Calcio

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Nota disambigua Questa pagina parla di uno sport giocato con i piedi. Forse cercavi l'arma dell'Invincibile Chuck?
CALCIO

Un campo da calcio

Quote rosso1 Il calcio non è uno sport, infatti si chiama gioco del calcio Quote rosso2
~ Beppe Maniglia su calcio
Quote rosso1 Il calcio è l'oppio dei popoli Quote rosso2
~ Karl Marx su calcio
Quote rosso1 Il miglior attacco è la difesa Quote rosso2
~ Difensore su calcio
Quote rosso1 La miglior difesa è l'attacco Quote rosso2
~ Attaccante su calcio
Quote rosso1 E io che cazzo dico? Quote rosso2
~ Centrocampista su calcio
Quote rosso1 Il miglior attacco e la migliore difesa sono la testata. Quote rosso2
~ Francese rosicone su calcio
Quote rosso1 Ventidue scemi in calzoncini che corrono dietro a un pallone Quote rosso2
~ Il calcio secondo le donne (a meno che non siano veline o ammerigane)
Quote rosso1 Il calcio è un elemento alcalino terroso Quote rosso2
~ Nerd su calcio
Quote rosso1 Io non posso vivere senza cazzo Quote rosso2
~ Antonella Clerici su calcio
LogoNonNotizie

NonNotizie contiene diffamazioni e disinformazioni riguardanti Calcio.

Il calcio è lo sport più praticato al mondo per la sua semplicità. Consta di undici scimmie che corrono avanti e indietro il cui scopo ultimo è quello di spostare "verso avanti" un oggetto generalmente sferico, ma non sempre. I primati con il cervello appena più grande riescono a introdurlo in uno spazio quadrangolare, detto porta dagli intenditori, anche se la stragrande maggioranza corre inseguendo le altre scimmie, solo perché è divertente inseguirle. Il calcio viene praticato con qualsiasi cosa possa venir presa a calci, come ad esempio un pallone, una lattina vuota, lo zaino di un amico o anche alcuni politici, che noti anche col nome di palloni gonfiati, rimbalzano benissimo.

[modifica] Storia

CALCIO2

Un pallone da calcio

Il calcio nasce nel 1204 F.C. a Bristol, creato da un noto fancazzista: Leonardo Da Vinci. Egli aveva inventato un gioco che si basava sulle seguenti regole:

  1. Undici pirla contro undici pirla che vanno come dei pirla dietro a una palla (nota: pirla era usato da Leonardo come sinonimo di "giocatore").
  2. Una porta per squadra.
  3. Bisogna buttare la suddetta palla nella porta avversaria per segnare un goal.
  4. Si usano i piedi, ma sono permessi anche colpi con altre parti del corpo (eccetto le mani). Un goal di glande vale doppio.
  5. Chi vince? Vinco io che mi chiamo Da Vinci!
  6. In più c'era un'altro pirla che rappresentava Dio sceso in terra e decideva se il goal era valido o no (oggi questa persona viene soprannominata "Arbitro")

Il gioco era chiamato "Pallapirla" e stranamente non ebbe successo all'epoca.

Leonardo cestinò il suo lavoro, che fu ripreso pochi anni dopo da un suo collega: Aldo Biscardi. Egli trovò il progetto per caso e decise di metterlo in atto, sconvolgendo completamente le regole di Leonardo.

[modifica] Caratteristiche

Nonciclopedia FC

Anche Nonciclopedia ha la sua squadra!

Il calcio - da non confondere con l'omonimo elemento chimico o con la comune pedata - porta decine di migliaia di persone negli stadi, strutture indispensabili alle partite, che si giocano con fumogeni, sgabelli, o addirittura motorini da lanciare in mezzo al campo o sulle gradinate. Esistono diverse squadre, divise per Serie:

  • SERIE A
  • SERIE B
  • SERIE C1
  • SERIE C2
  • SERIE C3
  • SERIE Piedi a banana
  • SERIE Subbuteo
  • SERIE L'importante è partecipare
  • SERIE Ho partecipato e me lo sono preso in culo
  • SERIE Ti piace vincere facile?
  • SERIE Ma devo prendere a calci la palla ?
  • SERIE Cos'è quella cosa sferica?
  • SERIE Chi mi tira su in piedi?
  • SERIE Ciabatte
  • SERIE Oh ragazzi..ma "Palla" si scrive con due "L"???
  • SERIE Oh ma il campo è rettangolare?
  • SERIE Figata, la palla rotola
  • SERIE Over 80 (maggiori esponenti: Paolo e Cesare Maldini, Zebina, Legrottaglie, nonno Ballotta e Fabio Cannavaro)
  • SERIE Over 100 (solo giocatori del Milan)

Queste divisioni fanno incassare un buon 15% del fatturato nazionale a moltissimi stati, tra i quali Italia, Portogallo, Brasile e Città del Vaticano.

[modifica] Gli schemi

Nel corso della storia si pensò bene di dare un'organizzazione alla condotta dei giocatori sul campo; fu così che nacquero i moderni schemi.

[modifica] Schema "Tutti dietro la palla"

È questo lo schema più antico, sviluppato con tutta probabilità in una scuola elementare di Alberobello dagli stessi alunni, sul finire del XIX secolo. Il nome dello schema è sufficiente a spiegarlo, consistendo esso in una sostanziale rincorsa della palla da parte di tutti i giocatori di ambo le squadre, di modo che colui il quale, al termine di una violenta lotta fisica, si sia impadronito dell'ovale, possa cercare di tirarlo approssimatamente in direzione della porta avversaria. Oggi questo schema atavico ed affascinante è guardato con disdegno dai signori sapientoni del pallone, i quali lo considerano, chissà perché, rozzo e poco professionale.

[modifica] Schema "A zonzo"

Si tratta di uno schema più elaborato, considerato da molti studiosi una diretta evoluzione del precedente. In base a questo schema solo alcuni giocatori, selezionati di volta in volta con la tecnica dell'ambarabaciccicoccò (così nessuno si lamenta perché non è stato scelto), inseguono la palla, mentre gli altri vagano senza costrutto per la restante parte del campo. La base teorica di questo schema è l'idea che prima o poi in qualche maniera torni utile il fatto che un certo giocatore si trovi in un qualche punto in un qualche momento, e che inoltre gli avversari, confusi dall'assoluta mancanza di continuità e di logica nel comportamento dell'altra squadra, finiscano prima o poi col rincretinirsi. Al contrario dello schema precedente, quest'ultimo gode ancora di notevole fortuna presso gli allenatori, anche della serie A, i quali più volte non hanno mancato di applicarlo. In particolare, è questo lo schema in cui si distingueva Roberto Mancini.

[modifica] Schema "Passa a lui, lui segna"

Calciatori Barcellona esultano uno sopra l'altro

Aveva sbagliato un goal al 90'...

Questo schema non è sempre attuabile: esso trova applicazione infatti nelle squadre di ragazzi dalle medie in su, nel momento in cui fra i giocatori capiti improvvisamente l'unico al quale sia capitato di giocare per sei mesi in una squadra professionale, prima di esserne cacciato con ignominia per manifesta incapacità; ragion per cui il ragazzo in questione è assurto dai compagni di squadra quale Dio del Calcio, ed una volta ottenuto il pallone può fare quel che vuole con esso, alla faccia di quelle pippe dell'altra squadra. Come si è già anticipato sopra, tale schema non è sempre praticabile in campo professionistico, ma risulta sicuramente efficace qualora il "lui" sia un giocatore del calibro di Messi, Zlatan Ibrahimović, Cristiano Ronaldo, Maradona o Pelè.

[modifica] Schema 2-5-3

Questo schema si distingue dai precedenti per le seguenti peculiarità: anzitutto, le squadre che si affrontano dovranno sempre avere le maglie di colore una blu e una rossa. Inoltre, i giocatori situati alla stessa altezza dovranno essere tutti legati ad un'unica, lunga stecca di metallo. Rigorosamente da evitare le rovesciate, e, secondo numerosi allenatori, anche i passaggi laterali, specialmente in attacco. Tale schema non manca di suscitare controversie: si narra che il grande allenatore Ciccio Graziani, alla domanda rivoltagli dai difensori:

Wikiquote
«Ma noi come cazzo facciamo in due qui dietro?!»

Abbia risposto

Wikiquote
«E che ne so, boh?! Fate'm po' voi, e usate la fantasia, no?! TESTE DE LEGNO!!!»

Inoltre, a quanto pare, i cinque centrocampisti sono sicuramente efficaci nel bloccare le palle ancor prima che raggiungano la propria metà campo, ma una strana perversione mentale indotta da questo schema li porta, stranamente, a bloccare anche le palle dirette verso la zona di campo avversaria, sempre che l'allenatore non gli abbia detto di appendersi alla stecca di metallo e di restare sospesi, al fine di lasciar passare il pallone.

[modifica] Schema 5-4-1

Difficile rintracciare le origini di questo schema, ma alcuni studiosi lo considerano una derivazione del "Passa a lui, lui segna". Nonostante l'indubbia efficacia di questo schema (esso assicura, in media, un 98% di probabilità di vittoria), esso raramente riscontra il gradimento dei tifosi, ai quali, com'è noto, non importa un fico secco di quale squadra vinca, ma preferiscono che i giocatori cincischino con la palla e si esibiscano in curiosi giochi di abilità, cosa che essi chiamano "fare gioco". Al termine di queste rappresentazioni, la tifoseria può decidere autonomamente quale squadra abbia "giocato meglio" e dunque meritasse di vincere, indipendentemente da quale delle due abbia segnato più reti: grandi polemiche suscita la forte opposizione da parte della Lega Calcio all'introduzione di metodi più moderni nella valutazione, quali il televoto. Tale è l'antipatia suscitata da questo schema nel cuore dei tifosi, che la squadra la quale abbia l'imprudenza di applicarlo si sentirà spesso apostrofare con questo antico, atavico grido:

Quote rosso1 Ah catenacciariiii Quote rosso2
~ Tipico grido di battaglia delle tifoserie

[modifica] Il calcio in Italia

Dal 1893 il calcio è anche la religione di Stato dell'Italia. In seguito ai Patti Lateranensi nelle scuole è diventato obbligatorio giocare a calcio durante le ore di Educazione fisica.

Dopo il paleolitico, la commissione degli sport illegali decise di inventare gli "ultras" per rendere più piacevoli le partite. Il calcio è da allora divenuto una manifestazione pubblica di sfogo collettivo su qualsiasi cosa: l'unico divieto riguarda l'ostacolare il corso della partita, ma si può tranquillamente tirare una coltellata amichevole, sparare con un fucile a canne mozze sulla folla come gesto di euforia, gettare un autoarticolato dagli spalti e organizzare suicidi di gruppo. Secondo l'articolo del comma 5, paragrafo 8, versetto 12 della Divina Commedia, è inoltre ammessa la violenza sulle forze dell'ordine a patto che si stia giocando a guardie e ladri: le forze militari sono bandite dagli stadi e possono fare irruzione solamente per vendere hot dog o suicidarsi come gesto di esultanza.

In futuro gli stadi saranno muniti di armerie in cui, i tifosi potranno comprare armi belliche di fattura sovietica, armi di sterminio di massa e bombe inespolse della Prima e Seconda guerra mondiale. Il tutto ad un prezzo stracciato se sei in possesso della carta "Galeazziboss". Come per tutti gli sport, al calcio vengono dedicate delle pagine sui giornali (dalla prima all'ultima senza pubblicità), in cui spesso si può leggere circa quanti peli ha nel culo Moratti e quanti arbitri, dopo che gli ultras hanno sacrificato le loro famiglie in onore del dio Maradona, sono stati fatti esplodere a fine partita. In televisione invece, ci tengono costantemente aggiornati sul perché i giocatori hanno i capelli, lo shampo che usano e vengono anche narrati casi di disturbi psicomentali di calciatori che parlano a volatili.

[modifica] Calcio vs Sesso

[modifica] Ragioni per le quali il calcio è meglio del sesso:

Morto vivente scheletro

Giocatore di calcio allo stadio terminale

  1. Si può giocare sia in casa che fuori casa
  2. Dura 90 minuti
  3. Puoi chiedere una sostituzione quando sei stanco
  4. Puoi stare sicuro che lo farai almeno una volta alla settimana
  5. Il pubblico gioisce quando segni
  6. Le attrezzature protettive si possono lavare e riusare
  7. Vieni pagato senza essere una puttana
  8. Se segni non devi preoccuparti di cosa può accadere nove mesi dopo
  9. Puoi baciare i compagni senza essere preso per omosessuale
  10. Puoi segnare con la testa e le gambe, e non solo
  11. Esiste il fallo laterale
  12. Puoi segnare anche su palle inattive o vaganti
  13. Se la palla colpisce il palo non ti fai male (ma le bestemmie ci sono comunque)
  14. Giochi con altre ventuno persone

[modifica] Ragioni per le quali il sesso è meglio del calcio:

  1. Si possono usare anche le mani
  2. Non devi aspettare il fischio d'inizio per cominciare
  3. Non c'è l'intervallo
  4. Ti puoi rilassare dopo avere segnato
  5. Non ti becchi lesioni ai legamenti crociati (o in ogni caso, molto raramente)
  6. Maurizio Mosca non potrà dire la sua sulle tue prestazioni
  7. I campi sono praticabili anche d'inverno
  8. Non vieni ammonito se ti togli la maglietta
  9. Puoi scegliere contro chi giocare
  10. Puoi fumare una sigaretta dopo aver segnato
  11. Puoi fare i preliminari anche se non sei arrivato tra i primi quattro
  12. Non bisogna rispettare alcuna dieta
  13. C'è più sportività
  14. Sono permessi i Falli
  15. È consentita l'entrata da dietro
  16. Una volta sfondata la Linea, anche se sei in fuorigioco, puoi darti alla pazza gioia
  17. Si può giocare su qualsiasi campo
  18. Se fai male è meglio

[modifica] Video

Ecco i momenti più belli della storia del calcio.

[modifica] Varianti

[modifica] Voci correlate

[modifica] Altri progetti



Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo