Charles Henry Bukowski

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

(Reindirizzamento da Charles Bukowski)
Charles Bukowski mentre fuma una sigaretta indiana
Attenzione! Storia di vita vissuta!

Qui si parla di alcool, fumo e degrado sociale in genere: se per te questo è troppo perché sei una persona sensibile, tornatene a leggere De Amicis e va fuori dalle palle!

Charles Bukowski mentre fuma una sigaretta indiana, riflesso
Simboli hipster
#HIPSTERIA COLLETTIVA!
Questa voce o sezione tratta argomenti da hipster. Per comprendere il suo significato indie più profondo mettiti un bel paio di occhiali Wayfarer, se sei maschio fatti crescere barba e baffi, e carpisci tutti i segreti per imparare anche tu a schifare tutto ciò che è mainstream, a fare selfie da paura col tuo iPhone e a pubblicare su Instagram qualunque cosa controcorrente tu stia mangiando!
Hipster Ariel reale
Bukowski3

Bukowski in una rara foto d'epoca.

Quote rosso1 Cominciai a guardarle su per le gambe. Mi sono sempre piaciute le gambe. È stata la prima cosa che ho visto quando sono nato. Ma allora stavo cercando di uscire. Da quel momento in poi ho sempre tentato di andare nell'altra direzione, ma con fortuna piuttosto scarsa Quote rosso2

~ Charles Henry Bukowski sulla donna in generale
Quote rosso1 ...non vi venga l'idea che io sono un poeta; mi trovate mezzo sbronzo all'ippodromo ogni giorno a puntare su quarter, trottatori e purosangue, ma fatevelo dire, là ci sono delle donne che seguono i quattrini, e qualche volta quando guardi queste puttane da cento dollari qualche volta ti domandi se la natura non ha scherzato a regalare tanto petto e tanto culo e la maniera in cui tutto sta insieme, tu guardi e guardi e guardi e non ci credi... Quote rosso2

~ Aulica poesia di Bukowski
Quote rosso1 Per ogni Giovanna d'Arco c'è un Hitler appollaiato dall'altra parte dell'altalena Quote rosso2

~ Bukowski dibattuto tra la figa e l'autodistruzione
Logo Bukowski

Questa pagina è autorizzata da Bukowski.

Charles Henry Bukowski (Germania, 1920 - ventre di un uccello, California, 1994) è il nome d'arte con cui è conosciuto al grande pubblico Leopold Markus Richard Alvin Clarence "Hank" Chinaski, uno dei più famosi e innovativi esponenti della letteratura classica e dell'alcolismo americano, tristemente noto per una grave forma di dipendenza dalla scrittura di racconti, romanzi, poesie e puttanate.

[modifica] La vita

Libro di Bukowski

L'intervista verità di Henry

Charles al primo appuntamento
(1/?)

Caricamento delle immagini in corso...
Bukowski con cessa

Hank Chinaski con il solito scassone di bagascia che si porta a letto

Autore fra i più triviali del XX secolo, questa testa di cazzo s’è permessa il lusso di nascere in Germania nella lugubre cittadina di Unternacht quando in Germania un chilo di patate costava 2 milioni di marchi, stando così sul groppone della sua cara mamma tedesca e sui coglioni del suo caro papà polacco-americano fin da subito. Prima che qualcuno se lo cucinasse per cena con contorno di crauti, la famiglia pensò quindi di trasferirsi America.

Qui, a Los Angeles, incominciò a mangiare panini al prosciutto e a bere whiskey con birra finché, a sei anni, non dovette andare a scuola. Preso per il culo dai suoi compagni di classe italiani, negri e messicani perché era povero, tanto povero che doveva mettere i vestiti di sua cugina e per pranzo mangiava una carruba, si avvicinò ben presto all’hitlerismo, credendo che Hitler in realtà fosse americano.

Trascorse la sua infanzia così: la mattina veniva svegliato a cinghiate dal padre, non faceva colazione, mentre andava a scuola veniva avvicinato e picchiato dal vicino, a scuola le bambine non se lo cagavano e veniva sempre scelto per ultimo quando si facevano le squadre, e se le squadre erano già pari faceva il palo, nel pomeriggio invece doveva fare il palo mentre il bullo di turno si scopava la troia della scuola in un Dodge arrugginito, ma al posto di fare la guardia si tirava una sega guardandoli mentre fottevano, la sera tornava a casa seguito contro la sua volontà dal bambino più sfigato della scuola venendo per questo inseguito ogni volta e malmenato insieme a quello dai teppisti del quartiere, infine, arrivato a casa, veniva riempito di botte dal padre perché aveva strappato e lordato il vestito della cugina.

Prende forma così il suo odio per la gente normale, per il padre, per le donne perbene e per i Dodge Bukowski difatti guiderà per tutta la vita una Volkswagen rubata al padre con la quale rimorchierà le peggiori puttane. Ma soprattutto inizia a diventare anarchico e antisistema e a dipendere dall'alcool, dalle sigarette e dal sussidio equino.

A dodici anni la sua faccia si riempie di brufoli che tenta disperatamente di sconfiggere con impacchi di birra e burro di arachidi, compromettendo per sempre il suo rapporto con le fighe, con la figa e con la sua faccia. Da allora si chiaverà soltanto rottami orrendi.

Dà qualche esame di giornalismo, ma abbandona l’università quando scopre che per diventare un figlio di puttana qualunque e mandare affanculo qualcuno non è necessaria una laurea, basta saper scrivere. Così inizia a vergare poesie d’avanguardia e racconti di retrobottega che gli valgono l’ostracismo della buona società wasp e l’etichetta di “uomo di merda”.

Messo in prigione una prima volta perché ritenuto troppo sbronzo perfino per un americano e congedato dall’esercito alla prima visita medica perché intossicato dall'acne e troppo fascista per combattere contro i tedeschi, Bukowski si avvicina per spregio al comunismo e ha inizio per lui un periodo di bevute apocalittiche, di lavori saltuari, di scopate precarie e di sicure seghe nelle pensioni di tutto lo stato.

Negli anni sessanta mette finalmente la testa a posto: si sposa, una delle sue donne gli caga una figlia, torna a lavorare per dieci anni in un ufficio postale, comincia a scrivere romanzi autobiografici di una certa lunghezza, a frequentare gli allibratori dell’ippodromo alla ricerca di soldi facili e di cavalle da monta, e continua a bere. Alla fine lascia le poste e si dedica soltanto al bourbon, alle scommesse e alla narrativa, grazie a un vitalizio che gli permette tre bottiglie e una mignotta al giorno, pagatogli da una casa editrice che pubblicherà tutta la sua roba: la “Black Sfaccimm” (trad. Passero Nero).

Reading di Bukowski

Prima del reading, Charles si schiarisce la gola con un paio di bottiglie

Divenuto scrittore a tutti gli effetti, ormai cinquantenne Bukowski la smette con la vita da barbone e incomincia a bere scotch d’importazione, a parte un breve intervallo di due settimane di astinenza impostogli da sua moglie Linda che, assicura lui, gli ha concesso almeno un paio di minuti in più di vita, necessari per puntare su un altro brocco piazzato e per vuotare l’ultima bottiglia di bourbon.

Charles muore nel 1994, a causa della tubercolosi, della leucemia e di un fottuto passero rosso che lo divora vivo.

[modifica] Tipico racconto di C. H. Bukowski

Ginevra Leggeri 2

Un culo in cui Bukowski l'avrebbe ficcato volentieri. Come biasimarlo?

Bukowski ha scritto decine di racconti e romanzi (tutti uguali) che gli hanno fruttato diversi miliardi di alcooldollari tutti dilapidati in bourbon, birra calda e puttane.
Un racconto (o anche capitolo) di Bukowski è fatto in questo modo:

  • Il protagonista, solitamente il suo alter ego Hank Chinaski, scrittore dilettante, scommettitore professionista e scopatore interinale, si sta sbronzando in casa.
  • Per qualche motivo arriva una figaccia che lo viene a trovare.
  • Si tromba la figaccia.
Svastica di Bukowski

La dimostrazione visiva che gli americani sono dei nazisti

  • Se riesce a concludere, tutto ok. Continuerà a ubriacarsi in casa.
  • Altrimenti uscirà, farà a schiaffi con qualcuno e poi se ne andrà in un bar e continuerà a bere.
  • Dopo la bevuta si recherà all'ippodromo per scommettere sulle corse dei cavalli.
  • Infilare un morto in qualsiasi punto.
  • Infilarlo in una morta.
  • Ripartire dal primo punto e continuare ad libitum.

[modifica] Lievi variazioni sul tema

Bukowski

Hank fa un pieno di ispirazione

Per rompere la solita routine, ogni tanto capita che succeda qualcosa di diverso dalla solita sbronza e guzzata con la gnocca di turno. Ecco alcune delle molteplici varianti rintracciabili nei suoi testi:

  • Il protagonista deve presenziare a un reading di poesie.
  • Il protagonista va a lavorare.
  • Il protagonista si dimette o si fa licenziare nel giro di poche ore.
  • Il protagonista è impossibilitato a procurarsi alcol e/o donne per qualche misteriosa ragione.
  • Il protagonista viene arrestato.
  • Il personaggio femminile può presentare menomazioni varie o handicap fisici.
  • Il personaggio femminile può morire per alcolismo acuto.
  • Viene incrementata la presenza di espressioni volgari e scurrili come cazzo, fica, culo, frocio, commercialista e via discorrendo.
  • Il protagonista si reca a una festa dove si può bere a sbafo e adescare qualche procace ventenne.
Charles Bukowski ride

Bukowski ripensa all'ultima vaccata che ha scritto

[modifica] Bambini cagati da Bukowski

  • Panino al prosciutto scaduto
  • Taccuino di un vecchio porco che non sono altro
  • L'amore è un cane che va all'inferno (poesie)
  • Erezioni, eiaculazioni, esibizioni e polluzioni notturne
  • Storie di ordinaria rettoscopia
  • Ufficio postale
  • Il primo bicchiere, come sempre, non basta (poesie)
Bukowski al cimitero

La morte a lui gli fa una sega

  • Burp! Una sbornia del XX secolo
  • Camerata di sbronze
  • La mosca nel mio whiskey (al bar)
  • Facciotutto
  • Quando mi hai lasciato, mi hai lasciato tre mutande e uno scolo (poesie)
  • Sgualdrine
  • A sud di un altro sud
  • Confessioni di un bastardo
Tomba di Bukowski

Non ci provare!

  • Tutto il giorno alle corse dei cavalli e tutta la notte a bere e scopare cessi (poesie)
  • Niente canzoni d'amore, solo di culo e di figa
  • Musica per pifferi caldi
  • Hollywood! Hollywood! Vaffanculo!
  • Hemingway non lo avrebbe mai fatto (diario di un viaggio in Germania con la sua donna)
  • Ubriacone del cazzo (sceneggiatura filmica di La mosca nel mio whiskey)
Giornalista : Quote rosso1 Che significato ha il suo film? Quote rosso2
Bukowski : Quote rosso1 Dare un'occhiata su per il culo della morte Quote rosso2

[modifica] Curiosità

Icona scopa
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse ti incuriosisce sapere com'è dormire coi pesci?

Bukowski e Paris Hilton

Paris Hilton fa finta di non conoscerlo mentre legge "Facciotutto"

  • Nei bassifondi di L.A. Bukowski era conosciuto come “Gambe di elefante”, ma lo sapevano tutti che non erano le gambe la parte del suo corpo che assomigliava a quella di un elefante, neanche la memoria, e nemmeno la proboscide, bensì la pelle della faccia
  • Ai reading di poesia era solito insultare il pubblico con frasi tipo “Mi avete rotto i coglioni, brutti froci del cazzo!” quando questi gli chiedevano a gran voce di leggere poesie d'amore
  • Ai party cui era invitato nessuno sapeva spiegarsi come dopo mezz'ora al bar non ci fosse più whiskey, finché non lo trovavano chiuso nel cesso con la cameriera intento a farle il bidet con il bourbon
  • Ai party cui non era invitato entrava direttamente dalla finestra del cesso
  • Alle corse di cavalli spesso era così ubriaco che puntava sulle mogli degli amici
  • Per una pinta di whiskey Bukowski poteva anche rinunciare a una scopata sicura, ma per un cavallo vincente avrebbe rinunciato anche a una Santa Maria

[modifica] Voci correlate


Strumenti personali
Altre lingue
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo