Auro Bulbarelli

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Yeti.jpg

Auro Bulbarelli è convinto che l'abominevole uomo delle nevi viva sullo Zooon-cooo-laaan.

Auro Bulbarelli in maglia da ciclismo.JPG

Auro Bulbarelli nella sua nuova e sgargiante tenuta.

Quote rosso1.png Ed ecco! Eccolo! Lo scatto di Albertooooooo Contadooooooooor Quote rosso2.png

~ Auro quando c'è uno scatto di Contador, anche se quest'ultimo si è sganciato dalla pancia del gruppo per qualche secondo per andare a prendere i panini del rifornimento
Quote rosso1.png Questo è uno di quei corridori veri!! Quote rosso2.png

~ Riferendosi a Vinokourov il giorno prima che venisse squalificato
Quote rosso1.png Oggi ci troviamo nella regione della lingua d'Oc! Quote rosso2.png

~ Auro Bulbarelli in ogni tappa del Tour de France
Quote rosso1.png Questo è il tuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuur di tooooooooooooooooooooooooooor Quote rosso2.png

~ Auro Bulbarelli ogni volta che al Tour de France si presenta Thor Hushovd
Quote rosso1.png Ed ecco che parte la volataaaaaaaaaaaa!!!!! 250 metri al traguardo, Tooooooor che esce dalla ruota di Cavendish...... Ma ecco che sulla sinistra dei teleschermi osserviamo un bellissimo castello medievale nella ridente città di Cesenatico Quote rosso2.png

~ Auro Bulbarelli commenta un arrivo in volata
Quote rosso1.png Viva la fuga! Quote rosso2.png

~ Auro Bulbarelli rivela le sue tendenze sessuali


Auro Bulbarelli (Ano Vulvarelli all'anagrafe) è l'attuale vice-merdore di Rai Sport, tuttavia è ricordato per la sua carriera quale commentatore di gare ciclistiche, inoltre è anche il creatore dei nomi, della storia, della gastronomia e della vita dei personaggi nati nei piccoli comuni italiani; nozioni da lui inventate riempivano le ore di commento delle gare.

NonCitazLogo.png
NonCitazioni contiene deliri e idiozie (forse) detti da o su Auro Bulbarelli.


[modifica] Formazione

Fernando nasce a Mantova nel 1960. Nel 1961 sa già a memoria la guida Michelin dei comuni italiani. Nel 1963 si specializza anche sui comuni francesi e sulle voci meno conosciute de le trattorie del camionista. Nel 1970 cambia nome in Auro in seguito a un'apparizione in sogno di Fausto Coppi. Nel 1971 decide di non fare il ciclista. Nel 1984 decide di non fare la parrucchiera. Nel 1985 comincia il suo viaggio spirituale attraverso tutti i comuni italiani, viaggio che termina nel 1994 quando viene assunto come giornalista dalla Rai.

[modifica] Carriera

Inizia come giornalista di corsa sulla moto, ma dopo l'ennesima caduta su rettilineo lo fanno lavorare nella postazione all'arrivo. Diventa subito famoso perché riesce a dire Miguel Indurain ruttando, ma la sua fama esplode quando gli viene affiancato (seguendo la legge de "i coglioni vanno sempre in coppia") Davide Cassani, suo compagno anche nella vita reale, il quale sopporta ancora le sue nozioni storiche sui paesini e le sue scoregge mefitiche che ahimè gli ascoltatori si perdono.

Profondo e incalcolabile il suo odio verso il Meridione e i meridionali, che si manifesta durante tutte le tappe sotto forma di un sottile disprezzo accompagnato da un ghigno imbarazzato nei confronti dei corridori che non hanno avuto la fortuna di nascere al di sopra del Rubicone e quindi nella sacra Padania, terra di guerrieri valorosi, come lui. Durante le dirette cita ripetutamente l'origine dei vari ciclisti, soprattutto di quelli settentrionali, inducendo il telespettatore (al 1700esimo "bergamasco" in una tranquilla tappa di trasferimento) a comprare tutti i libri di Vittorio Feltri, a fare l'abbonamento all'Eco di Bergamo, a cambiare squadra sposando appieno l'orgoglio e il prestigio dell'Atalanta Bergamasca Calcio. Dal giorno in cui Danilo Di Luca, abruzzese e pertanto meridionale, ha vinto il Giro d'Italia 2007, sta ininterrottamente rosicando. Bulbarelli è dotato inoltre di visioni uditive che gli permettono di capire cosa si stanno dicendo due corridori che parlottano tra loro. In conclusione è ormai certificata la parentela di Auro con Platinette tanto che al giro di qualche anno fa, c'era persino scritto sull'asfalto lungo l'ascesa verso il passo dello Stelvio assieme alle scritte di incitamento per i corridori: "La mamma di Bulbarelli è Platinette". Il buon Auro ha avuto perfino il coraggio di leggerla in diretta e commentare: "Mia madre si chiama Giovanna e le voglio molto bene".Inoltre nella tappa a cronometro vinta da Menchov si legge sull'asfalto anche:"Auro uomo di merda", che lui intelligentemente non legge.

[modifica] Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse ti incuriosisce sapere com'è dormire coi pesci?

Cassani Bulbarelli Telecronaca.jpg

Auro Bulbarelli durante la telecronaca guarda con particolare apprezzamento i Top Rated di YouPorn

  • La scritta sulla strada del Passo Stelvio si trova tra il 25° e il 26° tornante
  • Molti affermano che tutto quello che dice se lo inventa.
  • Durante le corse divora sempre 6 scatole di merendine Buondì, che tutti provano a rubargli con inevitabili conseguenze.
  • Una volta ha commentato una partita di curling pensando che fosse una cronometro.
  • Durante un Tour de France si è travestito da Lance Armstrong, per andare sul podio al suo posto e ricevere i baci delle Miss (anche se in molti ritenevano che non avesse le palle per farlo!).
  • Gli esperti ritengono che Bulbarelli sia l'evoluzione di 5° livello del Pokémon Bulbasaur.
  • Qualcuno afferma che ogni notte il fantasma di Marco Pantani appare in bici in piazza Navona e imita Bulbarelli autocommentandosi la corsa.

[modifica] Bulbarellate

  • In una corsa per dilettanti a pochi chilometri dall'arrivo del luogo annunciò: "Due uomini in fuga! Il gruppo compatto è a pochi metri!". Invece si trattava di due cicloturisti di passaggio che, non si sa come, si erano infilati sul percorso di gara pochi secondi prima del passaggio dei veri corridori.
  • Era la Sanremo del '99 e tutto baldanzoso andò a intervistare il vincitore Tchmill complimentandosi per la "più grande vittoria della sua vita!". Al che Tchmill lo guardò con sufficienza, forse chiedendosi da dove arrivasse un così sprovveduto intervistatore, e gli rispose: "Veramente lo scorso anno ho vinto la Roubaix..."
  • Mondiali '98 a Valkenburg. Finita la corsa, Bulbarelli intravede Bartoli e parte al suo inseguimento. Non vede il piede di una transenna e ci inciampa franando rovinosamente a terra e spianando il Cauberg di qualche metro.
  • A Parigi ha detto riferendosi al ritiro da vincente di Armstrong: "Mi viene in mente solo Jake La Motta". A parte che non c'entra niente, ma La Motta mica si è ritirato imbattuto (83 vinti, 19 persi, 4 pari) e l'ultimo incontro lo ha perso. Si era confuso con Rocky Marciano, ritiratosi campione del mondo senza aver mai perso un incontro.
  • Il giorno della vittoria a Sanremo di Cipollini (in inverno Bulba gli aveva detto che era finito...), stoccata di Mario a Bulba “questo è per quelli come te che mi avevano dato del finito…” , il simpatico regista inquadra Bulba sembra un cane bastonato.
  • All'ultimo Giro d'Italia al passaggio all'ultimo chilometro dell'ormai vincitore, il russo Menchov, Bulbarelli disse testuali parole: "Ormai il giro è suo". Dopo 30 metri il russo cadde e rischiò di perdere il giro come un ebete. Da questo episodio in poi è cambiato l'atteggiamento delle persone che non lo credevano un portarogna.
Strumenti personali
wikia