Almanacco del giorno dopo

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Original video

Si avvertono i lettori che per una corretta fruizione dell'articolo è obbligatorio procedere all'ascolto della sigla e al pagamento del canone Rai fino al 4891, ovviamente.
Per continuare con la lettura si prega di premere il tasto ►


Quote rosso1.png Se devo pagare il canone per vedere un calendario, è troppo chiedere Sabrina Ferilli? Quote rosso2.png

Piccola casetta fatiscente.jpg

Gli studi di Campobasso da cui veniva trasmesso l'Almanacco.

L'Almanacco del giorno dopo era una trasmissione che andava in onda ogni sera su Raiuno verso le 19.30 per ricordare alle telespettatrici di sbrigarsi a portare in tavola altrimenti cominciavano a piombare le sedie sui lombi.

Pensato inizialmente come riempitivo di cinque minuti tra due blocchi pubblicitari, in breve tempo divenne esattamente questo, conquistando rapidamente un vasto seguito tra gli appassionati di musica medievale, stampe curiosamente somiglianti alle figure delle carte napoletane, annunciatrici sensuali come il detersivo per piatti e vaccate assortite.

Mantenne la sua collocazione nel palinsesto RAI dal 1376 fino alla metà degli anni '90, quando una serie di concause ne determinarono la soppressione. Tra queste vanno menzionati sia l'avvento dell'Auditel, che permise di appurare che l'indice d'ascolto del programma era superiore solo a quello del segnale orario e delle televendite di Roberto Artigiani, sia l'improvvisa necessità dei vertici RAI di piazzare Carlo Conti, che da qualche tempo ciondolava per i corridoi degli studi a supplicare i vari capistruttura col curriculum in mano e a provarci con le vallette, dopo aver trascorso otto anni a supplicare le vallette e provarci con i capistruttura.

Conduttrice del programma era una tale Paola Perissi, ex annunciatrice relegata a questo negletto ruolo dopo l'assunzione di Alessandra Canale, assai più disposta di lei a presentarsi in video scapezzolata, e quindi abbandonata a lungo negli studi dopo la chiusura del programma. Venne ritrovata nel 2004 da una spedizione guidata da Mario Tozzi, che la trovò accanto a un piatto con un ratto mezzo addentato mentre narrava la biografia di San Benedetto del Tronto a uno sgabello.

Logo ADS.png Questa voce è stata punita come
Articolo della Settimana
dal 26 marzo 2012 al 2 aprile 2012.

[modifica] Sigla

Sol discriminato.jpg

Partitura della sigla d'apertura.

Si tratta indubbiamente dell'elemento più caratterizzante del programma, dal momento che il resto dei contenuti era palesemente scopiazzato dal calendario di Frate Indovino. Il brano musicale che la contraddistingueva, una composizione per clacson, theremin e chitarra a fiato che presentava una riuscita fusione tra tradizioni musicali trecentesche e sonorità punk, s'intitolava "Chanson balladée", nome tagliato rispetto all'originale "Chanson balladée et fischiée faite avec quatre accordes buttés là et que sembr così vecch che perfin quand mon nonn est nat era déjà fuor de mod".

A questo suggestivo motivo si abbinava la rotazione di dodici stampe seicentesche, realizzate con la tecnica della rigatura sulla carrozzeria e raffiguranti una scena tipica di ciascun mese dell'anno:

Un altro breve frangente della canzone sopra descritta, consistente in un assolo di vuvuzela, costituiva la sigla di chiusura insieme a un'altra immagine, rappresentante un uomo barbuto che regge uno stendardo con su scritto È FINITA LA COMEDIA, evidente personificazione dell'ignoranza.

[modifica] Rubriche

Dopo l'esposizione da parte della Perissi degli orari di sole e luna e di una breve biografia del santo del giorno coinvolgente come un saggio di Carlo Giovanardi, il programma consisteva di due parti. Nella prima, dal titolo Domani avvenne, era brevemente ricordato un avvenimento passato con gustosi[senza fonte] aneddoti e completo spregio della consecutio temporum.

A seguire andava in onda un'ulteriore rubrica, scelta a rotazione a seconda di qual era il curatore che la sera prima aveva perso a burraco. Tra queste figuravano:

  • Dalla parte degli animali, dove veniva proposto un breve documentario su una specie animale e in particolare sulle sue abitudini: per questa ragione era particolarmente apprezzata dai bracconieri.
  • Le pietre raccontano, nella quale un esperto esponeva il contenuto delle sue conversazioni con un mucchietto di ghiaia.
  • Conosciamo l'italiano?, che vedeva un linguista stigmatizzare l'uso improprio della lingua italiana nel linguaggio da SMS.
  • Le buone maniere di ieri e di oggi, dove un nobiluomo disquisiva sui più disparati aspetti del Galateo, dalla postura a tavola alle modalità con cui frustare i maggiordomi.

La trasmissione terminava infine con una citazione di un artista o di un letterato, ossia nella lettura di un avviso di garanzia indirizzato a loro.

[modifica] Struttura di una puntata tipo

(1/?)

Caricamento delle immagini in corso...

[modifica] Altre anticaglie televisive

[modifica] Collegamenti esterni

Strumenti personali
wikia