Bitch volley

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Beach volley scogli.jpg

Il concetto di sabbia è abbastanza discutibile a volte

Il bitch volley è uno sport lesbo nato sul lungomare di Milano nel lontano 1751 i.C., anche se fonti attendibili ne fanno risalire l'origine al Quattro pirla col Super Tele praticato sul litorale domizio sin dal 1860.

È molto simile alla pallavolo, ma è giocato sulla sabbia invece che in palestra, anche se il concetto di sabbia è discutibile.

[modifica] Storia

Narra la leggenda che alcune donzelle locali, dopo un'intensa nottata di lavoro, decisero di fare una pausa rilassandosi in spiaggia. Fu in quell'occasione che casualmente trovarono la testa di una loro collega, tal Mila Azuki, da poco decapitata da un amico deluso. Per testarne l'aerodinamicità la lanciarono in aria passandosela tra loro, attirando l'attenzione dei vu-cumprà e dei lavavetri di passaggio: da qui l'invenzione del gioco che ha fatto la felicità di tutti i registi porno della storia.

[modifica] Regolamento

Beachvolley.JPG

La giocatrice indica dove inserire l'attrezzo...

Il regolamento ha vari punti, i più importanti sono qui elencati:

  1. Essere donne (alle olimpiadi partecipano anche froci, ma li guarda solo Lapo);
  2. Essere gnocche;
  3. Indossare bikini succinti e poco resistenti;
  4. Essere disponibili;
  5. Usare spesso le inquadrature da fondo campo se la partita è trasmessa in TV.


Queste invece sono le regole secondarie:

  1. Lanciare la palla, o la testa se si vuole, dall'altra parte della rete, che per regolamento è alta 4,15 m;
  2. Max 3 tocchi per squadra. Le toccate di culo non sono incluse nel conteggio.
  3. Colpire gli eventuali bimbiminkia ai lati del campo con schiacciate a velocità non inferiore ai 917 Km/h;
  4. Finire a calci i bimbiminkia eventualmente rimasti vivi.

[modifica] Differenze con la pallavolo

Ragazza a torso nudo con pallone da pallavolo.jpg

Anche a Samara piace giocare a Bitch volley

  • L'abbigliamento è ancora più succinto.
  • Si gioca in 2 invece che in 6. Questo non significa che restringeranno il campo o abbasseranno la rete per farti correre e saltare di meno, brutto ciccione sfaticato che non sei altro!
  • Le linee possono essere ridisegnate a piacimento, se l'arbitro non vede.
  • L'invasione sotto rete non esiste: sono permessi pestoni, calci rotanti, toccate di culo e tunnel sotterranei scavati nella sabbia per sbucare nella metà campo avversaria e assaltare gli avversari (schema di gioco inventato dalla nazionale coreana).
  • Non si può ricevere in palleggio, ma è permesso utilizzare una mazza da baseball.
  • La traiettoria del palleggio deve essere perpendicolare all'asse delle spalle, qualsiasi cosa significhi.
  • I falli di doppia, accompagnata e trattenuta non esistono: questo permette anche a un cactus di essere in grado di arbitrare una partita di Bitch volley.
  • Il set finisce quando si arriva a 21 punti invece che 25, ma dato che per praticare questo sport non è necessario saper contare, di solito vince chi bara meglio nel conteggio.
  • A fine partita ci si può sputare sulla mano prima di stringere quella dell'avversario.

[modifica] Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

Tipepallavolo.jpg

Visione consigliata a un pubblico di soli adulti

  • La maggior parte del pubblico è formato da vecchi bacucchi che paga il biglietto (341 €) solo per vedere le Bitch voller in costume (non possiamo biasimarli).
  • Le Bitch voller sono al 90% del nord Europa (Svezia, Norvegia) essendo praticamente le uniche a soddisfare tutti i requisiti.
  • Vedere una partita di Bitch volley equivale ad assumere 3 pastiglie di viagra. Consultare il foglietto illustrativo prima della visione.
  • I bikini delle Bitch voller sono appositamente studiati per essere il più aderenti possibile.

[modifica] Vedi anche

Strumenti personali
wikia