Blogger

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede. Ne esistono almeno due categorie principali: il blogger comune e il blogger famoso ma ci sono anche casi intermedi, purtroppo. Andiamo ad analizzare con dovizia di particolari ogni categoria, perché ciascun blogger merita di ricevere l’attenzione che gli è stata negata dalla madre nell’infanzia.

[modifica] Blogger comune

Colibrì posato su una mano

Questo è ciò di cui ha bisogno un blogger.

I blogger sono incredibilmente solidali tra di loro, agiscono secondo una logica comune che sembra essere congenita. Ognuno ha la sua lista di blog preferiti, che visita una buona dozzina di volte ogni giorno. Il blogger commenta con buona costanza i post scritti dai colleghi in modo piuttosto confidenziale, dimenticando di parlare con un fottuto sconosciuto. Nessun altro, se non la cerchia di blogger amici, commenta i suoi post. Notare che non c’è differenza tra blogger e jazzisti.
Vediamo alcune categorie di blog gestiti da blogger comuni.

[modifica] Il blog dei fatti miei

Il “blog dei fatti miei” è il blog scritto da un qualsiasi impiegato una volta tornato a casa dal suo lavoro eufemisticamente definibile logorante. La giornata lavorativa è stata fonte di accurate riflessioni su temi di natura sociologica, esistenziale, morale, politica, sentimentale, economica, etica, naturalistica et catzi et matzi. Riflessioni che il blogger, a quanto pare, non ha alcuna intenzione di tenere per sé. Il “blog dei fatti miei” quindi non è altro che una medicina spirituale per il blogger, dimenticando che ci sono medicine più tradizionali che funzionano meglio.

[modifica] Il blog letterario

Il blog letterario è gestito da un qualsiasi laureato uscito dalla facoltà di lettere e filosofia. Non se ne incontrano molti, cosa che sembra contraddire con la quantità di letterati e filosofi che le università italiane sfornano ogni anno. In realtà questi finiscono spesso per scrivere “blog dei fatti miei”. Con questo non intendo assolutamente dire che i letterati, una volta finiti i loro nobili studi, diventino automaticamente miseri impiegati stanchi. Prima devono farsi assumere.

[modifica] Il blog musicale

Il blog a tema musicale è tenuto da hipster che hanno una voglia pazzesca di discutere della musica che piace loro, musica della quale non possono parlare con nessuno nella vita materiale. È un blog aperto chiaramente per dar sfogo alla comprensibile frustrazione dell’hipster, e quindi con lo scopo di creare un canale di comunicazione con altre persone appassionate di musica indefinibile. Lo scopo di questo tipo di blog è quasi ammirevole, se non fosse che gli argomenti vengono trattati in modo tale da diventare squisite discussioni cazzare sul nulla.

[modifica] Il blog di divulgazione scientifica

Clausius

L'espressione di un blogger scientifico mentre legge i commenti al suo post.

Il blogger che si occupa di divulgazione scientifica è animato dall’inspiegabile desiderio di diffondere la propria conoscenza e far conoscere le cose di cui si occupa in modo semplificato a gente che, una volta letto l’articolo di scienzafordummies pubblicato, parlerà in modo approssimativo della materia trattata mandandogli così il sangue alla testa. Tuttavia, sembra che anche questo tipo di blog dia soddisfazioni.
Il lettore medio, se è fortunato, potrà trovare dei flame chilometrici tra scienziati che lottano sanguinosamente per dimostrare tesi opposte, che alla fine si riveleranno essere identiche, giungendo a compromessi insoddisfacenti per entrambe le parti.

[modifica] Il blog del blogger intellettualoide che parla male di Nonciclopedia per sembrare ancora più intellettualoide

Altri acuti analisti hanno trattato questo argomento meglio di me. Vi rimando al loro lavoro di accurata ricerca sociologica.

[modifica] Blogger famoso

Il blogger famoso scrive sul blog perché glielo chiede qualcuno: una testata giornalistica, una rivista online, e così via. Purtroppo non sempre è così.
Il blogger famoso non ha assolutamente bisogno di essere letto e non condivide le regole assiomatiche dello scambio di commenti dei blogger comuni. Ciononostante riesce ad essere ugualmente pedante. Solitamente scrive cose inerenti politica, attualità, e tutti gli altri argomenti trattati dal blogger comune, con la differenza che i suoi post irradiano gli occhi del lettore con il calore della sua autostima. La quantità di commenti che riceve si avvicina a cifre abominevoli, e nonostante il blogger famoso riscuota un gran successo, non si sentirà assolutamente in dovere di rispondere a nessuno, mantenendo intatta la sua credibilità. I blogger famosi aggiornano il blog tre volte al mese al massimo, perché ovviamente hanno altro da fare.

[modifica] Blogger divenuto famoso grazie al blog

Exquisite-kfind Non ti basta? C'è anche Salvatore Aranzulla

No, questo è troppo. Non lo posso accettare. Ad ogni modo, sembra che ci sia anche questa categoria di blogger. Si tratta perlopiù di persone famose all’interno dall’ambiente blogger, e talvolta ottengono successi anche reali. Se ne trova qualche esempio tra i blogger scientifici, o altri casi che di spiegabile hanno poco. Si tratta di anomalie che, se possibile, trasudano più autostima dei blogger già famosi.

[modifica] I blogger nella vita reale

Solo gli amici dei blogger sanno che questi tengono un blog, ma non lo leggono. Se i blogger avessero amici che leggono il blog probabilmente ne farebbero a meno. Se hanno amici che lo leggono, allora quasi sicuramente sono blogger anche loro.

Strumenti personali
FANDOM