Avellino

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

La rotonda magica.jpg

La rotonda più piccola della città. C'è una macchina grigia al centro, vedete? Sono sei mesi che tenta di tornare a casa.

Quote rosso1.png N'gulo a chitammuorto, chitastramuorto, e chi ancora t'adda morì! Quote rosso2.png

~ "Ciao" in avellinese.
Quote rosso1.png Spaccàmmoci 'na Ceres! Quote rosso2.png

~ Un avellinese prima del rito di condivisione della birra.
Quote rosso1.png Mo' vene lu bello Quote rosso2.png

~ quiro ca si mangiavo l'accetta e cacavo sulo lu manico.
Quote rosso1.png La vita è il tempo che passa mentre ci si sposta da una rotonda all'altra. Quote rosso2.png

~ Assessore al traffico della suddetta cittadina.
Quote rosso1.png Il traffico automobilistico di Avellino è secondo solo a quello della cocaina tra Colombia ed Europa. Quote rosso2.png

~ Piero Angela in una puntata di Superquark dedicata alla città di Avellino.
Quote rosso1.png Su di noi, nemmeno una nuvola Quote rosso2.png

~ Nessuno su Avellino
Quote rosso1.png Napoli è Avellino Marittima Quote rosso2.png

~ Ciriaco De Mita su Napoli

Avellino, celebre località piovosa di importanza mondiale praticamente nulla, nota ai più per aver ripetutamente vinto il premio di "Posto più inutile del Monte" e "Pisciaturo d'Italia", è situata nella Terronia nord-occipitale. Riconoscere Avellino è facile: nessuna città al Monte ha un rapporto cantieri/rotonde per abitante così elevato. Avellino non è nient'altro che un ammasso di cantieri e infinite rotonde per spostarsi fra questi. Definita dagli studiosi "città più brutta d'Italia", si ritiene che l'unica cosa buona che abbia sia il pullman per andare a Napoli che passa ogni mezz'ora. Gli avellinesi, infatti, vorrebbero entrare in provincia di Napoli ma questi ultimi non li vogliono. Per questo hanno ripiegato su Benevento.

Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Avellino

[modifica] Storia

La ridente cittadina di Avellino fu fondata nel millenovecentonovantadieci da Lino Banfi[1]. Il nome deriva dall'esclamazione Ah! V’è Lino! di alcuni presenti in loco alla vista del suddetto fondatore. La denominazione di Pisciaturo d'Italia è ampiamente riconosciuta e documentata. Il pisciaturo è una specie di vaso da notte per fargli la pipì dentro. In dialetto campano si suole dire: "Avellino è il pisciaturo d'Italia" per indicare che è una città dove piove sempre.

Divieto di divisione birre.JPG

Avviso esposto da un barista avellinese per arginare il rito della Ceres in due bicchieri.

La felicità dei primordiali indigeni viene presto sconvolta dall'arrivo del branco più giovane, più letale e più stupido che si sia mai visto finora: i bimbiminkia.

Non vi fu nessuna guerra fra le due stirpi.

Nel giro di 12 secondi, comunicando principalmente a gesti accompagnati da monosillabi gutturali ("una lunga ed estenuante conversazione", come riportano gli annali di parte), le due popolazioni si fusero in una sola festeggiando con il già noto rito della Ceres in due bicchieri; ancora oggi le due stirpi sono solite ripeterlo nel Sacro Platani[2], ricevendo come ricompensa per il loro patriottismo, tamarrissimi braccialetti al neon.

Truzzi con stelline.jpg

Sì, ai primordi c'erano questi qui. E quello ciccione sta guardando TE.

[modifica] Geografia

Avellino si trova in Terronia, situata tra Napoli e Philadelphia Light. Il giovedì confina con il Pakistan, ma non nelle feste. Qualcuno dice che, non distante da Avellino, si trovi il Molise; chiaramente è una menzogna dato che, come tutti sanno, il Molise non esiste. E anche se esistesse, tu non potresti mai dimostrarlo. Pare che il commento più frequente della gente che l'ha vista dall'alto sia "Uh, guarda, c'è anche una città tra quelle rotonde".

[modifica] Abitanti

La noia è il principale nemico del popolano. Per combatterla, l'assessorato comunale ha pensato bene di costruire tante rotonde per intasare il traffico e così impegnare le ore dei cittadini. In aggiunta, e per non farsi mancar nulla, si è deciso di aprire cantieri in numero variabile tra zeromila e più infinito.

Topo gigio.jpg

L'Assessore durante un'impegnatissima giornata lavorativa.

L'occupazione principale dell’avellinese medio è quella di lamentarsi. Il tipo di lamento dipende dall'età:

  • Il giovine ventenne avellinese si lamenta perché i giochi della pleistescion costano troppo e perché "Quella puttana non me la vuole dare e poi si scopa mezza Avellino". E lui puntualmente è nell'altra metà.
Astronauta.jpg

Un avellinese medio al mare.

  • Il trentacinquenne avellinese si lamenta perché i giochi della pleistescion costano troppo e perché "Quella puttana non me la vuole dare; è proprio una puttana"
  • Il settantenne avellinese si lamenta perché i giovani non fanno un cazzo tutto il giorno e perché "Quella puttana non gliel'ha mai voluta dare; era proprio una puttana". Solitamente quest'ultima lamentela la si può ascoltare davanti a un manifesto mortuario.
  • Gli anziani hanno come occupazione principale, oltre al contemplare ipnotizzati i cantieri, pare sia sedersi davanti alla villa comunale ed arrattusiarsi sulle ragazzine che escono dalle scuole superiori antistanti.

[modifica] Divertimento giovanile serale

I giovinotti passano metà del loro tempo a ubriacarsi e a vottà 'o piccione (vomitare), e l'altra metà a rimpiangere quanto erano ubriachi il mese/giorno/minuto prima. Essendo sempre alla moda, hanno la sana abitudine di raccontare gigantesche cazzate. In genere, quando parlano delle donne sedotte o di quanti rum e pera abbiano bevuto è vera soltanto una parola su quattro; quasi sempre gli articoli determinativi. L'occupazione principale dei ragazzi è darsi alle risse, lanciando oggetti trovati per strada: un po' come le scimmie, ma con meno peli e più birra in corpo.
Ecco elencati di seguito i sempre validissimi motivi per scatenare le risse:

  • Mi hai guardato
  • Hai guardato la mia ragazza (o meglio: 'a vagliona mia)
  • Hai guardato il mio amico
  • Hai guardato Porta a porta
  • Sei un metallaro
  • Sei un comunista
  • Sei un capellone
  • Sei pelato
  • Miao
  • Mi hai buttato la birra addosso
  • Mi sa che sei uno di quelli che un mio amico doveva picchiare
  • Lascia stare la mamma (o meglio: non mettimm' 'e mamme 'mmiezo)
  • Non mi devi mai correggere quando dico le cose che sto dicendo
  • Non ti permettere di pensare quello che penso
  • Eddai, picchiamoci!
  • Sto facendo finta di essere ubriaco, quindi devo picchiarti
  • Mi hai salutato troppo vigorosamente
  • Non mi hai salutato. Allora l'altra volta che ti ho pestato a fare per il saluto troppo vigoroso, eh?
  • Sei tu
  • Amm' scenne a contesa?
  • Spostati
  • Non spostarti
  • Ti chiami come quello che ho picchiato ieri
  • Sì, anche lui si chiamava Giangiacomomaria
  • Sei troppo beneventano
  • Sei troppo
  • Sei
  • Ti ho appena visto toccare la mia ragazza e lei me lo può confermare: ora la chiamo a casa
  • Piacere, Antonio
  • È passato troppo tempo da quando t'ho picchiato l'ultima volta
  • Lascia stare il presidente
  • Lascia stare il cappello del presidente
  • Voglio pariare
  • I nostri sguardi si sono incrociati..........c'amma vatte

[modifica] Personalità legate ad Avellino

Rotondi.jpg

Il mini-stro Rotondi appena nato.

Forse non tutti sanno che, oltre ai temporali e alle risse, la città ha sfornato nei secoli fior fior di personaggi, la cui fama è arrivata sino in Segonia. Tra i tanti volti noti è d'obbligo ricordare le troiane S.S. Milly D'Abbraccio e Sonia Aquino nonché lo scomodo giornalista e conduttore della Melevisione Gigi Marzullo. Discorso a parte, (che non verrà mai affrontato per problemi di emorrodi), merita il politico più inutile del Monte a capo del più importante mi(ni)stero della storia mondiale: Gianfranco Rotondi.[3] Tony Soprano mafioso italo-americano.

[modifica] Riconoscimenti storici

Dopo il riconoscimento di "Città più inutile del Monte", molti personaggi famosi hanno tessuto le lodi di questa garrula civitade. Da ricordare senz'altro le famosissime parole famose di Garibaldi a cavallo: «Cazzo, questa città è talmente bella che ora me ne vado»; o le sconvolgenti parole d’amore di Platinette: «Ho visto Avellino e ho deciso di truccarmi come una mignotta di 67 anni». Durante la sua visita in Andumistan, il presidente della repubblica normanna svedese disse: «Uh anema ra spaccimm! Qua state quasi ai livelli di Avellino!». Seguirono 46 minuti di peti di approvazione da parte del pubblico andumistano. Pare che da giovane Victor Hugo, durante uno scambio culturale con un Istituto agrario del capoluogo irpino, abbia trovato l'ispirazione per scrivere il suo più celebre romanzo: "I Miserabili".

[modifica] La provincia

Colosseo.jpg

Il duomo di Avellino. Da notare il tipico cielo color verde piccione.

Ecco un elenco esemplificativo di alcuni dei paesi di questa inutile e squallida provincia:

  • Ariano Irpino: monte scosceso ai confini con il Mozambico. Ha il primato di essere la città con l'estensione territoriale più grande d'Italia dopo Milano. Altro grande orgoglio per gli arianesi è la speciale presenza della stazione, dotata di ben un binario, che la collega con le più grandi città del Giappone, in particolare Bolzano e Verona. Ariano è divisa in tre grandi zone: Martiri, Piazza/Pasteni, Cardito. Le relative compagini sono in lotta fra loro, più o meno come le gang di Grand Theft Auto. I luoghi più frequentati sono due: l' onnipotente Why not play, dove tutto è possibile, Poto Games (andò oslam) e la discoteca Midá, dove le varie gang se le danno di santa ragione ogni sabato sera. Il tipico arianese è il classico arianese: si dà tante arie e per di più fritte ma non conclude un cazzo. Scroccone fino alla morte, vive di agricoltura nonchè di allevamento di mufloni, cinghiali e capricorni.
  • Atripalda: capitale irpina dell'umidità a due passi dal capoluogo. Nota per essere attraversata dal fiume Sabato, il cui nome deriva dal fatto che gli abitanti sogliono buttarvicisi a capofitto nel giorno che precede la domenica; di solito questo accade tramite l'invito di un altro abitante (Ma 'ùttiti p'o ciumo!). Grazie ai giovani atripaldesi, aziende come la Ceres e il Gruppo Campari hanno la certezza di chiudere il bilancio in attivo.
  • Avella: territorio di cerniera tra la provincia più inutile del monte e Munnezzopoli. Si narra che Hitler volesse farne il suo bidet personale da bombardare prima di ogni guerra. Gli abitanti hanno quindi una propensione naturale all'arte bellica e sono maestri nell'arte di creare enormi palle di feci. Gli autoctoni crescono in branchi di stercorari.
  • Bagnoli Irpino: paesotto i cui abitanti sono personaggi alti un metro e mezzo dai lineamenti caprini, composti di tartufo nero. Il passatempo preferito dei bagnolesi è organizzare imboscate ai danni di ignari passanti.
  • Baronia: questa zona, che include diversi paesi, prende il nome dal noto stabilimento industriale "Pasta Baronia", fondato e diretto da Silvio Berlusconi. C'è il paese a forma di fusillo chiamato "Castel Baronia", il paese a forma di tortellino ripieno chiamato "Flumeri", il paese a forma di pennetta chiamato "Vallesaccarda" ,il paese a forma di rigatone chiamato "Trevico",quello a forma di raviolo chiamato "Vallata" e così via. Un'eccezione è Scampitella dove sono gli abitanti a essere a forma di spaghetti, mentre il paese visto dall'alto su un aereo Alitalia assume le sembianze di un piatto di scampi cotti in padella, da cui deriva appunto il nome (Scamp=scampi Pitella=padella). Purtroppo non esiste un paese con tutte le abitanti a forma di gnocchi.
  • Bisaccia: piccolo paese detto volgarmente "Vesazza" a causa della popolazione che beve e mangia di continuo e non si abbotta mai. È anche la capitale dell'Arminia d'Oriente, etimologicamente derivata dal suo fondatore Franco Al Arminejad , famoso mullah islamico, inventore del "nuovo cammino verso la Jihad" e della "cazzeggiologia". È ritenuto anche il centro capoluogo dei finti alternativi di sinistra. Da notare la chiesa a forma di astronave in cemento armato grezzo che si dice possa essere la navicella spaziale di una colonia di "cazzeggiologi" che ha fondato la città nel 3000 a.C.
  • Cairano: Questo paese è fornito di una rupe da cui i suoi abitanti si gettano volentieri per passare a miglior vita, infatti attualmente ne sono rimasti solo duecento. Il sindaco vive a Lioni e ha lasciato nel suo ufficio uno spaventapasseri che gli abitanti del luogo ingenui scambiano per il sindaco in carne ed ossa.
  • Calitri: molto noto per la tamarraggine dei suoi abitanti e per il loro squallido e viscido dialetto. I calitrani chiamano la pasta col nome di "cannazze" e il sugo col nome di "kuta kuta". Sono al secondo posto nella classifica mondiale degli alcolizzati dopo Sant'Andrea di Conza.
  • Caposele: paese del famoso centro commerciale di San Gerardo, dove si può acquistare dai santini fino alle indulgenze, inoltre si possono acquistare un vasto assortimento di statue da San Gerardo a Padre Pio. L'unico sport praticato dagli indigeni è giocare a carte bestemmiando dalle 15 fino a notte inoltrata bevendo birra. Unico paese al mondo ad avere una pista ciclabile di otto metri. È anche la sorgente del fiume Sele, fiume colpevole di aver creato l'omonima valle.
  • Castelfranci: si narra che fu lì che Gesù Cristo si chiese "Padre, perché mi hai abbandonato?".
  • Cervinara: piccolo grande paese che ha fatto erigere all'entrata Est del comune un cartello di inizio territorio paragonabile a quello di Las Vegas. Avete presente "Welcome to fabulous..."?; uguale, solo che si trova in un comune che con un eventuale terremoto potrebbe guadagnarci un miglioramento estetico.
  • Cesinali: piccolo paese vicino al capoluogo che si distingueva per la presenza di un cannone della seconda guerra mondiale che veniva fumato a turno dai giovani locali. Dal nome dialettale di questo piang ridente borgo deriva la famosa imprecazione «Mannaggia Gisinali!».
  • Contrada: Piccolo paese compreso tra Bellizzi e Forino e molto spesso confuso con questi. I cittadini della provincia di Avellino ne ignorano l'esistenza.

Ecco un esempio di conversazione con un contradese:

- A: “Di dove sei?”
- B: “Ra' Cuntrada”
- A: “Ah! si e' Forino”
- B: “No di Contrada”
- A: “Ah! si e' Bellizzi”
- B: “Noooo di Contrada!”
- A: “Allora si parente ro'Russo.”
  • Conza della Campania: detta anche simpaticamente Conza della Cambogia, offre un paesaggio del tipo post-nucleare che le è valso il gemellaggio con Chernobyl. I suoi abitanti sono infatti invisibili.
Fontana rosa.jpg

Un bellissimo scorcio di Fontanarosa.

  • Fontanarosa: il famoso paese delle tre P che in origine stavano a significare paglia, pietra e presepe e che successivamente sono diventate pastori, pecore e prostitute. Gli abitanti del luogo (i cacallerti) sono famosi per essere i più alcolizzati della Terronia centro-settentrionale e per aver registrato nell'anno 7529 a.C. il più alto numero di malati mentali di sempre.
  • Frigento: paese noto per la sua altezza e per il massiccio girovagare di tamarri. Il toponimo deriva dall'inglese free ("libero") e gents ("gabinetto degli uomini") perché tutte le strade del paese finiscono in fondo a destra.
  • Gesualdo : paese di invasati, fanatici, affaristi e malati di mente. Il fondatore del paese era un signorotto di Napoli, famoso uxoricida psicopatico vissuto nel diciassettesimo secolo e ricordato per aver spaccato i coglioni con i suoi inutili madrigali.
  • Greci: il classico paese disperso nel fottuto nulla, per dirla come Carl Johnson. Si narra che nel 15° secolo degli albanesi abbiano colonizzato questo paese, provocando la furia omicida di Bossi. Greci è l'unico paese albanofono della Campania, per questo quando due grecesi parlano gli altri inorridiscono: albanofono, infatti, significa "non si capisce un cazzo". Questo paese ha 700 abitanti, di cui 666 ultraottantenni, 30 ultrasettantenni e 4 adolescenti.
    Ad agosto c'è la festa patronale, durante la quale viene celebrato San Bartolomeo, saldamente al primo posto nella classifica dei santi più bestemmiati d'Irpinia.
  • Grottaminarda: ridente cittadina che confina al nord con il casello dell'autostrada, a sud con vari monti inutili quali Passo di Mirabella e Gesualdo, al centro con la fermata del pulmann della "Marozzi". Grottaminarda possiede una splendida piazza esteticamente sublime, pari ai peli pubici delle signore grasse nel pubblico di "Uomini e Donne" sistemati in acconciatura anni ottanta. Il suo disegnatore, l'ingegner Cane, ha infatti dichiarato che per la progettazione di questo capolavoro aveva in mente di riprodurre le tragiche e neoclassiche atmosfere della flora intestinale di Alessia Marcuzzi. I grottesi si dedicano a molti passatempi costruttivi: passeggiando per le sue strade si notano vecchi davanti al bar, bambini davanti al bar, giovani davanti al bar, giovani in rissa, famiglie in rissa, ragazzini in rissa e cosi via, è stata rinominata per questo la "Scampia" avellinese. Grande è l'amore fraterno che lega gli abitanti di Grottaminarda a quelli di Ariano Irpino, dimostrato quotidianamente a suon di legnate.
  • Lacedonia: chiamato in dialetto "Cirogna", che potrebbe derivare da "cicogna" o, più probabilmente, da "carogna", dalla caratterizzazione dei suoi abitanti.
  • Lapio: i suoi abitanti sono noti per la loro passività. L'unico popolo nella storia a cui si può togliere l'aria, l'acqua, la terra, la cultura, i figli, i cavalli, i nipoti senza avere alcuna reazione. Si pensa che Lapio sia l'unico paese del sud ad aver appoggiato "Il genocidio d'Italia", meglio noto come "Unità d'Italia". Tra gli sport più praticati spiccano lo sport comunale, praticato a tutte le età e in ogni luogo: la briscola, cui ci si allena fin dall'infanzia, e l'invettiva a voce bassa, sport capace di mettere a dura prova addominali e fegato. Altro importante sport sono gli spintoni seguiti dalla tipica frase "quà s'adda fa quaccosa", con cui ognuno tenta di stimolare un altro nel fare qualcosa. Si pensa che l'età aurea degli antichi poeti si riferisca al periodo di fioritura di questo paesino, un tempo famoso non solo per l'inettitudine ma anche per il teatro, la cinematografia, i viaggi nel tempo e si vocifera che prima di vedere le proprie terre inquinate si producessero buon vino e ottime pannocchie, e che dalla terra nascessero anche avvocati e denari. Tuttavia al giorno d'oggi è rimasto poco o niente a parte qualche sedia, qualche tavolino e qualche mazzo di carte.
  • Lioni: uno dei borghi più brutti d'Italia, fu preso in considerazione per la realizzazione del film "The Truman Show", dove le case erano di plastica e cartone. È sconsigliata la visita del paese a chi non vuole farsi ritirare la patente. Lioni è infatti il luogo più sorvegliato al mondo dopo Kabul, Bengasi, Gerusalemme e Città del Vaticano. Gli abitanti in preda alla depressione sfogano attivandosi in inutili e fallimentari commerci di merce cinese scadente.
  • Mirabella Eclano: detta anche nuova Aeclanum ha origini antichissime e durante la storia ha avuto vari pseudonimi. Inizialmente veniva chiamata dagli abitanti dei paesi limitrofi Acqua putida per via della rete fognaria a cielo aperto costruita lungo i marciapiedi. Successivamente Vittorio Emanuele II, invaghitosi di una prostituta del luogo, una certa Mira, durante una permanenza per un congresso decise di ricompensarla per le prestazioni con un cospicuo pagamento in denaro decidendo di intitolarle il luogo; da qui il nome di Mirabella. Tuttavia gli abitanti rivendicarono le loro origini e per mantenere la pace il nome venne mutato in Mirabella Eclano. Per quanto riguarda la cittadina oggi, c'è da dire che il traffico viene gestito egregiamente grazie ai vigili urbani che nelle ore di punta decidono improvvisamente di controllare l'ordine nei vari bar della città. I parcheggi sono abbondanti soprattutto nelle strade del centro storico e nei vicoli. Anche l'amministrazione pubblica è alquanto cordiale; basti pensare che per autenticare una firma è bene fare una domanda in carta bollata un paio di mesi prima. Il commercio è il fiore all'occhiello del paese e l'elemento di punta è il negozio di pompe funebri sulla piazza centrale del paese.
  • Montaguto: gli abitanti di Montaguto sono divisi in tre fazioni: gli "Schiavone", gli "Iagulli" ed i "Borrelli"; questo perché sono gli unici tre cognomi del paese. È patria di comunisti, fascisti, nazicomunisti e prostitute, le quali trovano clienti a volontà. Il classico cliente montagutese può essere di due tipi:
  1. miliardario corrotto dal diavolo che abborda la puttana con la sua stracazzutissima auto
  2. poveraccio con una macchina verde degli anni settanta.
Famose sono le fontane montagutesi, che recentemente sono state sequestrate dal parroco perché ormai ricolme di peccato: una delle due fazioni le ha riempite di urina e mestruo per fare un danno all'altra, senza capire che lo faceva anche a sé. Montaguto presto farà la fine di Pompei, a causa dell'eruzione del vulcano "Monte Acuto" creato dai gas velenosi della vicina discarica.
  • Montecalvo Irpino: paese con la più alta densità di forni del mondo, famosissimo per l'alta qualità «de lu ppane», in perenne lotta con Ariano Irpino che cerca da sempre di spacciare il pane montecalvese come proprio. I montecalvesi sono conosciuti per il loro stranissimo dialetto che si pensa di origini ettepsiane in quanto ogni parola termina con ette: facette, iette, dètte, stètte, e termini di natura imprecisata come cauzone, sausicchio, agghia, sciammèria e sboccolotto.
  • Monteforte Irpino: fortemente odiato dagli avellinesi perché i suoi edifici sono stati costruiti secondo geometrie napoletane (la tipica casa dell'avellinese purosangue prevede la presenza della stalla in casa per un riscaldamento più ecologico) comprende svariate frazioni che si estendono ben oltre la provincia di Avellino, persino nell'agro nolano. I suoi abitanti, dopo aver comprato le proprie case, hanno scoperto che sarebbero stati eliminati tutti i mezzi pubblici e quindi sono rimasti isolati nelle loro frazioni dai nomi strambi.
  • Montella: cittadina su un gelido fiume erroneamente chiamato Calore, i cui abitanti lavorano alla ACCA software e mangiano castagne 365 giorni all'anno le quali producono ingenti gas intestinali che alimentano una centrale a biogas nell'area PIP più grande della provincia. Il loro leader è un sindaco operaio che ha costruito Montella, Montella2 e vuole fare pure Montella3 (ma i bolscevichi glielo impediscono), inoltre è presidente di una squadra di calcio e di una emittente televisiva degli anni '90 nota come TELE C (la C sta per cafone). Negli ultimi tempi, forse per far concorrenza al capoluogo, è stata inaugurata la stagione delle rotonde stradali. Quelle autoctone si distinguono da quelle classiche per essere tipicamente buttate lì a casaccio e prive di segnaletica. Degno di nota è il "Busmageddon", concorso di recente istituzione volto a premiare gli autisti di autobus che riescono a percorrere le suddette rotatorie senza produrre danni al mezzo, ai passeggeri e ai pedoni. Il premio finale è costituito dalla possibilità di seguire le partite casalinghe del Campobasso Calcio, dalla tribuna d'onore, con la possibilità di lanciare improperi e insulti all'arbitro in collaborazione col presidente della squadra.
  • Monteverde: noto per i bifolchi, si affaccia sulla diga dove sovente essi stessi si gettano per evadere dalla depressione.
  • Montoro: antico luogo posto molto vicino ai cosiddetti pisciaiuoli (salernitani) ma comunque in provincia di Avellino. Un tempo diviso in Superiore ed Inferiore, dove gli Inferiori ritenevano Inferiori quelli Superiori. I montoresi sono capaci di trasformare il racconto della festa di paese nell'Heineken Jammin Festival, ma con più gnocca. Il comune è diviso in sole 4328 frazioni messe a grappolo su di un'unica strada, ognuna delle quali si differenzia per indice diverso di cazzate raccontate dagli abitanti.
  • Nusco: talvolta noto come il Regno di Sauron, con chiaro riferimento a Ciriaco De Mita, di cui è l'ideale feudo fortificato, è il più antico comune d'Europa ad avere una economia basata integralmente sulle raccomandazioni. Il sindaco viene eletto dal Sauron locale che fornisce ogni schieramento di un proprio candidato e lascia al popolo la possibilità di scegliere quale dei prescelti eleggere. Sede di un famoso presepio vivente con annessa processione tributata a Sauron, recando prosciutti, provoloni e doni vari ai Sacri Frigoriferi. Con la spending review del governo Monti è stata elevata al rango di Protettorato.
  • Morra de Sanctis: in questo paese inutile sono presenti solo tre cose: la statua di un inutile politico come De Sanctis, un manicomio e una morra di pecore.
  • Pratola Serra: Pratola Serra a lungo è vissuta solo attraverso le leggende che le nonne ci raccontavano da bambini per farci stare attaccati alla sedia e contenere la cistite; le uniche prove della sua esistenza erano riposte nel famoso detto: "Puozzi passà pe' Pratola Serra!", augurio che non faceva presagire nulla di buono. Tutto cambiò con la costruzione degli stabilimenti Alfa Romeo, realizzati per avviare la produzione dell'Arna, vettura la cui straordinaria qualità[ma anche no] fece rimpiangere agli abitanti del luogo i lieti giorni successivi al terremoto dell'Irpinia.
  • Rocca san Felice: paese finto medioevale dove quattro pecore producono un formaggio nauseabondo chiamato Carmasciano.
  • Salza Irpina: Paese di 666 abitanti dove vengono festeggiati: San Silvio, San Gerardo, Sant'Antonio, Sant'Anna, San Giovanni, San Pietro, San Paolo, San Pancrazio, San Diego, San Francisco e altri 355 Santi ma non nella data giusta della ricorrenza. Per ogni Santo viene effettuata a sorpresa una colletta porta a porta ad orari da Testimoni di Genova. Vengono inoltre sparati botti quasi tutti i giorni e agli orari più vari in modo da tener allenato il cuore dei molti anziani che vi abitano.
  • Sant'Andrea di Conza: paese a forma di circolo dei pensionati, dove si entra in anzianità dopo i 18 anni. La sua storia è legata a un carico di birra Dreher che finì abbandonato lì da un dirigibile e che richiamò i suoi attuali abitanti a stabilirvisi. Ogni anno si organizza la gita alla visita dello stabilimento birra Dreher a Taranto e birra Peroni a Bari. Le fu assegnato il trofeo degli "amici della cirrosi epatica". L'unica attività oltre alla birra, detta in paese, "la bbbeeeiirrrrr", è il patrone e sotta, gioco che causa un morto all'anno quando capita che qualcuno vada a "urmo sicco".
  • Sant'Angelo dei Lombardi* : triste e squallida cittadina fondata da Ciriaco de Mita dopo il terremoto dell'80, colonia satellite di Nusco. I suoi abitanti sono detti "strazzaguanti" per la loro tirchiaggine e la loro buffonaggine. È in assoluto il paese con più uffici pubblici inutili colmi di gente inutile nell'emisfero orientale. I santangiolesi stanno praticamente sul cazzo a tutti gli abitanti della provincia di Avellino e oltre.
  • Serino : piccolo sobborgo suddiviso in una miriade di frazioni riferite ai Santi (San Michele, Santo Stefano, Santa Lucia etc), il 90% della popolazione è costituito da montanari, nullatenenti e disoccupati invidiosi da sempre della vicina cittadina solofrana nota per la sua ricchezza e soprattutto per la sfacciataggine dei suoi abitanti. Il restante 10% cerca funghi e castagne (anche quando non è periodo) che rivendono all'uscita dell'autostrada. L'unica attività pseudo-turistica di lieve successo sono i molteplici ristoranti e bettole varie distribuiti lungo il sentiero che porta fino al Monte Terminio (luogo di ritrovo per genitori che non avendo un cazzo da fare portano i bambini a spasso sui pony).
  • Solofra : famoso centro dell'industria conciaria, recentemente ha vinto il Golden Globe per il record di tumori e malattie cardiorespiratorie tra i suoi abitanti. Grazie agli scarichi industriali illegali si produce anche un particolare profumo che è possibile gustare e annusare passando per l'autostrada Av-Sa.
  • Teora : villaggio di circa 8 persone, forse 7, o anche 6, famoso per essere esposto a venti, uragani e tempeste 376 giorni l'anno (non a caso le pale eoliche di Teora da sole stanno fornendo energia all'intera Asia). Gli abitanti vivono nei bar tutto il giorno praticando il loro sport preferito, il "giro di birra", in cui con un mazzo di carte e 2.357 litri di birra ognuno cerca di procurarsi una cirrosi epatica fulminante e lasciare a secco l'avversario, che in genere muore per disidratazione [4]. Il paese vanta anche vari record tra cui: un campo da calcio dove non gioca nessuno, un centro urbano dove non passa nessuno, un periodico che esce ogni 6 anni e 34 bar in 27 metri.
  • Torella dei Lombardi: spesso confuso con "rotella dei lombardi", uno dei paesi più inutili dell'Eurasia, presenta orgogliosamente un'architettura contemporanea a cazzo di cane e un tasso di analfabetismo tra i primi in Italia. Un paese una strada.
Uomo con zucchina enorme.jpg

Un abitante di Savignano con un'enorme zucchina paesana.

  • Savignano Irpino: uno dei paesi al confine con la Puglia, Savignano ha due città gemellate: "Savigneux" in Gallia ed "Essenbach" in Tedeschia, ma alcuni studi ci rivelano che anche in Mongolia è presente un paese omonimo. Caratteristica fondamentale dei suoi abitanti è l'abitudine di mangiare zucchine, 365 giorni all'anno. Un esempio di conversazione a tavola:
- Bambino: “Mamma, mamma, che mangiamo oggi?”
- Mamma: “Zucchine.”
- Bambino: “E domani?”
- Mamma: “Pure.”
  • Venticano-Dentecane-Pietradefusi: trinomio famoso in tutto il mondo per le sagre e le fiere, tra cui la splendida fiera della pantofola a forma di torrone, resa nota da Mariottide nel 2006. Pietradefusi è l'unico paese al mondo che sembra essere estraneo al resto dell'Italia, dato che la lingua parlata è più difficile persino del napoletano, e gli abitanti del suddetto paese sembrano appartenere a tutt'altra specie. Pietradefusi, inoltre, ha vinto il Mongolino d'oro per essere il paese con il nome più brutto dell'Europa. Subito dopo viene Cacalimmano.

[modifica] Note

  1. ^ Lino Banfi è anche il presidente della squadra di calcio cittadina: l'Avellino Banfi
  2. ^ Il 62,85% del fatturato della Ceres deriva dalle vendite del prodotto nella città di Avellino.
  3. ^ Il cognome del ministro deriva, come si può facilmente immaginare, dalle rotonde tipiche di Avellino.
  4. ^ Il teorese ha bisogno di almeno 6 litri di birra al giorno per sopravvivere.

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia