Carrello portascroto

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1.png MI VOGLIO ROVINARE AMICHE! COMPRATE CINQUE FRULLATORI E IN OMAGGIO AVRETE UN COMODO CARRELLO PORTASCROTO! E SE NON AVETE LO SCROTO, CE LO METTO IO! Quote rosso2.png

~ Roberto da Crema su carrello portascroto

Il carrello portascroto è un’invenzione ignobilmente sottovalutata dello scienziato Benjamin Franklin.
Si differenzia dal parafulmine, altra celebre invenzione di Franklin, per il fatto che non attira i fulmini, non disperde i fulmini e non si chiama parafulmine.

[modifica] Il sonno della ragione genera boiate

Tafazzi2.jpeg

Benjamin Franklin in una foto a colori del 1755. Manco a dirlo, fu lui a inventare la prima macchina fotografica.

Lo scroto cadente è una patologia che affligge l'uomo (e la donna, anche se su questo punto la comunità scientifica si spacca) fin dall'antichità. In molti provarono a trovare un rimedio: il re persiano Alka-Seltzer VI soleva camminare con due paggetti al fianco che gli reggevano le regali palle. La cosa funzionò finché a un bivio i due paggetti presero direzioni opposte, causando la castrazione del re e la fine della dinastia degli Alka-Seltzer.
I visigoti, popolo guerriero, avevano l'abitudine di annodarsi lo scroto attorno al collo, in modo che non li intralciasse nel combattimento.

Finalmente nel 1750 si interessò al caso Benjamin Franlink, genio poliedrico e uomo che si era fatto da solo (e anche più volte al giorno). Del resto era un problema che lo interessava da vicino visto che tra gli amici del calcetto era noto col nomignolo di Palla al piede, e non per le sue capacità pedatorie. Franklin si chiuse nella sua officina, si mise d'impegno e in capo a tre giorni inventò il mitragliatore Uzi, che usò per zittire i suoi simpaticissimi amici del calcetto.
Successivamente inventò il carrello portascroto.

Progettato per risolvere i problemi di trascinamento testicolare dovuti a deformazioni genetiche, malattie veneree o giornate stressanti, il carrello portascroto fu subito commercializzato con successo e declinato in mille varianti: carriola portascroto, zaino portascroto, marsupio portascroto ecc...
Benjamin Franklin, non ancora soddisfatto, inventò poi le lenti bifocali, l’armonica a bicchieri, i bicchieri ad armonica, il neologismo «Ti faccio un culo così!» e un modello di stufa-caminetto che oltre a scaldare sa fare otto tipi di cappuccino.
Inventò anche gli Stati Uniti d’America ma in seguito ammise che non gli erano venuti molto bene.

[modifica] Componenti

Il carrello portascroto è un pratico carrello a ruote adibito al trasporto della sacca scrotale del guidatore o di chi ne fa le veci. La versione originale di Benjamin Franklin consta di tre componenti:

  • Un carrello rubato alla Coop;
  • Una cinghia legata per un'estremità al carrello e per l'altra estremità alle reni del fruitore;
  • Uno scroto.

Va indossato come da figura sotto:

Disegno carrello portascroto.JPG

[modifica] Uso

Sebbene sia nato con il preciso scopo di permettere la deambulazione agli iperscrotici, all’occorrenza può essere usato anche come semplice carrello del supermercato: in quel caso è d’uopo sigillare le buste della spesa al fine di evitare che le vivande, una volta portate in tavola, presentino l’inconfondibile e caratteristico odore di smegma.

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia