Alfa Romeo

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Auto Alfa Romeo

Un'Alfa incazzata punta dritto verso te. Stai attento: difficilmente sarà lei a cambiare corsia, anche se contromano in autostrada.

Quote rosso1 Nuova Alfa 33, oggi con il 30% di emissioni tossiche in più! Quote rosso2

~ Nicoletta Orsomando su Alfa 33
Quote rosso1 Ho io un nuovo modello: Alfa Romeo e Giulietta! Come sono spiritoso Quote rosso2

~ Idiota su Alfa Romeo
Quote rosso1 Nuvolari è bruno di colore, con l'Alfa rossa fa quello che vuole e poi gli fan la multa Quote rosso2

~ Lucio Dalla su Tazio Nuvolari e Alfa Romeo

L'Alfa Romeo è una marca di automobili definita "Made in Italy" (sebbene il grosso dei componenti sia fabbricato in Cina) fondata da Massimiliano Alfa e Gianarturo Romeo quando ancora dell'automobile si era inventato il solo sterzo. Forse per questo nelle vetture create da tale azienda l'unica cosa che viene fatta con criterio è propriamente quest'ultimo.

[modifica] Origini

Macchina a vapore 1

Il modello Alfa Pentola a pressione, molto apprezzata dalle massaie e dai cuochi.

Inizialmente la casa produttrice di carrozze a propulsione magneto-idro-dinamica era composta dai soli due Alfa e Romeo che, come due loro celebri analoghi, volevano stare sempre insieme nonstante le loro rispettive famiglie fossero perennemente in contrasto. Certo non finì con un loro tragico suicidio, sebbene i relativi morti per avvelenamento o per ferita da arma impropria (come fu il coltello dell'omonimo giovine veronese) non ne sono mancati mica. In Italia ebbe un immediato successo il loro prodotto poiché a quei tempi era l'unica marca di carrozze a motore, trovando la sua utilità sociale nel campo delle rapine, dei rapimenti e delle corse clandestine. Il successo stava soprattutto nel basso costo delle vetture, in quanto il motore era il proprietario stesso, che moriva sfiancato dopo appena 20.000 chilometri, da qui lo slogan di vendita iniziale "Ventimila chilometri con un pieno".
Gli anni successivi, con l'invenzione del motore a scoppio, furono un tripudio di esplosioni, con celebri modelli quali l’Alfa Sbudrega, l’Alfa Tizia, l’Alfa Caia, l’Alfa Sempronia e l’Alfa Malgioglia disponibile solo in rosa, con interni in pelle pubica.

[modifica] L'Alfa Romeo oggi

Chernobyl

La sede attuale dell'Alfa Romeo, durante gli abituali ampliamenti d'azienda.

Oggi l'Alfa è stata acquistata dal magnanimo Luca Cordero di Montezuma, che ha contribuito alla nascita di modelli come la Mito Sfatato, la Gaia, la 156, la 152, la 153, la 166, Bingo!, la Phedra, la Phoppapedretti, la Thesis e la Ypsilon (ehm, veramente queste ultime sarebbero della Lancia...) e tanti altri cento+ qualcosa, che riesce a ricordare soltanto Marcellino Mariucci di Easy Driver.

[modifica] La parentesi russa

In principio le Alfa erano dipinte di svariati colori, tuttavia, dopo una particolare esperienza, esse acquistarono il loro caratteristico colore rosso che le distingue. Durante la Rivoluzione d'ottobre, Massimiliano sfuggì al fascismo dilagante e si rifugiò in Russia, dove venne nominato da Stalin Sommo Ussaro Dei Trasporti Del Popolo. Lasciò quindi Gianarturo in mano ai fascisti, che sfruttarono la loro fabbrica per la produzione di manifesti e manganelli. Tornando a Massimiliano, diede vita alla Alfa Romeo Русский завода (Fabbrica Di Auto Russa Alfa Romeo), e progettando i seguenti modelli:

  • Alfa Lenin: una limousine di gran classe, ispirata ai modelli zaristi con interni in radica ed emissione a palle di neve.
  • Alfa Stalin: un robusto fuoristrada, perfetto per girare a controllare che il popolo svolga il lavoro per la patria.
  • Alfa Kruscev: la prima ad avere la scocca in adamianto.
  • Alfa Breznev: vedi Alfa Stalin.
  • Alfa Gorbaciov: l'ultimo modello ufficiale, prodotto fino al 1991 e caratterizzata dalla celebre macchia a forma di Biscione sul cofano. Dalla caduta del muro di Berlino ebbe un netto calo di produzione a causa della concorrenza della statunitense Ford Bush, fino al definitivo fallimento nel '91.
  • Alfa Eltsin: l'unica berlina ad andare a vodka.
  • Alfa Putin: Vladmir ha rilevato l'azienda e riaperto l'industria. L'auto in questione è dotata di missili balistici a ricerca termica, missili a puntamento radar, disturbatori elettronici, scudo spaziale e frigobar. Ovviamente anche un sistema di occultamento klingoniano, di fabbricazione del KGB.

[modifica] L'Alfiere Alfista

Truzzo Why Be Normal?

Un rappresentante dell'ultima, tragica, generazione di alfiattari. Un minuto di silenzio.

Razza in via di estinzione, il vero alfista è un appassionato delle auto prodotte da questo marchio che, tuttavia, negli ultimi tempi via via ha lasciato il posto a falsi intenditori che, perché "fa figo", comprano dette automobili. Metà dei veri Alfisti originari infatti celebrò un imponente suicidio di massa ad Arese ad inizio anni '90, per festeggiare l'uscita sul mercato dell'Alfa 155. L'altra metà è andata da un rivenditore Bmw e ha fatto perdere le sue tracce. Ad oggi si può trovare un numero di sedicenti alfisti (alfiattari), dall'aspetto simile alla foto riportata a destra e tendenzialmente alla guida di un’Alfa ratto-Giulietta o di un’Alfa tapiro-Mito da 78 cavalli o con 120 cv con propulsione a gpl. Questi ultimi, non riuscendo a difendere i loro catorci di fronte alle offerte della concorrenza, tendono a sciorinare le tappe di un passato alfistico glorioso, di "v6 busso" e "transaxle", di "ponti de dion" e "trazione posteriore", fingendo di non capire che i fasti di un tempo in cui le Alfa erano progettate con l'obiettivo della supremazia tecnica e di cui parlano come immersi nei ricordi di ottuagenari senili, non c'entrano una mazza con le loro Fiat ricarrozzate. Oltre a fingere di capirci davvero qualcosa di auto. Di fronte a tali personalità è sconsigliabile qualsiasi sterile tentativo di replica e lasciar loro ai deliri della follia, che andranno in loop e vi tedieranno ripetendo lo stesso identico discorso, senza cambiare una virgola né variare gli accenti tonali, per un periodo indefinito di tempo. Ma nello specifico vediamo chi sono oggi i principali acquirenti di codeste automobili:

250px-Alfetta1972WP

Il nuovo prototipo del modello Alfa Mito. Deve il nome all'epoca cui è ispirata.

[modifica] Extra: campagna marketing

Per arrotondare quei pochi spicci che ci inviate tanto gentilmente ad ogni connessione abbiamo aperto un contratto con la ditta Alfa Romeo che consiste nel farle una campagna di marketing qui nell'articolo dedicatole. L'Alfa Romeo è già nota per la sua promozione convincente del prodotto, che non manca di nominare cuore sportivo ed ego alfa pur vantando spompati motori GM, rinomati per la capacità di consumare metà del petrolio del kuwait in due sole curve.

Noi di Nonciclopedia siamo andati oltre decidendo di farvi entrare nel magico mondo dei creatori e sviluppatori della Alfa Romeo, in modo da convincervi ad acquistare i loro prodotti. A voi qualche assaggio:

Fidati di Alfa! I nostri meccanici sono i più qualificati
Dirigente 1 : Quote rosso1 Perché non costruire uno stabilimento vicino a Napoli assumendo gli stessi muratori come operai? Quote rosso2
Dirigente 2 : Quote rosso1 Mmh, mi sembra un'ottima idea... Quote rosso2
Acquista anche tu la nuova Alfa Romeo Arna
Dirigente 1 : Quote rosso1 Perché non infilare la meccanica dell'Alfasud in una Nissan repulsiva spendendo cifre gargantesche per modificarne la scocca? Quote rosso2
Dirigente 2 : Quote rosso1 Mmh, mi sembra un'ottima idea... Quote rosso2
Nuova Alfa Mito, l'auto che non hai mai immaginato
Dirigente1 : Quote rosso1 Perché non ricarrozzare una Fiat Punto mettendole un muso da tapiro triste? Quote rosso2
Dirigente 2 : Quote rosso1 Mmh, mi sembra un'ottima idea... Quote rosso2
Arna two

"Il cuore ha sempre ragione"... lo stomaco si dissocia.

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia