Cacajao

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Wwf.jpg
Attenzione
Il WWF ha dichiarato questo articolo politicamente scorretto nei confronti della natura.
Se non vuoi diventare tu stesso una specie a rischio corri ad adottare un Panda!
Cacajao

Cacajao maschio.jpg

Fattore di protezione 100 una sega!

Stato di conservazione

Stato estinzione minimo.png
Rischio minimo (nonostante lo sforzo del Sole)

Classificazione scientifica
Regno: Bestie di Satana
Phylum: Bruciaticcio
Famiglia: Bestie ben cotte
Genere: Disattenzioni del Padreterno
Scopritore: Alcuni indios dopo averne stecchiti parecchi
Quote rosso1.png Mamma, perché quella scimmia ha la faccia tutta rossa? Quote rosso2.png

~ Una bambina di fronte alla gabbia.
Quote rosso1.png Lo vedi che succede a non mettere la crema solare?! Quote rosso2.png

~ Una madre che sfrutta l'involontario assist.
Quote rosso1.png ...a guardarli sembra che stiano facendo un enorme sforzo per defecare, senza però riuscirci. Quote rosso2.png

~ Giorgio Celli, Stipsi da primati, Verona 2000, Ed. Pelosi.

Il cacajao (Lesson, 1840[1]), chiamato comunemente uakari, è un genere di primati platirrini della famiglia dei Pitecidi. Nonostante questo, che avrebbe minato anche il più forte dei caratteri, non ha mai perso il suo ottimismo di fronte alle avversità della vita.
Così come per il babbuino, che però è stato abbastanza paraculo da girarsi, il cacajao ha pagato pesantemente la lunga esposizione ai raggi solari senza una crema protettiva. Questa scimmia affascina da sempre il mondo accademico, che non riesce davvero a capacitarsi di come si possa riprodurre un cesso del genere, tanto da formulare l'ipotesi che l'accoppiamento avvenga nel pieno della notte, esclusivamente in presenza della luna nuova e tra soggetti completamente ciechi. O quantomeno deficienti parecchio.
I Tatamátildha, una tribù localizzata il sabato sera al confine con la Bolivia, ritiene il bestio un demone, per metà scimmia e per metà fottuta canaglia. Tuttavia, esso viene nominato anche nella Genesi, seppur con malcelata ritrosia.

Quote rosso1.png Al termine del quinto giorno, finito di fare i pesci, il Creatore si accorse che mancavano ancora gli animali terrestri. Andò quindi subito a dormire, mettendo però la sveglia alle 5 per recuperare. A metà del sesto giorno faceva caldissimo ed Egli, sudato come un manovale di Cosenza, pensò di aver fatto una palese cazzata a creare prima il Sole. Al tramonto, quando aveva praticamente finito e si apprestava ad inventare il chinotto, si accorse dei cacajao in mezzo alla radura: quelle bestie cretine erano rimaste a contemplare la grandiosità del Sole tutto il giorno. Dio creò allora la crema solare, ma era troppo tardi. Quote rosso2.png

~ Genesi, 1.2.3 stella: Delle cose fatte con la fretta.

[modifica] La scoperta

Cacajao Hellboy.jpg

Cacajao hellboys: il genere che ha avvalorato la sospetta provenienza demoniaca.

Il nome comune deriva dal termine "uacari", utilizzato dagli indios per descrivere in modo dispregiativo i primi coloni olandesi, che riportavano scottature inquietanti a causa dal sole cocente dei tropici. Il termine scientifico deriva probabilmente da "caca jáoh", che nel dialetto dei Negarotê significa "partorito analmente".
I primi avvistamenti documentati risalgono al 1883, ma gli indios del Rio Teverê li mangiavano da almeno due secoli, con tutto il pelo. Lo stufato di cacajao è una tipica pietanza della regione del Mato Grosso, ha sostituito recentemente quello fatto con i missionari.
La tribù degli Amikoana, al momento composta da meno di dieci individui, sono soliti stordire questi animali colpendoli con freccette imbevute di curaro diluito. I cacajao che sopravvivono vengono tenuti come animali da compagnia, tutti gli altri mangiati. Gli indios che sopravvivono al pasto continuano a fare questa stronzata, e poi si lamentano che sono sempre di meno.

Cacajao su tronco.jpg

"Dio bonino come picchia oggi!"

Il grande esploratore portoghese Francisco João de Serpa Pinto, che si era spinto[2] fino alla fonte del Rio Adavedê, fu il primo a descrivere tale specie, trascrivendo la delirante descrizione di un indios appena incontrato. E comunque, poco prima che quest'ultimo gli tagliasse la testa per arricchire la sua collezione di capoccette imbalsamate.

Francisco João : Quote rosso1.png Perché lo ritieni un demone? Quote rosso2.png
Indios impaurito : Quote rosso1.png Porque é feia como a morte![3] Quote rosso2.png
Francisco João : Quote rosso1.png Anche tu sei brutto assai, pensi forse di essere un demone? Quote rosso2.png
Indios perplesso : Quote rosso1.png Eu não acho que de ser um demônio![4] Quote rosso2.png
Francisco João : Quote rosso1.png Infatti, sei solo un selvaggio ignorante e credulone! Quote rosso2.png
Indios nervoso : Quote rosso1.png Suas palavras me ofender![5] Quote rosso2.png
Francisco João : Quote rosso1.png Non ti devi offendere, è un dato di fatto! Quote rosso2.png
Indios incazzato : Quote rosso1.png Filho da puta![6] Quote rosso2.png
Francisco João : Quote rosso1.png Perché mi agiti davanti il machete?! Quote rosso2.png
Indios incazzato : Quote rosso1.png Não se movem, caso contrário ele não é bom![7] Quote rosso2.png

La parte finale della pagina era sporca di sangue, quindi non sappiamo come è andata a finire la discussione.

[modifica] Descrizione

Cacajao coppia.jpg

"Fai qualcosa per questo brufolo, sono orribile!"

Vivono nella foresta amazzonica, in una zona delimitata a nord-est dal Rio Japurá, a ovest dal Rio Marê e a sud dalle piantagioni di caffè di Pippo Baudo.
Si tratta di animali lunghi circa mezzo metro, dei quali saltano subito all'occhio alcune caratteristiche evidenti:

  • il pelo è lungo e setoloso,
  • la coda è appena abbozzata,
  • gli incisivi inferiori sono assai lunghi ed appuntiti.

Per il resto è identica a qualsiasi altra scimmia del pianeta che abbia messo la testa in un forno a microonde.

Cacajao con ragazza.jpg

Un bellissimo pezzo di gnoc esemplare di cacajao.

Il corpo sembra tozzo e massiccio, ma lo è solo in apparenza. I cacajao sono del tutto sprovvisti di accumuli di grasso sottocutaneo, tentare una liposuzione ad uno di loro equivale ad aspettarsi una risposta intelligente intervistando Maurizio Gasparri.
Nonostante l'apparenza goffa e stupida sono molto attivi e veloci, comunque sempre meno di un politico che imbosca[8] la mazzetta.
Sono capaci di spiccare balzi di sei metri di lunghezza, dimenarsi fino a notte fonda e addormentarsi solo alle prime luci dell'alba. Tutto questo, come contrariamente avviene per i primati che popolano le discoteche, senza drogarsi.
La faccia è sempre nuda fino alla sommità del cranio, questo lo fa somigliare ad un teschio umano appoggiato su un pagliericcio. In passato, vedendone uno, molti esploratori fuggivano terrorizzati, pensando di essere entrati nel territorio dei tagliatori di teste. Tutti gli altri c'erano entrati veramente e non hanno fatto in tempo a scappare.
Vivono in gruppi che possono contare fino a cento individui, condividono il cibo e c'è sempre almeno una femmina disposta ad accoppiarsi. Di natura sarebbero animali monogami, ma è maledettamente difficile distinguere una femmina dall'altra, soprattutto se la guardi coprendoti gli occhi per non vomitare.
Si nutrono di frutta, semi, foglie e germogli, ma solo perché non trovano appese agli alberi le Pringles, di cui sono ghiotti. Se gliene dai una, il cacajao ti si attacca allo stinco per tutta la vita, facendo lo stesso con un secondo esemplare finiresti per essere considerato matto, perché andresti in giro per la foresta seminudo ma con i Moon Boot di pelo.

[modifica] Tassonomia

[modifica] Cosa ne pensano gli altri primati

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ che viene prima della 1841, che studieremo domani
  2. ^ rima involontaria
  3. ^ Perché è brutto come la morte
  4. ^ Io non credo di essere un demone
  5. ^ Le tue parole mi offendono
  6. ^ (questa si capiva)
  7. ^ Non ti muovere, altrimenti non viene bene
  8. ^ imboscare: nascondere frettolosamente


[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia