Cecco Angiolieri

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Pasta de cecco.jpg

Il suo cibo principale.

Quote rosso1.png Questo poeta fa un uso spropositato di congiuntivo. Lo odio Quote rosso2.png

~ Studente italiano che sta per chiudere il libro
Quote rosso1.png S'i' fosse Cecco ora mi suiciderei, oh cazzo ma io sono Cecco Quote rosso2.png

~ Anch'egli aveva capito di aver fatto una cazzata
Quote rosso1.png Meno male che dicevano che il congiuntivo fosse morto, 'sto burino ne usa a quintali Quote rosso2.png

~ Persona che non capisce che Angiolieri è già morto da alcuni secoli
Quote rosso1.png S'i' fossi foco mi piacerebbe la foca, ma siccom son fico... Quote rosso2.png

~ Cecco Angiolieri sulle sue preferenze sessuali

Cecco Angiolieri è stato uno scrittore di storielle hard per bambini e un poeta italiano, contemporaneo di Agamennone e Dante Alighieri. Secondo una fonte non ufficiale, tale Farnesina, Cecco era un vero ribelle e rimorchiava tanto, ma così tanto, che dovettero togliergli il parabrezza.

[modifica] Biografia

Sua Congiuntivite accattivante Cecco Angiolieri germoglia a Siena, piccolo paese sperduto in una regione sperduta in una nazione sperduta e non ancora unita con l'Attack, nel millequalcosa e vi appassisce nel millenontelovogliodireperchéforsenonloso. Suo padre era Angioliero, figlio di Angioliero detto Nonpigliomancounafica. Il padre, cavaliere della tavola ottagonale del castello ottagonale, fece parte dei Frati di Maria, reality medievale riuscito dopo aver unito Amici di Maria De Filippi e il grande fratello. Partecipò con il figlio alle guerre puniche e forse era già morto il giorno della sua nascita. La madre di Cecco era Lisa de' Salimbeni, detta Lisa Simpson, figlia del potente Homer Simpson. Quando nacque il Monopoli e a Siena nacquero i Guelfi e i Ghibellini, il buon Cecco si schierò dalla parte dei Guelfi e tirando lui i dati dovettero assediare i concittadini rivali nel castello delle Torri della Maremma Maiala. Cecco fu ripetutamente multato per non aver rispettato il proprio turno a Monopoli. L'anno dopo l'assedio iniziò a praticare il nudismo e ciò gli comportò altre gravi multe e l'evirazione ma lui non demorse e, tornato a girovagare nudo per la città, viene multato di nuovo. Come si sa lui era molto ribelle e quando un certo Dino dammi un Crodino da Monteluco gli disse di non girare più nudo o lo avrebbe evirato lui reagì ferendolo e dando la colpa al calzolaio di famiglia. Dopo aver smesso col nudismo si ridiede alla vita militare e militò come alleato dei fiorentini contro Arezzo e qui conobbe Dante Alighieri grazie a un maniscalco tutto fare, che diede a Cecco il numero di un becchino che a sua volta diede il numero di Dante. Finita la guerra contro Arezzo cadde in depressione e si diede all'uso spropositato del congiuntivo e alla scrittura di continue lettere a Dante, che ormai stanco di Cecco lo mandò dalle parti del fondoschiena e così si ebbe la separazione dei due. In quel periodo con un bando politico fu allontanato da Siena e da quel giorno sarà festa ogni anno. La festa fu poi camuffata nel Palio di Siena. Approdato agli Alcolisti Anonimi, Cecco decise di vendere una vigna a un passante per settecento lire, giusto la somma per pagarsi l'ascensore del palazzo reale, e si ritirò a vita privata. Di lui non si hanno più notizie in vita. Si presuppone che tutto ciò era dovuto al fatto che ormai la prostata lo faceva delirare ma poi si capì che era a causa del bando politico che lo allontanò da Siena. E a causa di ciò e della sconfitta a Monopoli lui si definì libero e indipendente riuscendo a far cambiare l'orario del coprifuoco di poco alla madre. Dopo il milletrecentoqualcosa fu a Roma, sotto la protezione di Cosa Nostra Riccardo Petroni, se ti stai chiedendo se fosse un antenato di quello della birra ti sbagli. Da un documento sappiamo che i cinque figli disconobbero il padre in quanto era pieno di debiti. Primo, il primo figlio, disse che lui non era mai esistito mentre Quarto diceva che il padre era morto prima che loro nascessero.

[modifica] Gli screzi con il congiuntivo

La lingua italiana allora stava fiorendo ma lui non la voleva imparare e rispondeva male alla maestra che cercava di fargli capire l'uso del congiuntivo.

Wikiquote.png
«Ma maestra, se io studio l'italiano diventerei come Dante»
(Il piccolo Cecco, che da piccolo odiava il suo grande amico Dante Alighieri)

La maestra cercava di spiegargli l'uso del congiuntivo e del condizionale ma lui da vero ribelle gli diceva: La cacca. La maestra preoccupata disse vattene a Bel Air convocò i genitori e disse loro che il figlio doveva avere qualche problema o che forse era stitico. Si provò con le purghe ma lui continuava a ripetere quella frase ogni qual volta si parlasse di congiuntivo o di condizionale. Allora la maestra come punizione gli diede da scrivere una poesia contente ogni verso congiuntivo e condizionale. E così nacque la famosa poesia: Si fossi fosse foco arderei 'l mondo. Però non tutti sanno che quella poesia non la scrisse lui ma la scrisse Dante, infatti il nostro Cecco con un astuto colpo di mano riuscì a fargli credere che quel compito fosse per lui e non per Cecco e quando Dante glielo diede lui cambiò il nome di Dante con il suo.

[modifica] Rivalità

Il buon Cecco da ribelle si inimicò molte persone, tra cui:

[modifica] Curiosità

  • Cecco Angiolieri ha fatto la parte del nonno naturale di Brook di Beautiful nella puntanta numero 2012453 bis
  • Cecco è uno dei personaggi nascosti del famoso picchiaduro Soul Calibur IV
  • Cecco stava con una ragazza, che eseguiva il nobile mestire di prostituta, di nome Becchina (è vero)
  • La suddetta Becchina mollò Cecco non appena gli ebbe ciulato tutti i soldi ereditati, hai capito la furba?
Strumenti personali
wikia