Aldo, Giovanni & Giacomo

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

(Reindirizzamento da Aldo Giovanni e Giacomo)
Pdor
Il grande Pdor, figlio di Kmer, della tribù di Istar

della terra desolata di Cfinir, uno degli ultimi sette saggi: Puvvurur, Ganer, Astafanirghecusar, Usust e Ghanir, colui che era, colui che è stato e colui che sempre sarà - ciuciachì e ciucialà - , colui il quale ha inseguito e sconfitto i demoni Sem- che adesso vagano per il mondo domandandosi: ma nùn chi sèm?-, colui il quale è sceso tra le acque sacre del lago Fstgnur, tra le ninfe Pfnigherans, e lì ha assaggiato il mitico cibo degli dei (la piadèina), colui il quale ha amato le mille dee, tra cui la dea Berta (la dea dalla gamba aperta), colui il quale ha visto i mille draghi alati: Gazis, Urar, Pamir e Farem, colui il quale ha visto tra le nebbie di Kvnisir le mille alghe pelose di Gososar, Faram, Bazim, Durum e Parragahertz, colui il quale ha visto i mille demoni alati tra le nuvole di Bznir scendere dal cielo inferociti e distruggere i popoli di Kromb, Curril e Fastanell, colui il quale può leggere nel presente, nel passato e anche nel congiuntivo...

APPROVA QUESTO ARTICOLO

Pdor 2
Tafazzi2
Tafazzi approva questo articolo!

Come ricompensa l'autore dell'articolo riceverà in dono ingenti quantità di bottiglie di plastica con le quali martellarsi le palle, in modo da poter emulare il grande Maestro.
Oh oh oh, oh oh oooooh! Oh oh oh, oh oh oooooh! Oh oh oh, oh oh oooooh...

Tafazzi 2 inverso


Aldo Giovanni e Giacomo abbracciati

Aldo, Giovanni e Giacomo in atteggiamenti compromettenti.

Bouncywikilogo
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Aldo, Giovanni & Giacomo

Aldo, Giovanni & Giacomo sono un famoso trio comico italiano formato da un milanese mezzo sardo (Giovanni Storto), un terrone (Cataldo Abbaglio, spesso noto sotto lo pseudonimo di Ajeje Brazorf) e un nano da giardino (Giacomino Porello).

[modifica] La vita e l'incontro

Tutto ebbe inizio quando il terrone, Aldo, un tassista con la passione della disoccupazione, decise di esplorare tutta l'Italia alla ricerca della donna della sua vita: quella che dava la voce al suo navigatore satellitare. Arrivato a Milano, fu colto da un tragico evento: la visione di Giovanni. Avvolto dalla paura, decise di ripercorrere nuovamente tutta Italia alla ricerca di un posto dove questa figura orrenda non avrebbe più potuto dargli fastidio. Quindi iniziò a correre, dimenticandosi del taxi abbandonato in mezzo alla strada. Giunto in una caserma dei carabinieri, denunciò l'accaduto utilizzando queste parole: "Miiiiii che pauraaaa! È brutto brutto brutto". Il carabiniere che aveva davanti, sconvolto dal livello di demenza che può raggiungere un soggetto, decise che l'azione più opportuna da fare in quel momento fosse dargli una botta in testa. Al suo risveglio Aldo non ricordava più nulla e, per evitare un nuovo rientro alla caserma con annesso urlo "Miiiiiiiii che pauraaaaaaaaaaaa", gli dissero che aveva visto un membro di un'organizzazione segreta il cui scopo è quello di sparare il maggior numero di cazzate possibili, il PdL. Prendendo seriamente quanto detto, Aldo il giorno stesso cominciò a impegnarsi per entrare nell'organizzazione.

[modifica] Il mezzo di trasporto

Bianchina

Una Subaru Baracca. Giacomo riesce a starci dentro anche in piedi.

I tre comici hanno anche un mezzo di trasporto personale, usato per andare agli "shows", al McDonald's o al supermercato per impartire a Giacomo lezioni sulle donne. Il loro veicolo è nientepopodimeno che una Subaru SW, conosciuta anche come Modello Chiquita, date le sue capacità di allungarsi a forma di banana. In quasi tutti i loro film è sempre presente e, nonostante le sue grandi potenzialità, è stata soprannominata Subaru Baracca. Le sue molteplici funzionalità sono:

  • Allungamento a banana;
  • Spostando le marce a destra esse si trasformano frecce, e viceversa;
  • Spostandole in alto prendono tutte le frequenze radio;
  • Quattro porte, ma solo tre sedili;
  • È insonorizzata, ma da dentro per fuori, non da dentro per dentro;
  • Non ha la "agvzzz", ha la manetta;
  • Siccome è il modello base, il clacson deficita un po';
  • In caso di incidente, il parabrezza scompare ed è così possibile spostare il manubrio a sinistra e buttarsi in avanti;
  • Ci sono le cinture di sicurezza allungabili nel caso si dovesse dare un passaggio a Pavarotti.

L'unico problema di questa macchina è che manca il crick. Ovviamente l'automobile non ha alcun tipo di problema e i tre comici non se ne sono mai lamentati.

[modifica] Opere Teatrali

I tre, più Marina Massironi, iniziano la loro carriera da comici a teatro. Di grande successo è la loro opera Tel chi el terùn, tradotto dal milanese Eccolo qui il terrone. Il titolo è ovviamente riferito ad Aldo che, nell'opera, continua a essere insultato, picchiato, malmenato. Quindi genere realismo.

In quest'opera danno vita a sketch di vita quotidiana, del tipo:

E molto altro ancora...

[modifica] Personaggi

Tafazzi-giacomo

Tafazzi.

Molti sono i personaggi interpretati dai tre, eccone qualcuno degno di nota:

[modifica] Tafazzi

Personaggio interpretato da Giacomo. Adora martellarsi le palle con una bottiglia di plastica, facendo versi del tipo OH-OH-OH-OH-OH-OH. Numerosi scienziati stanno ancora cercando di capire come mai il pubblico ride alla vista di un deficiente che si prende a bottigliate nei testicoli.

Rolando

Rolando.

[modifica] Rolando

Quote rosso1 Miiiiiiiiii, non ci posso credere! Quote rosso2

~ Rolando quando scoprì che Maria De Filippi è una donna.

Personaggio interpretato da Aldo. Un calciatore di fama mondiale, conosciuto anche da Maurizio Mosca.

Dopo essere stato rifiutato dal Milan, ha giocato per diverse stagioni nell'Inter, facendo cambiare alla squadra la maglia da nerazzura a verde e nero in stile militare, perché la prima tonalità non era di suo gradimento. La sua caratteristica principale è quella di dire in continuazione la frase Non ci posso credereee agitando braccia e mani per aria.

Pdor

Pdor.

[modifica] Pdor

Quote rosso1 Io sono Pdor, figlio di Khmer, della tribù di Istarr... Quote rosso2

~ Pdor alla popolazione in visibilio

Interpretato da Giovanni, Pdor è un personaggio che adora rompere le palle alle persone che pagano le tasse chiamandoli su una montagna sperduta. Arrivati, i malcapitati dovranno subire un monologo di Pdor che racconta tutta la sua vita partendo dalla morte e finendo ai miracoli.

Vanga

Vanga del conte Draaacula.

[modifica] Il conte Draaacula

Dracula: : Quote rosso1 Buonasera. Sono il conte Ggiaaaaaaaacula miiiiiiii! Quote rosso2
Nico: : Quote rosso1 Buongiorno, sono Nico! Quote rosso2

Il Conte Dracula è un tenero vampiro che ama cantare canzoni storiche come "io, vagabondo che son io..." contagiando tutti quelli che lo ascoltano, come e soprattutto il nonno di Nico.

Ama recarsi di notte a casa di Nico, senza cattivi intenti, ma solo per un panino imburrato di patassesserru, una spremuta di garagarru, uno sgracchiu frattau o un bel muesli. Il suo segno particolare è quello di avere reazioni a dir poco allucinogene se gli si fanno segni strani con le mani, che per calmarlo tocca dargli due belle legnate dietro le orecchie!

[modifica] Samantha

Samantha è la tipica casalinga sarda, moglie di Nico. Spesso ha strane allucinazioni contenenti il Conte Dracula, infatti la frase tipica del marito è "Và che quella donna fa paura aiòòò!".

Ha l'abilità di indovinare le identità delle persone che non conosce. Un esempio è fornito da quando indovinò l'identità del Conte Dracula, dopo averlo scambiato per Paolo Conte, Zorro, Pacula e Meiacula.

[modifica] Ajeje Brazorf

Ajeje Brazorf è un fantomatico personaggio interpretato da Aldo. La sua caratteristica è che ogni volta che si pronuncia o si scrive il suo nome, esso si moltiplica più volte. Di madre serba-austro-croata-ungarica e padre ignoto, Ajejejeje Brazorf ereditò dal nonno l'allergia ai biglietti per il tram, perciò fa di tutto per deviare il controllore, ovviamente interpretato da Giovanni, che vuole fargli la contravvenzione.

Il tutto si conclude con Ajejejejeje che scappa e il controllore che rimane fregato perché i dati forniti da Ajejejejejeje erano sbagliati.

Gianfilippo Asdrubale

Vecchietto.

[modifica] Il vecchietto

Personaggio inutile e senza scopo di esistere presente in molte apparizioni dei tre. Quando Giacomo non riusciva a trovare un ruolo, faceva la parte di questo inutile vecchietto. Il più delle volte resta a guardare gli altri due, senza fare un bel niente.

Herbert

Herbert.

[modifica] Herbert

Herbert è il fratello ricchione raffinato di Aldo. Egli compare nel film La leggenda di Al, John e Jack. Tenta sempre di offrire del succo di more ai membri del trio, nonostante loro rifiutino l'offerta.

La sua caratteristica principale è il coraggio, difatti si è innamorato di Giovanni.

Quote rosso1 Venite a prendere un succo di more, dai! Quote rosso2

~ Herbert
Quote rosso1 Non devi dire niente, so già tutto. Quote rosso2

~ Herbert su Giovanni
Quote rosso1 Graziosi, vero? Quote rosso2

~ Aldo su Giovanni e Herbert
Quote rosso1 Al, è uno spettacolo raccapricciante. Quote rosso2

~ Giacomo su Giovanni e Herbert
Nico-1-

Nico.

[modifica] Nico

Exquisite-kfind Non ti basta? C'è anche Nico

Nico è, invece, un personaggio interpretato da Giovanni. Si è reso conto di saper parlare il dialetto sardo quando, insieme ai suoi inseparabili amici, si trovava in vacanza nella splendida Sardegna. Avendo perso una pecora, Giovanni si mise subito a cercarla urlando a scuarciagola, riscoprendo un accento che aveva dimenticato.

[modifica] Il signor Rezzonico

Quote rosso1 Potevo rimanere offefo alla carotide! Quote rosso2

~ Signor Rezzonico dopo essere stato salvato da un imminente soffocamento o causa di una pallina da Ping Pong

Il cugino svizzero di Giovanni, spesso vittima di attentati da parte di un membro locale di Al Qaeda e che viene salvato dal poliziotto Hueber, per poi dichiarare "potevo rimanere offeFo[1]". È inoltre l'unica persona al mondo in grado di rischiare la vita per via delle esalazioni dei vapori sulfurei dopo aver battuto la nuca all'interno di un forno in seguito ad un attacco di singulto cronico[citazione necessaria].

[modifica] Hueber

Il poliziotto svizzero dal grilletto facile per eccellenza, famoso per aver salvato millanta volte il culo al signor Rezzonico. Ha sempre un brutto presentimento. Ha sconfitto molti nemici, tra cui il leggendario cane Aughentaler, che lo stava ostacolando mentre stava andando a salvare il signor Rezzonico, affetto da singulto.

[modifica] Professor Flanaghan

Puzzle-papocchio
Questa sezione è incompleta o troppo corta. È probabile che il suo autore abbia pippato troppi gatti e sia svenuto prima di completarla. Se puoi, contribuisci adesso a migliorarla secondo le convenzioni di Nonciclopedia.

~ Il professor Flanaghan a chiunque.

Il più grande insegnante di inglisc del nostro paese. Così bravo che insegna anche agli inglesi.

[modifica] Johnny Glamour

Il DJ più mmmmmmmmmmmmmmmmmmfz figo del ventunesimo mmmmmmmmmmmmmmmmmmmfz secolo. Ha inventato l'aerobica per mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmfz truzzi. È interpretato da mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmfz Giovanni.

[modifica] I poliziotti

Quote rosso1 Ehi raga, è arrivato Action Man! Ehi Action Man, dove hai parcheggiato la Micro Machine? Quote rosso2

~ Testa di cazzo prima di essere afferrata da Sugar.

I più tosti piedipiatti del pianeta, che tutto il mondo ci invidia.

Non temono nulla, sono bastardi geneticamente e per di più hanno le palle cubiche, tranne qualcuno che le ha smussate un po' perché davano fastidio camminando.

[modifica] Oggi

Attualmente, il trio è confinato in un'isola sperduta a largo dell'Oceano Pacifico, dove manca tutto fuorché i cellulari. Non riescono a contattare i soccorsi perché hanno avuto la malaugurata idea di comprare carte Wind, che non prendono nemmeno se ci si arrampica sul ripetitore.

Ultimamente il trio ha trovato lavoro in un ristorante dove si divertono a lavare i piatti e a farli cadere con un semplice squillo.

[modifica] Voci correlate

[modifica] Note

  1. ^ È affetto dalla sindrome di Jovanotti.



Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo