uno stronzo con la patente che non fa altro che farsi i cazzi suoi facendo morire tutti i suoi sudditi, in cambio della solita ricchezza, fama e potere (e fica). In più, dopo essere stato catturato dallo spettro Durza, che lavora per il re Galbatorix, Eragon troverà in una prigione la donna che gli aveva fatto trovare indirettamente l'uovo della dragonessa, Arya, un'elfa dai capelli corvini in stato semi comatoso (e non ne approfitta, pensate che pirla) a causa di un veleno somministratole dallo stesso Durza. In seguito (non sto qui a raccontarvi tutto, eh, il libro dovete comprarvelo) Arya, Eragon e Saphira combatteranno insieme ai Varden e ai giganteschi Nani contro Durza e il suo esercito, riuscendo a ucciderlo. Nel frattempo Brom viene ucciso dai Ra'Zac, degli esseri alquanto schifosi che cavalcano altri esseri altrettanto schifosi.

[modifica] L'Antica lingua

Fotocopiatore.jpeg

Christopher Paolini scrive il suo libro.

Com'è risaputo in Eragon, nel mondo loro gli elfi parlano una lingua magica che sembra sia magia pura; cioè se io ti dico nella loro lingua "stai zitto" tu ti stai zitto... Ecco un paio di parole dell'antica lingua da usare con cautela:

  • Scùolà: causa sonnolenza, diarrea, voglia di non studio, depressione, manie omicide, odio verso il prossimo.
  • Alzàti prèstò: causa sonno improvviso, ritardi in tutto e diarrea.
  • Oggì nòn tì pagho: voglia di uccidere, mali improvvisi, sfiga improvvisa, a volte la morte .
  • Zzzzoooommmm: per rimanere in tema, Eragon usa questa formula per fare apparire una spada laser firmata Chef Tony

[modifica] Il Plagio

Nonciclopedia è cosa libera e giusta. Perciò noi Nonciclopediani difendiamo sempre la verità, per quanto faccia cagare il cazzo. Quindi, vorrei farvi notare alcuni palesi casuali riferimenti a fatti o film reali presenti nel terzo libro (leggere per credere...)

Non solo: l'intera epopea è un capolavoro del Plagio™: nel senso che si deve davvero volere copiare una cosa per poterne riportare i caratteri in così tanti punti:

  • I draghi colorati (rossi per i cattivi, blu e verdi per i buoni e con lo stesso ordine),
  • il vecchio maestro nel paese di periferia in cui il figliol prodigo è stato nascosto dall'Imperatore,
  • il padre traditore che ha distrutto l'Ordine dei Jedi Cavalieri dei Draghi,
  • i poteri mentali, basati sulla concentrazione, scaturiscono direttamente dal Legame con la Forza il Drago,
  • la principessa che fugge con un fardello di vitale importanza per la Ribellione, che viene poi catturata e torturata,
  • la cocentissima sconfitta per l'Impero già dal primo episodio,
  • la chiamata in sogno che introduce al secondo e più saggio maestro (maestro del primo maestro, anche lui in esilio in una foresta, che provvede a completare l'addestramento del giovine, dato che il primo maestro era stato ucciso dall'Impero sotto gli occhi del figliol prodigo e aveva assistito alla Caduta dell'Ordine),
  • la missione furtiva per il recupero della principessa rapita e torturata,
  • il distacco nel secondo episodio, mentre gli altri compagni (Han/Roran etc.) fuggono dall'Impero,
  • il figliol prodigo è ad allenarsi, ma non finisce l'addestramento, per tornare in tempo per salvarli; lascia il maestro con il solito "Tornerò, te lo prometto" e, al suo ritorno, il maestro prontamente muore, dicendogli che è lui, ORA, l'ultimo vero Cavaliere.
  • Eragon riceve un Anello da Brom (che è morto) che lo aiuta a usare laForza magia.
  • Il terzo episodio parte con un'azione imprevista: uno degli allegri compari è stato rapito da una serie di sgradevoli creature alquanto disgustose, imprigionato in una sgradevole prigione sotterranea nel bel mezzo del deserto. Humm.. sfortunatamente la Cantina Band non suona nell'Helgrind, l'intermezzo musicale ci sarebbe stato bene...
  • Eragon scopre in una profezia, che è più che altro un invito, ma lui non l'ha capito, che dovrà abbandonare laTerra di Mezzo sua patria, quindi è presumibile che alla fine se andrà per tornare mai più, portandosi dietro iltacchinodrago.

Attendiamo naturalmente il finale che il piccolo Christopher stenta a voler rendere pubblico: Murtagh/Vader che si sacrifica per salvare Eragon/Luke e uccidere l'Imperatore. Secondo fonti attendibili, il principale problema dell'autore, attualmente, sarebbe riuscire a pasticciare a sufficienza l'albero genealogico del figliol prodigo di modo da renderlo fratello della principessa elfa che lui vuole farsi, ma che ovviamente non gliela darà mai. Forza Paul, siamo tutti con te!

PS: Nessuno si è chiesto come mai per scrivere il quarto libro, che doveva essere un tutt'uno col terzo, sono serviti 3 anni? Perché finalmente il giovane scrittore vi inserirà il primo pizzico di originalità.

[modifica] Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

  • Pare che il quarto libro contenga tutti i segreti della serie, compreso il terzo segreto di Fatima.
  • Brom è la copia un po' (molto) più sciatta di Gandalf.
  • Quello sfigato dell'autore, Paolini, non ha mai completato la serie. Dopo che la madre ha scritto il primo libro (e pagato di tasca sua perché venisse pubblicato e le copie fossero spedite in qualche pulciosa libreria del Montana dove marcivano beatamente), Cristopher Robin ha continuato diligentemente a copiare la sceneggiatura di Star Wars e nonostante avesse finito di copiarla ha voluto fare lo sborone, non terminando il secondo libro che rimane in sospeso. Lo sforzo di fantasia necessario a inventarsi la storia del terzo libro stava annientando la sua fertilità. Ma poi è riuscito a partorire un secondo romanzo e, pensate, ne ha anche annunciato un terzo! Infine, dopo lunghe peripezie, ha scritto il terzo libro, e non contento ne sta addirittura scrivendo un altro perché non gli sono bastate le pagine! Beh, sempre meglio che lavorare.
  • Avete mai provato a leggere i ringraziamenti del libro? C'è quello per la sorella che gli ha suggerito i personaggi, per qualcuno che gli ha disegnato la mappa, per la nonna che gli ha dato una trama, per lo zio che lo ha aiutato nell'Antica lingua, per il lo zio del bisnipote acquisito da parte di mamma che gli ha dato nomi di luoghi, di persone e di strane creature (che potete trovare facilmente in un libro per bambini di tre anni). Dopo aver letto tutto questo, sorge un dubbio: Paolini, COSA CAZZO HA FATTO???
  • Il padre di Brom soffriva di meteorismo. Al momento di pronunciare il nome del figlio all'anagrafe un violento attacco della malattia ha fatto sì che l'impiegato credesse che "BROM!" fosse il nome del bambino anziché un rumore prodotto dalla cavità anale dell'uomo.

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia