Christian Vieri

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Moratti zio Sam.jpg
MORATTI WANTS YOU!
Ehi tu! Sei un calciatore mediocre e non hai mai giocato nell'Inter?
Massimo Moratti ha scrutato in te il talento per diventare un fenomeno e ti ha acquistato per la modica cifra di 20 milioni!
Sei atteso domattina ad Appiano Gentile per gli allenamenti.
Cepuinter.jpg

Bobo Vieri fortunato testimonial di Cepu ai tempi dell'Inter.

Quote rosso1.png Sarò fedele a questa maglia per sempre. Il tempo di prendere uno stipendio. Quote rosso2.png

~ Bobo Vieri sul trasferimento al Milan (ma anche qualunque altra squadra)
Quote rosso1.png Sono più uomo io di tutti voi messi insieme Quote rosso2.png

~ Bobo Vieri ai pupazzi della Trudi
Quote rosso1.png Sono più uomo io di tutti voi messi insieme Quote rosso2.png

~ Bobo Vieri su pornoattori
Quote rosso1.png Ottima formazione, vorrei militare nella vostra squadra Quote rosso2.png

~ Bobo Vieri su le cubiste del Bollywood
Quote rosso1.png Ma non è che porto un po' sfiga? Quote rosso2.png

~ Bobo Vieri su sé stesso

Krystyanh Vieri, detto Bobo per il quoziente intellettivo pari a quello di un bonobo (con il quale condivide la stessa attività sessuale), nasce in Australia nel 1973 ma sfortunatamente si trasferisce giovanissimo in Italia a rompere i coglioni.

[modifica] Carriera

Samp vieri ironico.jpg

Presentazione di Vieri alla Sampdoria.

La carriera di Vieri è contraddistinta dal notevole attaccamento alla maglia: cresciuto nelle giovanili del Prato si distingue subito per l'attaccamento ai colori bianco-blu raccogliendo 0 presenze in 1 anno e girando una trentina di squadre in prestito. Esplode nel Pisa, purtroppo però resuscita. Da lì inizia l'ascesa che lo porta a vestire le maglie di Juventus, Inter, Atletico Madrid, Lazio, Bulgaria, Milan, Casertana, Pro Caccolese, Carrozzeria Pino, Mobilieri Ponsacco, Città dell'uomo del castello, Caffetteria '900, Ostello Vecchio Borgo, Atletica del fil de fer, New Team (che dovette abbandonare presto per i forti scontri con Mark Lenders), Dinamo Mosca, Pergocrema, Yomiuri Verdy, Pozza F.C. e Liechtenstein riuscendo nell'impresa di non vincere un cazzo con nessuno.

La parentesi più importante Bobo la vive con la maglia dell'Inter, dove si segnala per la consueta simpatia che lo porta a non esultare dopo i gol, a rompere i microfoni di cui non conosce l'utilizzo (provate a darlo a una scimmia e avrete lo stesso effetto, ma non ditelo alla scimmia, potrebbe offendersi) e alla facilità con cui litiga coi tifosi e insulta i giornalisti. Viene inoltre considerato un talismano portafortuna, perché dopo dieci stagioni di rotture di coglioni l'Inter lo ha spedito al Milan e ha vinto 3 scudetti di fila (cosa già accaduta ai tempi della Lazio e della Juventus, che l'anno dopo vinsero entrambe il tricolore).

Ora il grande campione è ritornato all'Atalanta (dove i tifosi hanno provato a ucciderlo) dopo aver militato nella squadra della Fiorentina, dove si riconosce il suo stile di gioco a "ombrellone piantato sul campo" o a "tavola umana", che consiste nel fermarsi sul dischetto dell'area di rigore e farsi tirare addosso (scientificamente testato che il merito dei gol lo prende lui, usando la scusante della voglia di rinascita calcistica)

In Nazionale conta 60 presenze, 35 gol e 14 risse coi giornalisti; ha anche contribuito alla conquista della Coppa del Mondo 2006 facendosi male e restando a casa privando gli azzurri della sua aura di sfiga.

[modifica] Vita privata

Personaggio schivo e non avvezzo alla vita notturna, si dice si sia trombato tutta la redazione di Striscia la Notizia dal 1988 fino ai giorni nostri, compresi Greggio e Iacchetti. Assolutamente contrario alle Veline, organizza una manifestazione a favore della apertura della case chiuse, dove piazzarle dopo la fine del contratto con Striscia, alla quale partecipano altri grandi campioni del nostro calcio quali Francesco Coco, Filippo Inzaghi e Gennaro Gattuso, quest'ultimo utilizzato come mascotte e sponsor della Friskies.Il suo migliore (e unico) amico è Cristian Brocchi, settepolmoni del centrocampo, che lo odia ma gira con lui per farsi figo con gli amici.

Il buon Bobo non si è inoltre mai allontanato più di un coefficiente totale di 367 chilometri dalla zona Milanese (difatti, tutte le squadre in cui ha giocato ultimamente sono nei pressi immediati[per un Cayenne con motori al plutonio] di Milano: Inter, Milan, Sampdoria, Fiorentina, Monaco, Atalanta), questo perché una distanza eccessiva dalla distoteca Milanese "Hollywood" gli provocherebbe seri danni psicologici, causando quindi una caduta di stile e conseguentemente un limitato successo con forme di vita "velinoidali". Il campo è oramai acqua passata per Bobo; che oramai pensa solo al privé dell'"Hollywood" e alle boccie di Cristal.

È anche risaputo che per fare lo sbruffone con veline varie e amichetti rumeni facilmente impressionabili, ha firmato le carte di adozione dell' adorabilissimo orsetto Knut nel gennaio del 2007. Questa trovata ha però avuto il suo prezzo, considerando che il primo Cayenne sottratto a Bobo da un anonimo parcheggiatore, fu in realtà preso in prestito dal candidissimo Knut per andare a mignotte e che solamente dopo, gli fu sottratto davanti a "Pensione villa Giannina" (noto albergo a ore dell'Hinterland Milanese) da un anonimo parcheggiatore (si specula che il parcheggiatore fosse in realtà mr. Lui, in una della sue molteplici vite precendenti.) Il silenzio stampa su questa vicenda rimane serrato giacché l'acerrimo nemico del nostro amatissimo orsetto (il temibilissimo zebrallo) potrebbe ricavanre informazioni vitali per il dominio incontrastato del mondo. Il posizionamento dell'orsetto Knut non è conosciuto, anche se si specula che si trovi all'interno della residenza di Elisabetta Canalis; questo è perché in uno dei suoi papponaggi nel privè dell'Hollywood, Bobo decise di lasciare il tenerissimo orsetto tra le braccia di Melissa Satta, ma data l'allergia di quest'ultima ai bambini (cibo prediletto dal nostro cucciolosissimo orsetto), Bobo decise di lasciarlo alla Canalis. Da quel momento il nostro tesorosissimo Knut divenne l'attrezzo più adeguato per il soddisfacimento della libido sessuale dell'ex-velina.

[modifica] Lo stile

Bobobborobobbo bò Vieri è dotato di uno stile di giuouououoco unico e ineguagliabile: appena uscito dagli spogliatoi (dopo la sua consueta passata di miele d'api sui capelli), egli prende posizione in campo sulla linea di porta avvarsaria. Lì inizia una piacevole conversazione col portiere avversario davanti a un cocktail e, perché no, una striscia di coca tra un sorso e l'altro. Non appena qualcuno dei suoi compagni di squadra, dopo essersi fatto un culo così, riesce a mandare la sfera in quel rettangolo che i massimi esperti di calcio chiamano "area di rigore", lui tenta in tutti i modi di evitare l'impatto con la suddetta sfera. Lo fa saltando, e mentre salta allarga i gomiti più che può, convinto che gli fungano da ali (così gli hanno insegnato al Cepu) per volare via da questo malvagio mondo di giornalisti e tifosi. I suoi gomiti allargati sono la seconda causa di morte al mondo dopo il calcio rotante di Chuck Norris (al terzo posto in classifica le testate di Zidane). Ma ciò non gli riesce mai e disgraziatamente la palla si trova a impattare contro il suo cranio. Dopo tale impatto la palla tenta di fuggire via disgusata (non sono noti nell'Universo esseri dall'aspetto più brutto di Vieri, fatta eccezione per Adriano Galliani) e il portiere avversario tenta in qualche modo di fermare la fuga della palla. Ma non ce la fa in quanto è totalmente rincoglionito, ma non dai cocktail o dalla cocaina, bensì dalle parole del nostro Vieri che comunicava con lui nella lingua di Big Foot. Fortunatamente, agli estremi del campo sono poste delle reti che servono proprio per catturare i palloni che tentano di fuggire dal volto di Bobobborobobbo bò Vieri, cosicché, una volta catturato il pallone e riportato a centrocampo, la partita può continuare e Vieri può prepararsi alla prossima lezione al Cepu: l'alfabeto.

[modifica] Aneddoti

Cavallo-al-galoppo.jpg

Christian Vieri durante una normale azione di gioco.

La vita di Vieri è ricca di episodi salienti tra cui:

  • In Inter-Paris Saint Germain Vieri raggiunge l'apice del suo proverbiale attaccamento ai colori: a segno nel primo tempo, nella ripresa si presenta con la maglia dei francesi e ribalta il risultato con una doppietta.
  • Benvoluto e amato dai compagni per la sua simpatia, dimostra il buon carattere picchiando Recoba che gli aveva rubato il Badedas negli spogliatoi.
  • Nel 2006 vive una tremenda crisi esistenziale che tiene col fiato sospeso milioni di italiani, consci delle tremende torture subite da questo povero ragazzo dopo anni passati a non fare un cazzo e a farsi modelle/veline/letterine guadagnando milioni di euro. In questo frangente Vieri riceve numerosi attestati di solidarietà dall'AssoMetalmeccanici, dai Single italiani e dal Cristian Brocchi Fan Club di Medrate Milanese.
  • È stato eletto da poco giocatore più scarso e scarpone di tutti tempi secondo solo a Cesar Prates del Livorno.
  • Vieri è un altro di quei grandi giocatori che utilizzano il m/h piuttosto che i km/h e si pensi che un giorno riuscì a raggiungere anche il 4 m/h
  • Coro su Vieri: Era fuori con me, eran quasi le tre, Bobo Vieri alè! Fai pippare anche me!
  • È attualmente in atto la partita più sentita di Vieri, quella tra lui e Matri a chi si pompa più veline, il risultato rimane stabile sul 2-2, da sottolineare la grande rimonta di quest'ultimo.
Strumenti personali
Altre lingue
wikia