Alfonso Luigi Marra

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1.png Trattandosi di parenti e persone cui tieni, mi avrebbe fatto piacere di vederti in ipotesi contenta di averli ospitati in casa mia, che avrei voluto fosse ormai divenuta anche tua, mentre Luigi e Silvia si fossero adoperati ad accudirli e servirgli la cena. Quote rosso2.png

~ Alfonso Luigi Marra in un suo libro parla dello Scappellamento parapleico di antani
Libro "Il Labirinto Femminile" di Marra con accanto Manuela Arcuri.png

No, non li guardare negli occhi! Stanno cercando di ipnotizzarti!

Alfonso Luigi Marra è un creatore di spot che invogliano così tanto ad andare a comprare i suoi libri, che un mucchio di gente si è gettata dal balcone dopo averli visti.

[modifica] Scheda criminologica

[modifica] I gloriosi esordi

Nel 1987 fondò l'associazione FermiamoLePanche: non sopportava di andare al parco e vedere tutte le panchine ingombre di mucchi di vecchietti che non gli permettevano, come sarebbe stato giusto, di farlo sedere e dar da mangiare ai piccioni. Così ha prospettato questa soluzione geniale: eliminare tutte le panchine dai parchi italiani. L'associazione non ha avuto il successo sperato; tuttavia essa ha attirato su di sé l'attenzione dei media, tant'è che è stato perfino ospite una volta al Maurizio Costanzo Show. Ma Maurizio Costanzo ha preso le distanze dalle affermazioni del suo ospite. Quanto all'ombelico di Maurizio Costanzo, esso non faceva altro, come sempre, che prendere le distanze dal suo stesso volto, dal momento che la sua pancia non faceva altro che lievitare.

[modifica] L'assalto pubblicitario e altre disavventure

Gemmadelsud.jpg

Tipica lettrice dei libri di Alfonso Luigi Marra

Dal 1990 dà inizio a quello che sarà d'ora in avanti il suo hobby preferito: cercare disperatamente di farsi notare come promotore dei suoi libri autopubblicati. Iniziò acquistando ogni sabato un'intera pagina di Mercurio, l'allora supplemento culturale settimanale de la Repubblica; Mercurio venne chiuso dopo poco tempo: l'inserzione causava nei lettori un'incontenibile voglia di andare al cesso e di pulircisi l'ano. Nemmeno la redazione di TuttoLibri gradì le pagine acquistate da Marra; eppure i soldi di Marra se li intascava. Ad ogni modo, Furio Colombo lo stroncò; ebbe infatti a dire: «Se Marra è un bravo scrittore, io sono Cicciolina». Non è certo che Marra abbia capito questa battuta, dal momento che mandò subito una lettera a Furio Colombo in cui gli confessava che, dopo quelle forense, politica e letteraria, intendeva tentare anche la strada del porno, e che voleva lui come protagonista del suo prossimo film. Ma de Il labirinto vaginale - questo il titolo - non ne rimane che il soggetto. Un certo interesse per il genere comunque Marra lo ha sempre mantenuto: da qui la scelta di far spogliare per i suoi spot Sara Tommasi e Karima El Mahroug.

Ma torniamo alla sua carriera letteraria. Marra ha collezionato sempre recensioni molto positive sulla propria opera; citiamo qualche giudizio su questo autore a titolo di esempio: «l'avvocato inonda-giornali»; «l'avvocato grafomane»; «lo psico-avvocato». Il giudizio più inaspettato è stato tuttavia il seguente: «Marra è uno scrittore».

Ex comunista e socialista, nonché ex donna, Marra è stato eletto deputato alle elezioni europee del 1994 nelle liste di Forza Italia, aumentando decisamente la qualità media della classe politica italiana con la sua discesa in campo. La cosa più rilevante fatta da Marra dopo la sua discesa in campo è stata slogarsi la caviglia. È stato altresì membro della Commissione pesca dell'europarlamento e della Delegazione per le relazioni con l'Australia e la Nuova Zelanda. Ha affermato sconsolato che nell'europarlamento non è riuscito purtroppo a pescare nemmeno una scarpa, ma che è riuscito viceversa a entrare in comunicazione telepatica con un canguro, che però gli ha comunicato che avrebbe desiderato prenderlo a calci e pugni. Ancora adesso è un membro.

Ruby e libri di Marra.jpg

Questa è cultura. Con la C, la U e la L maiuscole.

Sempre nel 1994 Marra acquista uno spazio settimanale su Rete Mia per esprimere il suo «punto di vista politico». In una memorabile puntata, ha sintetizzato il suo punto di vista in questo modo: «Da qui vedo una telecamera puntata verso di me». Il suo oculista ha dichiarato di essere molto soddisfatto.

[modifica] La popolarità: gli spot televisivi del 2010 e del 2011

Dal 2010 Marra ha ripreso a promuovere le sue opere con spot televisivi sulle reti RAI, giudicando queste ultime il miglior contenuto per quelle sue produzioni, come effettivamente sono. Peccato però che non vi si possa tirare lo sciacquone. Questi spot hanno reso a Marra una grande e meritatissima popolarità, per via soprattutto della struggente espressività di una testimonial come Manuela Arcuri e del pathos aggiunto al tutto dal sottofondo musicale alla X-Files: due elementi che indubitabilmente spingono i telespettatori ad acquistare il libro. I soliti maldicenti hanno però affermato trattarsi solo di trash e che questi spot siano così brutti da sfiorare il sublime. Secondo il sottoscritto, costoro si sbagliano. Essi non solo sono brutti, ma causano anche in chi li guarda vomito e crisi epilettiche.

Marra si è difeso affermando che «Quel che nessuno vuole dire è che la differenza, nel mio caso, la fanno i contenuti» e che «il potere non vuole che io scriva». Il Nostro, da scrittore inviso al potere qual è, ha approfondito in seguito questa linea di ricerca della profondità pubblicitaria esibendo giustamente il corpo seminudo di Karima El Mahroug. Hanno poi spazzato definitivamente via le accuse rivoltegli di fare del trash due altri spot, che vedono protagonisti rispettivamente Lele Mora e Sara Tommasi, la quale, significativamente, si denuda del proprio travestimento da Bin Laden.

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia