Alex Schwazer

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Alex Schwarzer kinder pinguì.jpg

Schwazer colto in flagranza di reato.

Logo ADS.png Questa voce è stata punita come
Articolo della Settimana
dal 27 agosto 2012 al 3 settembre 2012.
Quote rosso1.png Sono Alex Schwazer, campione olimpico del marcio! Quote rosso2.png

~ Alex Schwazer in una celebre réclame.
Quote rosso1.png Carolina non sapeva niente... Le ho detto che la scatola in frigo con su scritto DOPING erano vitamine B12 e lei ci ha creduto. Quote rosso2.png

~ Alex Schwazer racconta la sua verità.

Alex Schwazer è un marciatore italiano[ilarità necessaria], medaglia d'oro a Pechino 2008 e faccia di bronzo a Londra 2012.
È l'unico campione olimpico, assieme ad Alberto Tomba, a non saper scrivere il proprio cognome.

[modifica] Biografia

NonNews

NonNotizie contiene diffamazioni e disinformazioni riguardanti Alex Schwazer.

Alex Schwazer.jpg

«Sono Alex Schwazer, campione olimpico di marcia. Non a caso, porto sempre al collo una medaglia da dodici chili. Il mio medico ha detto che ho il torace schiacciato e che se non la smetto morirò, ma chi se ne frega: io sono Alex Schwazer, campione olimpico di marcia!»

Nato e cresciuto a Vipiteno, in Austria Inferiore, Alex Schwazer inizia a praticare l'atletica da ragazzino, cimentandosi senza troppa fortuna nei tre sport nazionali:

  • Lo yodel,
  • Il lancio dello strudel,
  • Lo sputo contro gli italiani.

Su consiglio del fratello Huber, che tutti in famiglia chiamano HUUUUBAR!, a 15 anni inizia a praticare la marcia: «Vedrai Alex» assicura Huber, «diventerai il ragazzo più popolare della scuola!»
La realtà è ben diversa: Alex viene picchiato e sfottuto da tutti, insegnanti compresi, e capisce due cose:

  • Camminare per 50 km come se si avesse una scopa in culo non aiuta a diventare popolari a scuola,
  • Suo fratello Huber è proprio stronzo.

Schwazer inizia a farsi notare: nel 2005 vince i campionati nazionali, ma diserta i controlli antidoping dicendo di essere in lutto per la morte di sua nonna Elga. Alex riesce poi a ripetersi per tre anni consecutivi, ma i successi sono funestati dalle continue dipartite di nonna Elga.

Nel 2007 vince la 50 km di Helsinki con il tempo record di 55 minuti e 41 secondi, ma il risultato è inficiato dalle pesanti insinuazioni di un pensionato finlandese che giura di averlo visto seduto di fianco a lui in autobus.

Alle Olimpiadi di Pechino del 2008 Schwazer vince la medaglia d'oro con una prova di forza schiacciante: arriva al traguardo su un piede solo e ballando la macarena. Viene accusato dagli Schützen, il braccio armato tirolese, di atteggiamento "troppo italiano" perché dopo la vittoria corre sotto gli spalti mangiando un piatto di spaghetti e suonando il mandolino.
Nello stesso anno si fidanza con la pattinatrice Carolina Kostner, con la segreta speranza di poter così incontrare il padre di lei, il suo idolo Kevin Costner. Quando Carolina gli spiega che Kevin Costner non è suo padre e che i loro cognomi si scrivono diversi, Alex ha un grandissimo choc e inizia a correre. Viene avvistato solo una settimana dopo dalla Guardia Forestale nei pressi del Parco nazionale d'Abruzzo e fermato con un dardo tranquillante.

Ai mondiali di atletica leggera di Berlino abbandona la gara a causa di un attacco di diarrea così violento da richiedere l'evacuazione della città e l'intervento della Protezione Civile.

[modifica] La squalifica

Nel 2012 Alex Schwazer, sottoposto a un controllo a sorpresa, viene trovato positivo ai Kinder Pinguì e per di più con la bocca sporca di cioccolato. Per punizione, viene:

  • Escluso dalle Olimpiadi,
  • Radiato dal corpo dei Carabinieri,
  • Privato delle cittadinanze italiana e austriaca (Schwazer è attualmente apolide).
Alex Schwarzer piange.jpg

Alex in una crisi di astinenza da Kinder Pinguì.

La EPO, società di sostanze dopanti di cui Schwazer è testimonial, si è detta schifata dal suo comportamento e ha subito preso le distanze.
Dopo aver offerto spiegazioni poco convincenti («Questo non è cioccolato, è... emh... marmellata di castagne di nonna Elga»), l'atleta ha indetto una conferenza stampa per spiegare le ragioni del gesto:

Wikiquote.png
«Ero stanco, stressato e anche a letto non reggevo più, tanto che Carolina aveva minacciato di lasciarmi per Andrew Howe. «Lui sì che tra le gambe ha un Kinder Bueno!» continuava a ripetermi.»

Ha poi spiegato di aver fatto tutto da solo:

Wikiquote.png
«Sono andato in Turchia, dove il cioccolato è tagliato meglio, sono entrato in un supermercato, ho messo sul bancone 1500 euro e l'addetto al banco frigo mi ha dato tutti i Kinder Pinguì che volevo.»

In pochi però hanno creduto a questa versione: è infatti impossibile che un carabiniere da solo riesca a prenotare un biglietto aereo.

[modifica] Primati

  • 1° posto ai mondiali di marcia di Osaka,
  • 2° posto alla marcia di Radetzky,
  • 9° posto alla marcia su Roma,
  • 85 km/h in retromarcia (alla guida della sua Lancia Fulvia),
  • Primo italiano a venir eletto Uomo dell'Anno dalla rivista Spurghi fognari,
  • Unico atleta ad aver completato la raccolta di fascicoli Fabbricati da solo il tuo bombone di eritropoietina.

[modifica] Hobby

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia