Beppe Fenoglio

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1.png Hai una sigaretta? Quote rosso2.png

~ Qualsiasi personaggio di Fenoglio a proposito di tutto.
Quote rosso1.png ... il sangue scorreva a fiumi insieme a pezzi di cervello... Quote rosso2.png

~ Descrizione di un gioco di società.

Beppe Fenoglio è uno scrittore italiano famoso per i suoi emozionanti best seller, per la scrittura vivace e giovanile e per la grande varietà dei temi.

[modifica] Biografia

Beppe nasce a Cuneo, in Piemonte: il papà fa il macellaio, cosa che influenzerà grandemente la vita futura del ragazzino. I compagni lo ricordano come un bambino taciturno, scontroso e antisociale.
La sua adolescenza è la tipica adolescenza di un teen ager alternativo di provincia con turbe mentali che sogna di uccidere e stuprare per riscattare la propria condizione di sfigato. La sua vita avrebbe potuto concludersi banalmente con un suicidio o continuare a trascinarsi come vita di merda se non fosse arrivata la Seconda guerra mondiale a vivacizzare la situazione: il giovane Beppe infatti, invece che nascondersi in soffitta o di travestirsi da cassonetto per salvarsi dai crucchi, si infila un paio di All star viola, prende con sé una stecca di Camel silver, un fucile e si unisce ai partigiani.
Contro ogni previsione il giovane non solo riesce a non farsi fare a pezzi entro 48 ore ma addirittura diventa un eroe: si racconta che abbia squartato otto fascisti in sette minuti, e sempre tenendo la sigaretta in bocca. Purtroppo dopo due anni di sangue e lividi la guerra finisce e Beppe è costretto a tornare alla sua anonima vita di provincia: si sposa e muore poco dopo di tumore ai polmoni. È triste pensare che proprio le sua amate Camel silver lo abbiano ucciso in modo così spietato. Negli ultimi anni di vita, per supplire alla noia per il troppo tempo libero e alla mancanza di nemici da uccidere si è dedicato con poco successo alla scrittura.

[modifica] Pensiero politico

Mussolini petacci morte.jpg

Beppe e la concretizzazione delle proprie idee.

Contrariamente a quello che sostengono i professori di italiano e Giorgio Bocca, Beppe Fenoglio non aveva un pensiero politico: lui uccideva per il semplice piacere di farlo e se si unì ai partigiani e non ai fascisti fu soltanto perché secondo lui faceva figo. I libri che ha scritto nel dopoguerra avevano un taglio di sinistra solamente per vendere qualche copia in più: la macelleria del padre aveva chiuso e lui teneva famiglia. Per cui smettetela di far leggere "Una questione privata" agli alunni dei licei: non è stata scritta con i migliori sentimenti e in più nessuno ha capito come finisce.

[modifica] Stile e temi

Vario, creativo, fantasioso non sono aggettivi che useremmo per descrivere l'opera di Beppe Fenoglio, visto che il tema di tutti i suoi libri è uno e uno solo: LA RESISTENZA™. Dicendo questo possiamo tranquillamente esaurire il discorso sulle tematiche fenogliane. E se il tema è sempre lo stesso anche nelle sue numerose opere i personaggi e la trama sono praticamente sempre gli stessi:

  • Un partigiano intelligente e nerd che passa i ¾ del tempo a scroccare sigarette, ma si rivela essere un figo smisurato capace di uccidere un centiliardo nemici al secondo. Di solito costui è il protagonista.
  • Un partigiano stupido che si fa uccidere o rapire per i motivi più idioti, come ad esempio recarsi alla lavanderia del paese per lavare il proprio pigiama di seta. Viene salvato o sepolto, a seconda dei casi, dal protagonista.
  • Uno o più fascisti stupidi e brutti che uccidono o si fanno uccidere per i motivi più stupidi, di solito mentre vanno a puttane. Hanno divise e armi fighe e sono sempre riforniti di sigarette. Costoro non hanno un ruolo ben definito, ma vengono impiegati come scenografie o comprimari a seconda di come gira all'autore.
  • Una tipa, non bella ma vistosa che non la dà MAI al protagonista, ma occasionalmente ama concedersi a chiunque.

Lo stile di Fenoglio di solito viene definito sperimentale dai professori di italiano, perché usa la punteggiatura in modo casuale e inserisce parole inglesi random.

[modifica] Opere

[modifica] Il partigiano Johnny

Johnny, uno snob piemontese, diventa partigiano. Resta sui monti 2 anni, passando il tempo libero tra una sparatoria e l'altra a scroccare sigarette e pensare a quanto odia i suoi compagni, che sono ignoranti, comunisti, non sanno l'inglese e puzzano. Due ragazzi della sua brigata, impietositi, gli diventeranno amici e cercheranno di guarire la sua asocialità, ma moriranno in modo brutale verso la fine del libro, proprio quando il protagonista inizia a sentirsi vagamente normale. Il libro in realtà non ha una fine, poiché è incompiuto. Le ultime,enigmatiche righe vedono Johnny impazzire durante una battaglia, mentre corre con un fucile in mano ridendo istericamente, in preda allo sclero.

[modifica] Una questione privata

Ragazzi nel letto.jpg

Giorgio e Milton in un momento di virile cameratismo

Milton e Giorgio, sono partigiani e sono amici per la pelle[citazione necessaria], probabilmente anche qualcosa di più, visto che dormono sempre teneramente abbracciati. Insieme formano un contrasto delizioso: il primo è moro e brutto, il secondo è biondo e bello, ma ha una mente squisitamente umile. Il loro idillio si infrange quando Giorgio viene rapito da una banda di fascisti, che lo hanno sorpreso mentre era intento a raccogliere ghiande cantando. Milton si attiva per salvarlo, e in un rantolo di dinamicità cattura dei prigionieri per scambiarli con l'amico. Purtroppo Milton è un sociopatico aggressivo e uccide i prigionieri a mitragliate quando li scopre interisti. Una classe di Balilla di 6 anni, in gita da quelle parti, viene attratta dal rumore degli spari e lincia il povero Milton. Nessuno sa che fine faccia Giorgio.

[modifica] I 23 giorni della città di Alba

Trascurabile pout pourri di annedottica resistenziale.

[modifica] Curiosità

  • Fenoglio è la mascotte dell'ANPI.
  • Esiste un "Festival Fenogliano".
  • Esiste una trasposizione filmica de "Il partigiano Johnny", con Fabio de Luigi nel ruolo de " il fascista tonto".
  • La Pro loco di Alba ha realizzato dei murales ispirati alle opere di Fenoglio deturpando la cittadina. Questo tuttavia è stato un miglioramento perché è passata da luogo che nessuno si incula a cittadina orribilmente folkloristica.
  • Fenoglio, a proposito dei suoi scritti, è solito dire che le gag sono rappresentate dalle scene di fucilazione, secondo lui ricche di sano humor nero.
  • Nei suoi libri il personaggio più fortunato è colui che muore in modo orrendo e violento prima della fine della guerra: così non soffrirà di crisi di astinenza da massacro.
Strumenti personali
wikia