Campagna d'Africa

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Campagna d'Africa
Deserto 2.jpg
Truppe mimetiche inglesi nei pressi di El Alamein
Periodo Prima guerra modiale 2
Combattuta da Gran Bretagna, Germania, Francia ( presenza formale ), Italia ( presenza formale ), Svervegia ( spettatrice )
Sponsorizzata da Noci di Cocco Chiquita
Principali battaglie Al Gazala, El Alamein, Marsa Matruh, Tunisi, Tobrouk, Algeri, Bir Akeim, Harem imperiale egiziano
Esito Vittoria svervegese
Conseguenze Sfruttamento alleato della regione bananifera tropicale
Quote rosso1.png Avanti miei prodi! La gloria ci attende! Mangiate l'uva propiziatoria come fece Adamo, e affidate le vostre vite a Dio; oggi al tramonto le postazioni del nemico saranno proditoriamente assalite e conquistate! Il ferro dei nostri splendidi carri armati travolgerà il marrano inglese! EIA, EIA, ALALÀ! ALL'ATTACCOOOOOOOOO!!!!!!! Quote rosso2.png

~ Generale della divisione Folgore incita i suoi uomini alla battaglia
Quote rosso1.png Ritiraaaataaaaaa! Quote rosso2.png

~ Generale della divisione Folgore tre petosecondi dopo
Quote rosso1.png L'Africa korps se ne ride di un mucchio di negri filo-inglesi: l'Afrika korps non si ritira! Quote rosso2.png

~ Reggimento tedesco poco prima di essere annientato da un reggimento sudafricano
Quote rosso1.png Ragazzi, Adolf dice che non dobbiamo assolutamente ritirarci, nonostante non ci arrivino i riforimenti da nove mesi. Quindi, smettetela di mungere i cammelli e raccogliete il vostro piscio: ci serve nafta per i caccia. Quote rosso2.png

~ Erwin Rommel, la volpe del deserto
Quote rosso1.png Cogliete i vantaggi del combattere a 45° gradi all'ombra: casomai vi venisse fame potreste sempre friggervi un uovo sulla corazza del cingolato..... Quote rosso2.png

~ Il generale Auchinleck sfodera tutto il suo humor inglese poco prima di essere giustiziato dai suoi stessi soldati


- Maggiore inglese: “Dobbiamo contrattaccare!”
- Sergente inglese: “Ma siamo 12, con tre feriti, poche munizioni, ci manca l'acqua e fuori c'è un intero battaglione nemico ad aspettarci!”
- Maggiore inglese: “È un battaglione italiano.....”
- Sergente inglese: “Uomini! Inastate le baionette!”

Istanti precedenti alla tremeda sconfitta italiana a Marsa Matruh

[modifica] Introduzione

La Campagna d'Africa fu un bel capitolo della prima guerra mondiale 2, in sostanza una meravigliosa guerra nel deserto, dove si videro le cose più buffe: gente che moriva di sete nonostante combattesse a pochi metri dal mar Mediterraneo, gente che stava in montgomery a 55° gradi centigradi, gente che, alla stessa temeperatura esterna, era disposta ad affrontare il deserto in scatolette di latta ( e a morirci dentro ), gente disposta a chiavare una palma da dattero per mancanza di donne; ma affronteremo tutti questi aspetti della famigerata Campagna d'Africa con ordine.

Leonardo-tank.jpg

L'avvenieristico carro armato in dotazione alla 12° divisone corazza‎ del Regio Esercito

[modifica] L'inizio

Tutto iniziò dall'idea di Rodolfo Graziani, governatore d'Africa, che al comando di 200.000 baldi uomini del Regio Esercito, fece un semplice semplice ragionamento:

Wikiquote.png
«Dall'altra parte, in Egitto, gli Inglesi sono circa 30.000: Quasi quasi, trovandomi in questo leggero vantaggio numerico, attacco l'Egitto, pieno di bellissime piramidi. Questo comporterebbe l'abbandono della Libia, questa inutile scatola di sabbia, piena è vero di petrolio, ma non saprei cosa farci e poi non ho le attrezzature per estrarlo e comunque non mi va.»
(Il classico colpo di genio, che illuminò Graziani)
Carro armato.jpg

Un carro-armato tipo inglese: notate le dimensioni di un uomo rispetto a un suo cingolo.‎

Rodolfo sferrò così l'offensiva: in circa tre settimana gli italiani non solo non avevano raggiunto gli obiettivi, ma si erano addirittura ritirati oltre il punto di partenza. Come mai? Erano pur sempre 200.000, nonostante la maggior parte avesse mitragliatrici di legno, fucili di plastica Hasbro™ e Super Santos come proiettili d'artiglieria, o che i soldati avevano venduto tutta la benzina di cui disponevano agli indigeni per poche noci di cocco, o che scarseggiassero gli ufficiali per via di un importante torneo di rubamazzo che coinvolgeva da settimane le alte sfere, ed era in quel momento nella sua fase più delicata. Graziani, in profonda crisi d'identità, formulò un pensiero:

Wikiquote.png
«Abbiamo attaccato i negri inferiori in Abissinia e ce le hanno suonate; abbiamo attaccato i negri inferiori sudafricani in Egitto e ce le hanno suonate: questi negri non devono essere sempre per forza inferiori....»

[modifica] Sviluppi

Afrika01.jpg

Stemma dell'Afrika korps: Rappresenta uno strumento a quattro punte, lo svastico, utilizzato come si nota per estrarre olio dal fusto della palma

Carro armato giocattolo.jpg

.....e un carro armato in dotazione agli italiani. SPARA DAVVERO!

Gli inglesi nel 1942, mossi da pietà umana per le truppe italiane, diedero loro la possibilità di avanzare qualche scarso kilometro in direzione il Cairo. Gli italiani non trovarono strano che i nemici non opponessero resistenza alla loro avanzata: molti di loro non sapevano nemmeno che ci fossero degli inglesi, nè che si stesse combattendo una guerra, ma pensavano semplicemente di essere stati inviati in un campo d'addestramento reclute all'estero, con tanto di simulazioni di manovre belliche.

Poi, senza alcun preavviso, il buon Hadolfo decise di inviare aiuti consistenti all'alleato in difficoltà: l'Afrika korps. È estremamente nota e usata nel linguaggio quotidiano l'espressione utilizzata dal comandante inglese, generale di brigata Auchinleck, per commentare l'avvenimento:

Wikiquote.png
«Oh, cazzo

Bisogna dire che effettivamente l'Afrika korps incuteva una certa paura nei nemici, e un timore reverenziale da parte degli alleati. Specialmente per quegli alleati che vedono per la prima volta un fucile; nella maggior parte dei casi la loro reazione fu:

Wikiquote.png
«Cos'è quella levetta sull'impugnatura?»

L'Afrika korps, al comando del feldmaresciallo Erwin Rommel, recuperò il terreno perduto, riacquisì le ultime conquiste italiane ( circa 800 metri di terreno ), e anzi volle strafare: arrivò a riconquistare Tripoli, l'importante passo di Al Gazala, e a minacciare in via diretta il confinante stato della Svervegia. È altresì celebre il commento di Auchinleck su quest'episodio della campagna:

Wikiquote.png
«Porca puttana

Convenne silurare Auchinleck, che cominciava tra l'altro a essere decisamente troppo volgare per gli standard inglesi, e mettere al suo posto il generale Bernard Law Montgomery, 1° visconte Montgomery di Alamein (Kennington, Londra, 17 novembre 1887 – Alton, Hampshire, 24 marzo 1976). Bernard, alla vigilia delle due battaglie di Alamein, espose il suo geniale piano al quartier generale inglese:

Wikiquote.png
«Massacriamoli, by Jove
250px-Bernard Law Montgomery.jpg

Bernard Law Montgomery, generale inglese che diede il nome a un tipo di maglione da lui utilizzato nel deserto del Sahara. Qui lo vediamo completo di scaldacollo e paraorecchie, nei dinorni di Al Gazala

Una tattica inappuntabile, che si rivelò infatti vincente. Ad El Alamein Montgomery sbaragliò le truppe dell'Asse; ripeté il successo a Sidi el Barrani, e a Tunisi. Gli italiani, nonostante la disfatta, combatterono con eroismo fino all'ultimo uomo: note sono le vicissitudini nella divisione Folgore, o di quella corazzata Ariete, specialmente di quest'ultima, che se avesse disposto di carri armati di vero metallo e possibilmente di proiettili avrebbe avuto speranze di vittoria.

[modifica] Conclusione

Le forze dell'Asse si ritirarono sempre più, fino in Tunisia, fin sulla punta più estrema, rischiando di annegare tutti per la vicinanza al mare. All'inizio del 1943 l'intero corpo fu costretto a evacuare le ultime teste di ponte.

Hitler, assai perspicace, cominciò a barricarsi nel bunker e a preparare il veleno con leggero anticipo.

Diversa fu la reazione del Duce:

Wikiquote.png
«Africa? Libia? Ma dove c'era il campo d'addestramento con azioni di guerra simulate?»


[modifica] Vita quotidiana nel deserto

Avviso: Pagina invasa dalla sabbia

Mano con pugno di sabbia.jpg

La sabbia: una valida alternativa ad almeno 391 articoli di prima necessità scarseggianti nel deserto

Quote rosso1.png Grazie a Dio non devo abbassarmi a masturbarmi con tutte queste cammelle vergini in giro per le oasi! Quote rosso2.png

~ Soldato tedesco su alternative al sesso

Il deserto era parecchio duro; molte persone morirono per il caldo e per la mancanza d'acqua, piuttosto che per mano nemica. Tuttavia, come si sa, un grande pregio dell'uomo è quello di sapersi adattare alle circostanze. Qui segue, ad esempio, un elenco di surrogati dei vari generi di prima necessità:

  • ⇒ acqua e infuso di foglie di palma (questo non fu particolarmente difficile)
  • Caffè ⇒ Sabbia, piscio e acqua. In mancanza di acqua ⇒ acqua di mare. In mancanza di acqua di mare ⇒ piscio olio di palma;
  • Benzina ⇒ Piscio stagionato, oppure olio di palma opportunamente lavorato;
  • AcquaPiscio insostituibile;
  • Cibo ⇒ Cadaveri dei compagni del nemico infame;
  • ProstituteCammelle, noci di cocco, donne beduine (sconsigliate se le beduine in questione hanno padri o fratelli).

Inoltre gli eserciti coinvolti furono molto fantasiosi nel trovare alternative a sapone e altri prodotti igienici:

  • Sapone ⇒ ossa o interiora dei cadaveri;
  • Carta igienica ⇒ Foglie di palma;
  • Scottex ⇒ Foglie di palma trattate

Particolare fu la sostituzione delle prostitute, delle quali all'inizio tutti sentirono la mancanza, ma alla fine si trovarono indegne alternative:

  • Cammelle vergini ⇒ (particolarmente gradite dagli ufficiali, che per rendere legale la cosa le fecero entrare nei ranghi);
  • Sodomia ⇒ In casi disperati, si può anche ricorrere a un partner dello stesso sesso... (naturalmente si intende sodomia con i cammelli vergini, non con uomini, maiali!);
  • Noci di cocco ⇒ Si può sfruttare il buco posto nella parte superiore del guscio ( metodo pratico, sempre disponibile, economico );
  • Harem locali ⇒ Se avete una particolare botta di culo potreste imbattervi in un harem imperiale e concedervi uno o più rapporti sessuali con vere donne (possibilmente dopo aver eliminato l'eunuco di guardia provvisto di scimitarra).

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia