Abuso edilizio

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Cartello pericolo punto esclarrogativo.svg
Attenzione! Questo questo articolo non è autorizzato!
L'utente che ha creato la pagina è stato sgamato a costruire questa stessa in maniera abusiva e sta risolvendo la situazione a modo suo...


Casa riparata con i lego.png

Questa è chiaramente un'opera regolare


L'abuso edilizio è l'atto con il quale si realizzano fabbricati, porzioni di essi o muretti di lego, oppure si attuano modifiche e/o ampliamenti agli stessi senza le autorizzazioni necessarie previste dalla legge . Viene considerato a tutti gli effetti reato, punibile con sanzioni amministrative, penali e pecuniarie, e con il sequestro o la demolizione del manufatto in questione.

[modifica] Storia

Le origini di tale fenomeno sono da ricondurre all'immediato dopoguerra, quando, in seguito alla ripresa economica e al conseguente boom demografico, si assiste alla diffusione di materiali di costruzione quali lego e geomag, e all'arrivo di immigrati nomadi che portarono alla realizzazione di abitazioni o edifici in assenza una regolamentazione ben definita[1].

Con la prima legge urbanistica del 1942, vengono dettate le linee guida per una corretta progettazione, adatte dar vita a città regolamentate da piani e prescrizioni: l'inizio di un nuovo incubo burocratico. Da allora, numerosi sono stati i decreti e le leggi emanati in materia edilizia, che crearono spesso sovrapposizioni e confusioni per progettisti e cittadini attenti al rispetto della legge[2].

I documenti necessari per delle pratiche edilizie hanno negli anni cambiato nome generando spesso disorientamento da parte degli utenti e dei legislatori stessi: nella succitata legge, l'autorizzazione necessaria si chiamava licenza edilizia, la quale venne sostituita nel 1977, con la legge Bucalossi(che prese il nome dal suo ideatore, Pietro Bucalossi[3]), dalla Concessione edilizia, che introduce per la prima volta il concetto di onerosità, ovvero la necessità di pagare una quota in denaro per poter effettuare i lavori richiesti.

Ad oggi tale autorizzazione è denominata permesso di costruire, introdotto nel 2001 con il Testo Unico dell'Edilizia. Esso, unitamente alla Denuncia di Inizio Attività, disciplina i lavori in materia edilizia.

[modifica] Abuso edilizio e sicurezza

Negambiente.jpg

Prima di commettere un abuso bisogna essere iscritti all'associazione di categoria.

Come è ben noto, abusivismo e sicurezza sono due elementi che vanno a braccetto, infatti le nuove opere di costruzione, non ufficiali[4], prendono spesso posto sopra le falde acquifere, nei pressi dei fiumi(certo non mancherà l'acqua corrente) e su territori franosi o ad alto rischio sismico.

[modifica] Abuso edilizio e arte

Pare che sia possibile rendere un fabbricato abusivo opera d'arte, in questo modo non solo il costruttore non dovrà pagare alcuna sanzione, ma guadagnerà pure del denaro possedendo i diritti sullo stesso.

[modifica] Abuso e criminalità

Si tratta di pura coincidenza quando, in una determinata zona, si ha a che fare sia con l'abusivismo edilizio che con la presenza di criminalità organizzata, infatti la percentuale di casi in cui è presente della criminalità organizzata in un abuso è solo del 97,85%[5].

[modifica] Pagine correlate

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Oltre che in assenza di stabilità
  2. ^ Essendo una legge italiana è ben chiaro quanti siano i cittadini attenti al rispetto delle leggi
  3. ^ Condannato subito dopo per il reato che aveva appena introdotto
  4. ^ Ma anche quelle ufficiali
  5. ^ Escludendo ovviamente lo Stato da queste percentuali
Silvy.png
Ma quale abusivismo edilizio! Io non sono come quei comunisti che si fanno le case sull'albero!
Strumenti personali
wikia