Affari di famiglia

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

ZIOPAPERONE.jpg
Qu€$to arti¢o£o parla di ¢apit%£i$mo!!!
Per leggere questo articolo devi versare millemila € bimestrali.
Usa meglio i tuoi dindini, filantropo! Vai qui.
E ricorda: in un mondo di poveri tu sei ricco!


Famiglia Harrison.jpg

I gestori del negozio, pronti a spennare i polli pieni di antichità di Las Vegas.

Quote rosso1.png Ma i soldi li spendono tutti al McDonald's? Quote rosso2.png

~ Spettatore medio vedendo i girovita della famiglia Harrison.
Quote rosso1.png Be', non so quanto ci potrò guadagnare, né quando lo rivenderò, quindi non posso darti più di 100 $. Quote rosso2.png

~ Rick su un quadro di Picasso originale, con certificazione e campione di DNA dell'autore.
Quote rosso1.png Chumlee, sei una testa di cazzo! Quote rosso2.png

~ Il vecchio a Chumlee su ogni cosa che fa.
Quote rosso1.png Guarda, giudicando dalle scanalature qui, qui e qui posso dire che... è autentico, e vale almeno 1.500 $. Quote rosso2.png

~ Uno degli esperti mentre valuta un dildo di legno del XVIII secolo.

Affari di Famiglia (Pawn Stars per gli anglofoni) è un programma televisivo creato per far sembrare i banchi dei pegni dei posti allegri, carini e cordiali dove la gente può fare fortuna vendendo senza pietà i cimeli dei nonni. Non è un semplice reality show, bensì un programma di cultura che mostra come la società di Las Vegas sia piena di gonzi pronti a farsi imbrogliare pur di avere del denaro facile da buttare nelle slot machine e nel finanziamento delle nuove stagioni di CSI.

[modifica] Svolgimento della trasmissione

La presentazione
Spadella - Padella con manico di spada.jpg

Un classico articolo che entra nel negozio degli Harrison: una spadella del tardo Medioevo.

Ogni episodio comincia quando un potenziale venditore con chiari problemi economici entra in negozio con un improbabile oggetto da vendere, come un citofono anni '70 della Korg. Solitamente, il cliente dice che il suo vecchio ha appena tirato le cuoia e lui ha ben pensato di svendere la sua eredità - compreso l'orologio che si era portato dal Vietnam dentro il deretano- con la speranza di acquistare uno yacth. In questa fase il gestore principale di nome Rick si assicura che la merce non sia illegale, e mostra un entusiasmo esagerato verso essa per non far sfuggire il cliente. Anche se gli si presentasse una vecchia macchina da cucire, lui dichiarerebbe di essere sempre stato un fan della Singer.

Filler

Nel mentre, nel negozio succede "qualcosa" di inutile che serve apposta per riempire i tempi morti: normalmente sono gli altri membri dello staff che fanno i cazzoni tra di loro, ma può anche accadere qualcosa di imprevedibile come un tizio che cerca di truffare tutti con articoli rubati o contraffatti made in China. Per fortuna non occupano molto tempo e generalmente si concludono con qualcuno che vola a forza di pedate nel culo fuori dal negozio in stile film di Bud Spencer e Terence Hill. Questo intervallo contiene anche uno show nello show incentrato sulle disastrose avventure del commesso extra Chumlee, che ritrae il ragazzo diversamente magro mentre distrugge inestimabili oggetti urtandoli con la sua massa lipidica o per semplice negligenza, per esempio mentre si allena con una riproduzione della spada di He-Man.

La trattativa

Dopo uno di questi siparietti, Rick deve riprendere la compravendita, specie per il fatto che di solito il cliente medio spara dei prezzi base ad almeno 5 o 6 zeri e per contro lui controbatte con cifre quantificabili in centesimi. A questo punto però il pelato gestore ammette che forse non è abbastanza fan del prodotto in questione e pertanto deve chiamare la mistica figura dell'esperto, che scende dai cieli e sentenzia attendibilità e prezzo dell'oggetto in questione in meno di 30 secondi.

A questo punto succedono due cose: o il cliente è troppo stupido e continua a sparare prezzi improponibili per poi tenersi l'oggetto, o Rick riesce ad accaparrarselo a una cifra stracciata lasciando il venditore in mutande. L'idea è che poi l'oggetto vada rivenduto, ma in nove casi su dieci rimane nel ripostiglio del negozio.
Ah, e la sottotrama inutile del filler giunge alla conclusione.

[modifica] I protagonisti

Max Pezzali Mastro Lindo.jpg

Rick mentre promuove il negozio.

Rick Harrison, "Il pelato"

Gestore ufficiale del negozio, entrato nel settore per seguire le orme di famiglia in modo da frodare così il fisco e pagare meno tasse senza dover faticare troppo. Di solito è lui il bersaglio principale dei clienti, quindi gli tocca avere a che fare con tutti i tipi di casi umani possibili e immaginabili.
L'unica cosa che permette a Rick di cavarsela è la sua parlantina, che combinata con lo sguardo del tipo "occhioni dolci" e con la lucentezza della sua liscia calotta cranica gli permettono di stracciare i clienti e appropriarsi di pezzi rari.

Richard Harrison, "Il vecchio"

Capostipite della famiglia, capì di essere portato per la gestione di un banco dei pegni quando, all'età di sei anni, prestò una penna al compagno di banco, il quale, dopo due giorni dovette restituirla pagando a titolo di interesse solo un bancale di quaderni, il suo orsacchiotto di pezza preferito e le chiavi della Cadillac di suo padre. Da allora il vecchio ha fatto strada e messo su famiglia, ma al momento il meglio che gli riesce di fare è stare dietro la scrivania del negozio a lamentarsi dei giovani d'oggi, degli altri dipendenti di Rick e dei suoi problemi di prostata.

Corey Harrison, "Lo smilzo"

Figlio di Rick e nipote del vecchio, entrato a far parte del negozio per semplice nepotismo e da allora insediatosi, si è adattato subito all'ambiente diventando obeso quanto il padre e il nonno messi insieme.
Generalmente si occupa di gestire gli avanzi che Rick scarta quando deve trattare, ma un paio di volte ha dimostrato di sapersela cavare piazzando dei Rolex tarocchi sul mercato nero.

Le uniche vere passioni di Corey sono le Harley-Davidson e i cabinati arcade come Pac-Man, quindi non appena trova una delle due cose ci spende tutte le paghette che Rick gli dà al posto dello stipendio regolare.

Austin Russell, "Chumlee"

Di lui si sa poco o nulla, pare abbia dato in pegno la sua anima per ottenere 50 dollari da giocare al primo casinò disponibile, e non avendola potuta riscattare, ora è di proprietà della famiglia Harrison a vita. Non che la cosa gli dispiaccia, visto che spesso e volentieri il suo compito è portare i pesantissimi[citazione necessaria] oggetti ottenuti in magazzino, farsi insultare dal vecchio e cazzeggiare con Corey.

Con quest'ultimo infatti condivide la passione per le moto da strada: se infatti sulla route 66 capita di vedere due masse tonde nere in moto con le marmitte che sprizzano scintille a contatto con l'asfalto, è probabile che si tratti dei due.

Gli esperti

Le carte jolly a disposizione di Rick: ciascuno di loro non ha fatto altro che studiare nella propria vita tutto ciò che riguarda un particolare oggetto, e quando è necessario il loro intervento, spuntano magicamente dal nulla e stendono un intero trattato su storia, forma dell'oggetto e quante volte è stato usato per scaccolarsi.
Arriva un cliente con una mazza da golf in porcellana della dinastia Ming? Rick ha giusto un esperto in mazze da golf pronto a elencarne i minimi dettagli. C'è qualcuno con un'autentica fotografia di un UFO che sorvola Bassano del Grappa? Beh, caso vuole che esista un esperto in avvistamenti che è nato pure lì e può aiutare a valutare il prezzo.

L'unico problema è che da queste ossessioni si deduce che gli esperti sono affetti giusto un pelino da alcune psicosi, quindi spesso e volentieri finiscono col dare ragione al cliente e decretano prezzi assurdi, costringendo Rick a cavarsela da solo.

[modifica] Clienti medi del negozio

L'ingenuo
Alfred futterkiste.jpg

Tipico cliente ingenuo che crede di essersi ritrovato con una miniera d'oro in mano ma che in realtà è solo spazzatura.

Costui si ritrova per caso in possesso di oggetti di inestimabile valore, che vengono puntualmente svalutati dagli Harrison con scuse come "è troppo vecchio" (la sacra sindone), "avrò difficoltà a rivenderlo" (un disco inedito di Elvis) o "ne ho già un mucchio" (un progetto segreto di Nikola Tesla). Ovviamente questo povero cliente finirà per svendere la sua roba al prezzo di una pacca sulla spalla.

Il furbone

Questo cliente è solitamente un commerciante di roba falsa, che è capace di presentarsi al banco dei pegni con una natura morta di Vincent Van Gogh con frutta OGM. Purtroppo per lui, gli Harrison sono molto più furbi... no, in realtà non lo sono, ma conoscono un sacco di esperti. Quindi, durante il programma il furbone non verrà mai inquadrato mentre esce dal negozio.

Il sotuttoio

Il sotuttoio è un assiduo frequentatore di Wikipedia e forum online che si reca in negozio già provvisto di tutte le informazioni che gli servono sull'oggetto da vendere. Si può comportare in due modi: o arriva spedito in negozio pretendendo un milione di dollari in contanti (e gli sta facendo un favore) oppure fa il finto tonto, chiedendo informazioni ai proprietari del banco dei pegni per poi percularli con la sua rivelata conoscenza smisurata. In ogni caso, gli Harrison hanno degli esperti di emergenza efficacissimi a svalutare l'oggetto del sotuttoio del 90%.

La celebrità

Visto che il negozio è a Las Vegas, può capitare che arrivino ogni tanto delle guest star casuali con oggetti appartenenti a loro stessi o a un parente; Rick però non fa sconti a nessuno, anche se bisogna essere degli stronzi di prima categoria per non accettare una palla da baseball firmata dai New York Yankees e portata dal figlio di uno dei giocatori.

Questo mostra quanto sia aspro e duro il mondo dei banchi dei pegni, perfino per gli stessi gestori.

[modifica] Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

  • L'unica cosa su cui Rick non ha molto potere di persuasione sono le auto d'epoca: quando ne vede una davanti, finisce con il buttarci su un sacco di soldi anche se è ridotta a un catorcio, il tutto tra le bestemmie assortite del vecchio.
  • Se gli Harrison e Chumlee si unissero in modo compatto, la loro massa sarebbe talmente grande da generare una gravità e un campo magnetico propri.
  • L'articolo più bizzarro in assoluto che è stato proposto nel negozio è stato un totem indiano fabbricato in casa: la scusa del cliente per aumentare il prezzo era che "emanava energie positive". Perfino l'esperto di turno ha sudato per concludere la cosa.
  • Il banco dei pegni degli Harrison fa compravendita anche di antiche reliquie. In una puntata del 2012, ad esempio, hanno acquistato il prepuzio di San Giovanni.

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia