Castità

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Gesù con fucile.jpg
Gesù approva questo articolo!

Vi annuncio che il nostro beniamino Cristo è felice di vedere articoli come questo sulla sua amata Nonciclopedia. Quando risorgerà un'altra volta ricompenserà gli autori con tante caramelle e tanta Figa!!!

E andate a messa la domenica, se no il capo s'incazza!

   Sei un miscredente? Ascolta la Sua Parola!?

Gesùcompagnone2.jpg
Ratzinger11111111.jpg

Reazione del papa alla scoperta che la castità è un'utopia.

Quote rosso1.png La castità è il valore più importante della mia vita. Quote rosso2.png

~ Paris Hilton su Famiglia cristiana.
Quote rosso1.png Mamma, papà, sono casto.... Quote rosso2.png

Quote rosso1.png Casti..checosa?? Quote rosso2.png

~ Pornostar su qualcosa di sconosciuto.
Quote rosso1.png No! Io non sono Castro, porca puttana! Quote rosso2.png

~ Truman non capisce un cazzo

La castità è una grave malattia che coglie sempre più persone in modo dilagante fin dalla notte dei tempi. Al pari del colera, della sifilide e della scabbia, la castità è quasi letale per coloro che ne contraggono il virus. La classe di sfortunate vittime può prendere diverse denominazioni, quali finocchi, omosessuali per coloro che sono raffinati, gay se i contagiati sono francesi o ricchioni.

[modifica] Storia

Cintura castità.jpg

Cintura di castità. Mezzo primario già dal '300 per combattere il dilagare del virus.

Come per ogni malattia di questa portata, non si conoscono le origini del morbo, ma si possono fare numerose congetture. I primi avvistamenti sono stati registrati in Francia, che sembra essere la culla dell'omosessualità mondiale. Il virus tuttavia sembra aver attecchito enormemente anche in Canada e in alcune zone di Milano ovest. Gli studiosi sono ancora molto incerti, ma sembra che l'infettività della malattia abbia raggiunto livelli mai visti in precedenza. L'emarginazione dei suddetti individui fu immediata e conseguente.

Questa situazione ci portò tuttavia alla perdita di moltissime personalità notevoli del nostro tempo quanto del passato.

[modifica] Il lesbismo

Cartello gara di vibratori.jpg

Uno dei numerosi banchetti della propaganda elettorale di Berlusconi.

Studiosi accreditatissimi dell'Università di Cazzaniga, a cui nessuno osò opporsi, dopo aver esaminato numerosissimi casi, si ritengono sicuri che il lesbismo non solo non sia infettivo e quindi perseguitabile, ma addirittura allunghi la durata della vita per se stesse e per chi circonda tali ragazze. Il governo berlusconiano decise a questo punto, con gran coraggio e dedizione verso i cittadini, di abbassare il prezzo dei vibratori e di regalare pile ricaricabili a tutti i circoli lesbici su suolo italiano e nelle ambasciate estere. Abolita anche la tassa aggiuntiva sui DVD lesbo-sadomaso, l'economia italiana ebbe un decollo esorbitante nel giro di due settimane.

[modifica] Sintomi

  • La vista cala velocemente, così si muniscono di vestiti spesso sgargianti e catarifrangenti.
  • L'acido lattico che fluisce alle articolazioni le rende più morbide e sciolte. I movimenti si fanno quasi femminili e ridicolmente agevoli. *L'accavallamento delle gambe diviene brutalmente semplice fino alle cosce.
  • Compaiono sospiri frequenti, per il rallentamento del respiro e veloci scosse della testa come per scostare capelli che non esistono.
  • I tic nervosi divengono presto vere e proprie tare psichiche, come il notare le gocce di urina sulla tazza dei cessi pubblici, il ribrezzo per rutti e peti innocenti.
  • Si cominciano ad apprezzare pettorali scolpiti e gambe muscolose ben depilate.
  • La voce si alza di almeno un'ottava, similmente a come accade agli emo ma per motivi tragicamente biologici.

[modifica] Studi seguenti

Le teorie più moderne portano alla conclusione che la castità conduca alla morte per disidratazione. In alcuni casi più gravi, come successe a Rosi Bindi, i testicoli per la troppa astinenza esplosero violentemente causando fluente emorragie interne di sperma. Il fortunato rimase vivo ma estremamente sfigurato. Una sorte ben peggiore toccò a Franco e Ciccio, morti sul set del loro ultimo film, "Ehi tu, che cazzo guardi?!", in circostanze umide e impronunciabili.

[modifica] Link

Strumenti personali
wikia