Angelo Peruzzi

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Guanti portiere bucati.jpg
Le paro...quasi tutte!
Questo giocatore fa parte della talentuosa[citazione necessaria] categoria dei portapalle portieri:
I calciatori che se vincono non prendono mai alcun merito, e che se perdono è tutta colpa loro.
Abbiate pietà di lui!
Peruzzi.jpg

Angelo Peruzzi mentre scaccia delle fastidiosissime mosche che si stavano posando sul suo pranzo.

Quote rosso1.png Arbitro, non vale! Loro giocano in dodici! Quote rosso2.png

~ Avversario su Angelo Peruzzi

Angelo Peruzzi, soprannominato anche "Salamini Beretta" e "Guanciottone", è nato dall'unione clandestina fra un insaccato avariato e un'affettatrice arrugginita.
Considerato dalla rivista Ville & Giardini uno dei migliori portieri di tutti i tempi, si è distinto per i suoi interventi difensivi plastici e fulminei e per il fisico longilineo e slanciato.
Peruzzi ha inoltre fatto parte della spedizione azzurra che ha vinto la Coppa del mondo di calcio nel 2006: nel corso della competizione ha contribuito alla vittoria finale mangiando un guardalinee che aveva annullato un gol regolare all'Italia e giocando a battaglia navale con i compagni di reparto Marco Amelia e Simone Barone.

[modifica] Caratteristiche tecniche

Peruzzi è stato probabilmente il miglior portiere italiano dopo Dino Zoff e Valerio Fiori.
I suoi punti di forza erano il senso della posizione e la bravura nelle uscite basse (in quelle alte non era granché perché soffriva di vertigini). È stato anche un eccellente pararigori, in quanto gli bastava buttarsi a terra per coprire tutto lo spazio della porta rendendo così impossibile per il rigorista avversario segnare.
La sua carriera è stata però frenata da frequenti infortuni muscolari, che secondo l'esperta Susanna Agnelli erano causati dalla corporatura troppo esile del portiere laziale. A causa di questi guai Peruzzi ha dovuto spesso rinunciare a manifestazioni importanti come il Mondiale del 1998 e la Fiera dei Ciccioli della Val Leogra.

[modifica] Carriera

[modifica] Roma

Teo Sellers - Holly e Benji.jpg

Peruzzi ha fatto anche un cameo in Holly e Benji.

Angelo Peruzzi inizia a giocare a calcio nelle giovanili del Blera. A quindici anni viene notato per le sue guance paffute da un osservatore della A.S. Roma. Nella squadra capitolina fatica tuttavia a trovare spazio ma soprattutto a lasciarne di libero quando entra negli angusti spogliatoi.
Per tale motivo viene venduto all'Hellas Verona in cambio di un calendario di Flavia Vento.

[modifica] Verona

In Veneto Peruzzi diventa subito un idolo dei tifosi scaligeri essendo bianco, razzista e violento, ed esplode anche (per fortuna solo metaforicamente) come portiere. Purtroppo in un controllo anti-doping del settembre 1990 risulta positivo a cocaina, eroina, caffeina, Nutella e lassativo per cavalli, e viene squalificato per ben diciassette minuti.

[modifica] Juventus

Dopo la pesante squalifica Angelo Peruzzi viene acquistato, per uno strano caso del destino, dalla Juventus. Nel corso degli otto anni passati a Torino si afferma come portiere di livello mondiale e vince moltissime coppe, tranne quella che più gli sta a cuore: la coppa insaccata.
All'interno dello spogliatoio si fa apprezzare per il suo buonumore e per le sue simpatiche burle ai danni di Mark Iuliano. Tra le più simpatiche:

  • avergli incollato le palpebre con l'Attak mentre dormiva;
  • avergli lanciato dei petardi accesi dentro all'auto nuova;
  • avergli detto che sua madre era morta solo per vedere che faccia faceva.

[modifica] Inter

Peruzzidicaniopersempreinsieme.jpg

Si sa, gli spogliatoi di calcio sono il luogo perfetto per instaurare profonde e durature amicizie...

Nel 1999 viene ingaggiato dalla vittoriosa squadra nerazzurra, con la quale disputa un campionato di dignitosa mediocrità. Stanco di venir sbeffeggiato da chiunque per il semplice fatto di giocare nell'Inter, il portiere decide saggiamente di lasciare Milano a fine stagione.

[modifica] Lazio

Nell'estate del 2000 Peruzzi torna a Roma e si accasa alla Lazio dopo un'estenuante trattativa: il contratto finale prevede per Peruzzi uno stipendio di 300.000 lire e il diritto di portarsi a casa il cibo avanzato nelle cene societarie.
Con la formazione biancoceleste Peruzzi gioca per sette stagioni, riconfermandosi un valente estremo difensore e fornendo ai compagni, grazie alla sua mole, un ottimo riparo dal sole. In questo periodo riconquista anche la maglia della Nazionale e impara a stappare le bottiglie di birra con l'ombelico.
Peruzzi si è ritirato al termine della stagione 2006-07. In suo onore, durante l'ultima partita del campionato i tifosi laziali hanno lanciato centinaia di panini dagli spalti dello Stadio Olimpico di Roma.
Peruzzi si è commosso per il gesto e in segno di affetto e riconoscenza ha mangiato tutto, condendo il rapido spuntino con un sonoro rutto.

[modifica] Palmarès

Peruzzi ride.jpg

Il portierone mentre pregusta una scorpacciata di caldarroste.

La carriera di Peruzzi è stata costellata di trionfi, sia nel settore calcistico che in quello gastronomico. A conferma di ciò basta guardare il suo ricco palmares, che è composto da:

  • Sette scudetti con la Juventus (tutti ottenuti senza rubare).
  • Una Coppa dei Ciccioni.
  • Un titolo di Portiere Saracinesca nel 1997.
  • Trentasette titoli di Portiere Garage.
  • Una Coppa Burina con la Lazio.
  • Un paio di occhiali fucsia ricevuti in dono da Giampiero Mughini.
  • Un Mondiale vinto come assaggiatore ufficiale della Nazionale italiana.
  • Un sandwich con formaggio fuso, pancetta e cetriolini (il suo preferito) regalatogli dal compagno di squadra Paolo Montero.

[modifica] Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse vuoi veder crescere le margherite dalla parte delle radici?

  • Peruzzi ha affermato di essersi ritirato per dare l'opportunità al giovanissimo secondo portiere Marco Ballotta di giocare con regolarità.
  • Attualmente sta seguendo i corsi per diventare mangiatore professionista di wurstel.
  • Nonostante abbia mangiato molti bambini, Peruzzi non è comunista.
  • Non è il fratello dell'Omino Michelin, come molti erroneamente credono. I due sono soltanto parenti alla lontana.
  • Quando giocava, la sua maglia occupava due armadietti.
  • Si dice che all'età di soli 3 anni, sotto la supervisione di suo nonno, abbia ucciso il suo primo cinghiale. A mani nude.
Strumenti personali
wikia