Arcore

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Da Silviopedia, l'enciclopedia senza l'ICI sulla prima casa

Silvy
E Gesù nacque in una mangiatoia nella stalla della mia villa ad Arcore!
Arcore (Hardcore)
Silvio nel cerchio

(Stemma)

""Cribbio!""

(Motto)

Posizione geografica (Forza) Italia
Anno di fondazione 1994
Abitanti Famiglia Berlusconi
Etnia principale Padana
Lingua Lunga
Sistema di governo di sinistra[citazione necessaria]
Moneta Parecchia e rubata
Attività principale Bunga Bunga, creare leggi per evitare la galera e ingrassare i propri conti in Svizzera
Patrono San Silvio da Arcore


Arcore (Hardcore in inglese) è un piccolo stato monarchico indipendente di 20.003 abitanti circa, situato fisicamente nella zona di Milano, confinante con l'Italia e bagnato da un mare di danaro.
Arcore è una monarchia, ovvero uno stato che si regge sulla mona, e il monarca viene eletto direttamente da sè stesso. L'attuale re, sindaco, imperatore, pappone e padre fondatore della città-stato è Silvio Berlusconi, messo lì da Bettino Craxi in persona e da allora sempre vincitore di tutte le elezioni che si sono svolte, in cui l'elettore poteva segliere se votare Silvio Berlusconi o Berlusconi Silvio.

[modifica] Storia

Santo Silvio da Arcore

Un santino della chiesa di Arcore.

Arcore, fondata nel 1994 su una discarica dove qualche anno prima sorgeva il ridente paesello di Seveso, è sorta per volere di Silvio Berlusconi.
Egli non riusciva a dormire sonni tranquilli nel suo feudo di Milano 2, così decise di conquistare la tranquilla e incontaminata Seveso utilizzando alcune armi di distruzione di massa, quali il kebab, le miccette e una manciata di cassette di Marco Masini.

Gli abitanti, colti di sorpresa, abbandonarono la zona, permettendo a zio Silvio l'edificazione del suo regno.

[modifica] Economia

L'economia del paese è basata sull'assenza di imposte "dirette", inteso come dirette alla famiglia Berlusconi.

Dal Gennaio 2002, con l'entrata in vigore dell'Euro come moneta unica, anche Arcore ha coniato le proprie monete, che rappresentano una devota Nicole Minetti inginocchiata davanti alla cappella di Berlusconi.
Sulla banconota da 5 Euro e su quella da 10 Euro è ritratto invece il volto di Silvio Berlusconi in persona, e la peluria che ha sul volto non è la sua.
Sulle monete da 50, 20 e 10 centesimi c'è il biscione arrapato, simbolo di famiglia, mentre su quelle da 5, 2 e 1 centesimo c'è la faccia di Piersilvio durante il coito.

[modifica] Lingua ufficiale

La lingua ufficiale di Arcore è il milanese, ma anche la lingua sulla figa è molto diffusa, specialmente a casa del suo re.

[modifica] Eventi

Ogni anno agli inizi di agosto si tiene il "KokaKola jämmin rutto festival", rinomato in tutte le valli bergamasche, che ha visto nascere divi del rutto quali Mariano Apicella, Enrico Pallazzo, Umberto Bossi e Platinette. Molto apprezzato è anche la Sagra del riciclaggio, dove Arcore si conferma capitale ecologica del riciclo, grazie anche a devoti ecologisti come Vittorio Mangano e Marcello Dell'Utri.

[modifica] Storia attuale

Arcore, al pari di Tikrit, Lourdes e di Città del Vaticano è divenuta nel tempo meta di pellegrinaggi di malati e invalidi che chiedono allo Spirito Santo, per intercessione attraverso Silvio Berlusconi, di lenire i loro mali.

[modifica] Modi di dire

Wikiquote
«Vedi Arcore e poi... muori!»
(Bertinotti, 2022 d.c.)
Wikiquote
«Tutte le strade portano ad Arcore.»
(A.N.A.S., nell'ultimo, turbolento consiglio di amministrazione)
Wikiquote
«Meglio una Arcore oggi di una Abbiategrasso domani.»
(Ignazio La Russa, dopo un paio di consumazioni in discoteca)
Wikiquote
«Dove bisogna colpire Berlusconi? Ar...còre!»
Wikiquote
«Stasera nella villa di Silvio si gira un film HardCore!»

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo