Amintore Fanfani

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Amintore Fanfani in bianco e nero.jpg

Amintore Fanfani mentre imita un lemure.

Quote rosso1.png Alto, spalle larghe, tutto d'un pezzo. Quote rosso2.png

~ Una formica su Fanfani.
Quote rosso1.png Rieccolo il misirizzi! Quote rosso2.png

~ Indro Montanelli a proposito della capacità di Fanfani di rimettersi in piedi anche quando era ormai spacciato.
Quote rosso1.png Volete il divorzio? Allora dovete sapere che dopo verrà l'aborto. E dopo ancora, il matrimonio tra omosessuali. E magari vostra moglie vi lascerà per scappare con la serva! Quote rosso2.png

~ Fanfani a proposito della libertà dei cittadini di farsi i cazzi loro.
Quote rosso1.png Un partito, anche se imprudentemente si chiama cattolico, non dev'essere sottoposto alla Chiesa. Nell'interesse reciproco. Quote rosso2.png

~ Fanfani, un attimo prima di baciare l'anello al Papa.
Quote rosso1.png Sono uno strumento pedagogico efficace e suggestivo. Quote rosso2.png

~ Fanfani a proposito delle leggi razziali.


Amintore Fanfani (Pieve Santo Stefano, 6 febbraio 1908Roma, 20 novembre 1999) è stato un politico italiano, considerato lo stacanovista della politica avendo ricoperto per cinque volte la carica di Presidente del Consiglio dei ministri, l'ultima all'età di 79 anni e 6 mesi, ottenendo il primato di più vecchio e decrepito premier della Repubblica Italiana.

[modifica] Biografia

Amintore Fanfani.jpg

Fanfani ai tempi delle medie.

Proveniente da una di quelle famiglie contadine cattoliche composte da: Papa, papà, mamma, nonno guerrafondaio, nonna, zia zitella e cinquanta figli, che dormivano tutti rigorosamente insieme nello stesso letto, il giovane Amintore Fanfani capendo che il lavoro nei campi non faceva per lui, decide che è meglio farsi delle amicizie clericali per gettarsi in politica e sistemarsi senza faticare.

Durante la sua formazione culturale ebbe modo di frequentare i seguenti istituti:

Durante il fascismo ebbe modo di scrivere diversi articoli sul quotidiano Dottrina Fascista e nel 1938 fu tra i firmatari del Manifesto della razza pubblicando inoltre articoli sulla rivista La Difesa della Razza di Telesio Interlandi[2].

Dopo i gloriosi fasti dalla parte dei fascisti, Fanfani, durante una serata al bar, completamente sbronzo ebbe modo di conoscere altri due ubriaconi intellettuali suoi pari, ossia Giuseppe Dossetti e Giorgio La Pira. I tre divennero subito amiconi e non perdevano occasione per uscire insieme e andare a ubriacarsi discutere di come uccidere topi in discarica cattolicesimo e società in qualche bettola malfamata locale per giovani intellettuali, i quali ignoravano che Fanfani fosse stato uno dei firmatari e promotori delle leggi razziali. Quando l'Italia entrò in guerra, il gruppo si sciolse, perché Fanfani temendo di rimetterci la pelle preferì squagliarsi in Svizzera dove si mise a lavorare in nero come professore di tuttologia, tirando su non poche lire.

Tornato in Italy, Fanfani riallacciò la vecchia amicizia con Dossetti, il quale, sempre ignorando i suoi passati razziali, lo fece entrare nell'assemblea Costituente, è stato proprio lui a redigere il primo articolo della costituzione: "L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro....degli altri", anche se le ultime due parole non vennero incluse nella formula finale. In seguito divenne più volte ministro di qualsiasi ufficio libero gli capitasse sotto tiro; fu anche il promotore del famigerato "Piano Fanfani", che prevedeva la costruzione di 300.000 ecomostri case popolari in ogni città italiana, è dunque lui che ha dato il via alla stagione della cementificazione selvaggia che si è mangiata tutti i terreni agricoli e che ai giorni nostri sta facendo pentire i muratori di aver preso in mano le cazzuole ogni volta che le città si allagano a seguito di tre gocce di pioggia.

[modifica] Le presidenze

[modifica] Prima presidenza

Il primo governo Fanfani si ebbe nel 1954 ed è praticamente sconosciuto agli storici, dato che durò appena 21 giorni; il motivo di tale breve durata è da ricercarsi nel fatto che esso si insediò senza chiedere il permesso al Parlamento. Quando Fanfani si rese conto della gaffe, cercò di rimediare, ma il Parlamento lo bocciò immediatamente, intimandogli di ritornarsene da dove era venuto.

[modifica] Seconda presidenza

Memore della precedente brutta figura, Fanfani andò a leccare i suoi amici, riuscendo a farsi eleggere segretario della DC; grazie a questa nuova nomina Fanfani poté finalmente coronare il suo sogno di farsi eleggere dal popolo Presidente del Consiglio, anche se il popolo che andò a votare era composto da 4 gatti, che non avendo voglia di rompersi troppo i coglioni leggendo i manifesti elettorali degli altri candidati, votarono l'usato sicuro "DC". Si può dunque dire che l'elezione del governo Fanfani II fu un "proforma", la riprova fu che esso durò dal 1 luglio 1958 al 15 febbraio 1959, giorno in cui il governo cadde. La caduta del nuovo esecutivo fu causata dal fatto che Fanfani incominciò fin da subito a concentrare nelle sue grinfie più potere di quello che legalmente gli sarebbe spettato, facendo incavolare diversi franchi tiratori del suo stesso partito, che non ci stavano a non ricevere la loro parte di potere immeritato. In ogni caso della caduta non si accorse quasi nessuno e quei pochissimi che se ne resero conto se ne grattarono beatamente gli zebedei. Comunque il governo Fanfani ebbe il tempo di far entrare in vigore la stramaledetta Legge Merlin, che di fatto spostò il controllo della prostituzione dallo Stato alla Mafia, quest'ultima forte sostenitrice della DC.

G-7 Summit 1983.jpg

Il G-7 del 1983 a cui Fanfani si inbucò nonostante non fosse stato invitato.

[modifica] Terza presidenza

Dopo essere stato barbaramente spodestato, Fanfani giurò sul suo Manifesto della razza che sarebbe tornato al suo posto, prima però si prese una breve pausa dalla politica italiana, andando a fare una vacanza in Egitto, dove ebbe modo di non farsi gli affari suoi e mettere becco nella Crisi di Suez; si narra che quando gli egiziani lo videro arrivare lo scambiarono per uno spiritello malefico del deserto e tentarono di linciarlo. Tornato dalla vacanza Fanfani ritornò al suo legittimo posto il 26 luglio 1960, quando il disastroso governo filo-fascista di Fernando Tambroni, venne fatto cadere da una manovra incrociata dei manifestanti comunisti, dei manifestanti missini e del presidente della Repubblica Giovanni Gronchi. Il nuovo governo di Fanfani viene diviso dagli storici in due parti distinte:

  • nella prima parte chiamata Fenfani III, in cui il nuovo esecutivo non fece assolutamente niente, fino a quando Aldo Moro non convinse tutto il partito ad avviarsi verso sinistra. L'ex premier Fernando Tambroni dichiara che la svolta è una cazzata che rischia di allentare l'amicizia con le potenze occidentali, Fanfani di contro, accusa Tambroni di essere un fottuto fascista e di andarsene a fanculo, poi già che c'è fa un bel rimpasto di governo, per accontentare Moro e i suoi nuovi amici di merende filo-russi;
  • nella seconda fase, conosciuta come Fanfani IV, il nuovo esecutivo si prodigherà di mettere nella poltrona di Presidente della Repubblica il democristiano ultra centenne Antonio Segni, in seguito incomincerà tutta una serie di manovre sottobanco per nazionalizzare l'energia elettrica ed espropriare i terreni ai comuni per costruire altri ecomostri.

[modifica] Quarta presidenza

Il quarto mandato presidenziale di Fanfani si ebbe nel 1982, quasi 20 anni dopo la sua precedente esperienza. Il motivo di tale lungo periodo è da ricercarsi in diverse minchiate che Fanfani ebbe la pessima idea di fare negli anni precedenti, come ad esempio sostenere l'abolizione del divorzio tramite quel disastroso referendum del 1974, che di fatto lo fece saltare dalla poltrona di segretario della DC con una tale potenza che arrivò a sfondare il soffitto della segreteria, rimanendoci incastrato per 18 anni. Comunque il nuovo esecutivo di Fanfani durò appena 8 mesi e qualcosa, si insediò a seguito dei magheggi del futuro presidente Bettino Craxi, che tentò un colpo di stato per far indire elezioni anticipate. Il nuovo esecutivo Fanfani fu il tipico governo del "tirare a campare", che non fece nulla a parte ritirare la busta paga a fine mese.

[modifica] Quinta presidenza

La quinta e ultima presidenza Fanfani, si ebbe all'indomani della rovinosa caduta del governo del Cinghialone; va comunque segnalato che Fanfani non aveva intenzione di piazzarsi di nuovo alla poltrona del premier, fu l'allora presidente della Repubblica Cossiga a implorarlo di fargli quel piacere anche perché altrimenti sarebbe stato costretto a dare l'incarico a Andreotti, Scalfaro e Nilde Iotti con tutte le disastrose conseguenze del caso. Il nuovo esecutivo comunque durò meno del previsto, perché la DC voleva andare ad elezioni anticipate, dunque Fanfani si limitò a ritirare la busta paga come la volta precedente, tanto qualche milione in più male non fa.

[modifica] Anni seguenti

Dopo i fasti della presidenza del consiglio, Fanfani continuò imperterrito ad infestare le aule di Camera e Senato, continuando ad orientarsi a seconda della bisogna un po a destra e un po a sinistra all'interno della sua cara DC. Allo scoppio di Tangentopoli, in cui misteriosamente non venne mai coinvolto, si unì al Partito Popolare Italiano, dividendosi tra le varie correnti che si formarono poco dopo la sua edificazione. In seguito abbandonato il mondo del centro sinistra e si convertì al Berlusconesimo, dove trovò numerosi consensi e persone che potessero stare alla sua altezza. Morì nel 1999 per la gioia di tutti.

[modifica] Episodi curiosi e soprannomi

Amintore Fanfani francobollo.JPG

Il francobollo commemorativo di Amintore Fanfani, di cui si sentiva davvero il bisogno.

  • Fanfani è stato l'iniziatore nonché il primo detentore del premio Presidente del Consiglio con il nome peggiore.
  • Arnaldo Forlani è stato il suo fedele discepolo e come tale lo ha pugnalato alla schiena alla prima occasione.
  • Essendo un nano, veniva spesso apostrofato col soprannome sarcastico di Nano.
  • Durante l'elezione del Presidente della Repubblica del 1971, Fanfani accettò la candidatura, ma durante la votazione, un elettore scrisse sulla sua scheda: «Nano maledetto, non sarai mai eletto». In seguito Fanfani disse che se non fosse stato eletto al sesto scrutinio si sarebbe ritirato, cosa che di fatto avvenne, motivo per cui al settimo scrutinio su una scheda apparve la frase: «Te l'avevo detto, nano maledetto, che non venivi eletto».
  • Il 9 maggio 1979, un militante democristiano gli tirò le orecchie in segno di protesta, Fanfani dal canto suo fece tirare le cuoia allo sprovveduto militante.
  • Durante la costruzione dell'Autostrada del Sole, Fanfani fece in modo che essa passasse da Arezzo, dove abitava, invece che Perugia o Siena seguendo il vecchio tracciato della Cassia, per fare ciò si rese necessaria la costruzione di un curvone maledetto dove ogni anno si schiantano centinaia di automobilisti e che si chiama per l'appunto Curva Fanfani.
  • La sua carriera politica è stata anche fin troppo simile a quella di un altro presidente del Consiglio, con cui condivideva anche l'altezza e la calvizia.
  • Fino ad oggi Fanfani è l'unico Italiano ad avere presieduto l'Assemblea generale delle Nazioni Unite, ma pochi se ne resero conto, in quanto a causa del suo nanismo veniva scambiato per una piata ornamentale.
  • Dario Fo ha creato un racconto ucronistico in cui fu Fanfani a essere rapito al posto di Moro e che si conclude col la sua nomina ad imperatore d'Itaglia.
  • Fanfani, come molti altri dinosauri democristiani, è rimasto saldamente seduto nel "seggiolone" fino alla definitiva estinzione.
  • Ma detto tra noi: "Amintore" che razza di nome sarebbe?


Preceduto da:
La Palla
Stemma Italia.png
Presidente del consiglio
1954 - 1954
Succeduto da:
Scelbus
Preceduto da:
Adone
Stemma Italia.png
Presidente del consiglio
1958 - 1959
Succeduto da:
Antò
Preceduto da:
Tromboni
Stemma Italia.png
Presidente del consiglio
1960 - 1963
Succeduto da:
Leoncino
Preceduto da:
Spadolino
Stemma Italia.png
Presidente del consiglio
1982 - 1983
Succeduto da:
Cinghialone
Preceduto da:
Il Crà
Stemma Italia.png
Presidente del consiglio
1987 - 1987
Succeduto da:
L'unico con la barba

[modifica] Note

  1. ^ Questa l'ha frequentata per davvero.
  2. ^ Ha fatto anche questo.
Bandiera del Presidente del consiglio con Pamela Anderson.png
Bandiera del Presidente del consiglio con Pamela Anderson.png
Strumenti personali
wikia