Alfa Romeo Arna

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Homer.jpg
Ebbene sì. L'autore di questo articolo dichiara ufficialmente:
Quote rosso1.png Non ce l'ho fatta! Quote rosso2.png

Quote rosso1.png È impossibile trovare qualcosa da dire su Alfa Romeo Arna che sia più demenziale della realtà stessa. Parlarne normalmente genera così tante idiozie da mettere in crisi le fondamenta stesse di Nonciclopedia. Quote rosso2.png

L'autore si scusa e rimane disponibile per chiunque volesse punirlo con il supplizio dello sparticulo.
Quote rosso1.png Volevo comprarne una al posto della mia Alfasud, ma mi sono accorto che c'era una sola differenza: l'Arna aveva la ruggine di serie. Quote rosso2.png

L'Alfa Romeo Arna è stata un'automobile, più precisamente una berlina di segmento medio-infimo, che ha mostrato al mondo come anche un semplice ammasso di lamiera e bulloni possa rappresentare un elemento di accusa per oltraggio al pudore. Prodotto di una sciagurata joint venture tra Alfa Romeo e Nissan, fu talmente discussa fin dalla sua uscita sul mercato che Quattroruote, anziché con la consueta scheda tecnica, la accolse con un laconico:

Wikiquote.png
«Fa cagare.»

[modifica] Concezione ed assemblaggio

Disegno di una sezione di un'Alfa Romeo Arna.jpg

La stampa specializzata cercò in tutti i modi di trovare qualcosa di passabile nel progetto dell'Arna. Invano.

Sul finire degli anni '70, l'Alfa Romeo decide che è ora di sputtanare la sua nobile fama e prova ad introdursi in un nuovo settore del mercato automobilistico, creato pochi anni prima da modelli quali Volkswagen Golf, Fiat Ritmo e Lancia Delta: quello delle macchine che costano un botto, valgono la metà e bevono come tombini. Vista l'impossibilità di produrre un modello nuovo, la casa milanese sceglie di riciclare la meccanica dell'Alfasud, basata su quella del motore Busso che a sua volta derivava dalla componentistica di un decespugliatore, stipulando contestualmente un accordo con la Nissan per la fornitura dei telai della Nissan Cherry, un'automobile che aveva riscosso ampi apprezzamenti in Estremo Oriente tra quanti l'avevano scambiata per un boiler.

I problemi iniziarono a palesarsi fin dalla fase di produzione, avviata nel 1983 negli stabilimenti di Pratola Serra, in provincia di Avellino, un posto dove il mezzo più moderno in circolazione era il carretto del gelataio: tali impianti erano sorti dopo il terremoto dell'Irpinia per iniziativa di Ciriaco De Mita, un atto di gratitudine verso i suoi conterranei che dal canto loro lo contraccambiarono con sassate in tutti i suoi comizi da allora in avanti, perché in campagna elettorale aveva promesso loro altri due anni di sussidio di disoccupazione.

L'assemblaggio vide dunque il massiccio impiego di manodopera del luogo, che mise in evidenza fin da subito preoccupanti carenze di preparazione tecnica: tre quarti delle maestranze, infatti, alla richiesta di timbrare il cartellino lasciarono il posto di lavoro per correre a comprare l'inchiostro, mentre i rimanenti iniziarono il turno utilizzando la chiave inglese per aprire le scatolette di Simmenthal.

Il compito degli operai non fu poi facilitato dal fatto che la forma delle scocche Nissan non collimava con quella del propulsore boxer Alfa, così chiamato perché i proprietari dei veicoli che lo montavano a causa dei consumi giravano sempre in mutande. Ciò ritardò notevolmente la commercializzazione del modello, anche perché dal Giappone rifiutarono di ritirare le carrozzerie da modificare perché prive dello scontrino, perciò fu possibile mettere in vendita la vettura solo dopo averci ficcato dentro il motore a martellate.

[modifica] Dati tecnici

Arna two.jpg

Tutti gli esemplari di Arna venduti nel 1986.

Carrozzeria in ruggine placcata metallo
Passo d'uomo
Cilindrata 1214 kg
Trazione fatale
Coppia di jack con asso carta alta
Potenza 74 cavalli con maniglie
Accensione a pedale
Cambio 4 rapporti non protetti
Alimentazione carnivora
Consumi 12 bistecche e una terrina di spezzatino per 100 km
Freni posteriori a tamburo, anteriori a muro
Allestimenti interni tappetini Iranian Loom, manuale d'uso illustrato da Diego Cajelli, sedili rivestiti in plastica con le bolle

[modifica] Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse vuoi veder crescere le margherite dalla parte delle radici?

  • Fu lanciata con una campagna pubblicitaria basata sullo slogan Arna: e sei subito alfista, ma in breve tornò indietro al grido di Arna: e sei subito un fesso.
  • Si trova in vetta a tutte le liste dei peggiori orrori degli anni '80, davanti alle spalline e alla discografia di Scialpi.
  • Durante i crash test fu giudicato altamente positivo per la sicurezza degli occupanti il modo in cui la vettura si deformava in seguito a qualsiasi impatto, in quanto permetteva al proprietario di poterla rottamare anche solo sfiorando un marciapiede.

[modifica] I video della vergogna

Original video
Original video

[modifica] Altre oscenità su quattro ruote

Strumenti personali
wikia