Abercrombie & Fitch

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Abercrombie & Bitch.png

da Nonciclopedia S.p.A, l'enciclopedia a capitale sociale alla quale stanno a cuore i tuoi acquisti

Uomo d'affari.jpg
Buongiorno, signor Gentile utente!
Nei prossimi mesi La spieremo con un furgone appostato dietro casa sua saremo in grado di comprendere i Suoi gusti, per riuscire a soddisfarLa!
Perché noi riusciamo a capirLa, noi siamo come una famiglia per Lei!
E ricordi: la Sua soddisfazione è tutta nostra.
Purtroppo sì, questa è la conferma. Quello che hai sempre temuto è vero:
Faccina rosa.png SEI OMOSESSUALE! Faccina rosa.png
E il fatto che tu sia venuto a leggere questa pagina lo conferma. Accettalo. Leggi pure, ma poi considera di fare coming out: non c'è niente di male! Basta usare la vaselina!
Abercrombie & Stitch.jpg

I modelli di Abercrombie sono molto famosi e attraenti, come si può notare nelle foto delle campagne pubblicitarie più conosciute.

Abercrombie & Fitch (EichEndEf per le vere fescion victim; chiamata anche Abertrombie & Bitch) è una catena di negozi d’abbigliamento nata nella Grande Mela molto, troppo apprezzata dal popolo italiano. Ha avuto così tanto successo che, a 2 anni dall’apertura, l’unico negozio in tutta Italia[1], è fallito.
Il costo medio di un "vestito" Abercrombie, si aggira sugli 80 euro per una camicia a quadretti appena rubata a un boscaiolo dell’Appennino marchigiano, e i 120 euro per una comunissima felpa che potrai scegliere in una varietà pressoché infinita di colori. Venghino signori, venghino!

Tutto rigorosamente con una renna sopra. Una renna? Proprio così, c'è una renna sopra ogni cosa, il che conferisce un'aria estremamente natalizia al negozio anche quando è ferragosto e vorresti toglierti la pelle dal caldo.

[modifica] Il negozio

Slitta Babbo Natale con renne Abercrombie.jpg

Questo è proprio quello che intendevo.

Dopo una fila di 4 isolati durata due giorni e passata in tenda, i clienti possono avvistare due modelli accuratamente pagati per tenere aperte le porte dell’entrata ed accogliere la marmaglia con un sorriso a 82 denti. Probabilmente la fila è così lunga a causa delle tredicenni che si bloccano davanti alle porte per un set fotografico di dubbio gusto con il modello addetto. In ogni caso, una volta dentro, ecco mostrarsi copie su copie di altri modelli[2], felici e contenti di averti al negozio, con le luci spente, la musica da discoteca ad altissimo volume[3], e l’aria così densa di profumo che si può affettare.

[modifica] I modelli

Sono all’entrata, alle casse, dai camerini e sparsi per i vari piani. L’altezza media degli uomini è abbastanza elevata da non permetterti di vedergli la faccia, mentre quella delle donne è direttamente proporzionale al loro livello di conoscenza della meccanica quantistica.

Molto ingannevole la loro utilità unicamente rappresentata dalla capacità di spuntarti alle spalle all’improvviso, sbucando da dietro i manichini o da sotto i tavoli per chiederti se hai bisogno di un aiuto[4]. Con tutta probabilità, questi ragazzi non sanno nemmeno perché sono lì, i più impegnati sono quelli che riordinano le magliette appese, in modo che compongano una perfetta scala cromatica o quelli alle casse, che oltre a battere scontrini su scontrini, cercano di convincerti a comprare il loro ultimo profumo per la modica cifra di 800 €.

Alla fine non possiamo biasimarli: 8 ore di musica nel cervello, vista offuscata e fumi tossici rincoglionirebbero chiunque.

[modifica] La pubblicità

Passando velocemente sotto esame le varie campagne promozionali, i simboli rappresentativi e le immagini riguardanti questa apprezzatissima marca d'abbigliamento, si può notare che:

  1. Qualsiasi fotografia essa sia, qualunque punto della raffigurazione grafica si guardi, l'unico soggetto che occupa l'intero spazio è il fisico scolpito di qualche modello la cui dieta doveva probabilmente essere composta da proteine e creatina soltanto. La parte ancora più triste della situazione è che a questi poveri ragazzi viene completamente decapitata la testa, riducendo il loro contributo fotografico a impersonalissimi busti acefali. Fatto sta che, sebbene la mossa sia molto astuta, il 64% della gente che vede una pubblicità di Abercrombie, non intuisce nemmeno che si tratti di un negozio di abbigliamento[5].
  2. Non si capisce come mai, ma queste immagini sono sempre, rigorosamente in bianco&nero, anche se molto probabilmente, ciò deriva dai guadagni bassissimi che ricava l'attività e quindi, all'impossibilità di fornire i fotografi di macchine fotografiche a colori o quanto meno digitali. Questo disguido potrebbe risalire a quando nel 2010, vennero fatti dei tagli ai budget poiché l'affitto del locale di 3 piani in Corso Matteotti aumentò, sovvertendo le leggi della logica: nessuno avrebbe mai pensato che un costo talmente tanto alto avrebbe potuto crescere ancora di più.

Ecco una raccolta delle ultime campagne pubblicitarie, dove si può notare l'immancabile originalità sopracitata:

Fisici Abercrombie.jpg

Il drastico calo generale di autostima e l'aumento inspiegabile di omicidi domestici registratosi dopo la visione di queste immagini sono sintomi molto pericolosi. Ti consigliamo quindi, nella tua attuale condizione, di astenerti dall'osservazione. O forse è troppo tardi?

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Per fortuna.
  2. ^ I quali, con la loro presenza, non faranno altro che abbassare l’autostima di tutti.
  3. ^ Una volta entrati, l’unico modo per capirsi è comunicare a gesti.
  4. ^ Che prontamente non sapranno darti.
  5. ^ Bisogna ammettere che i riferimenti non sono molto espliciti...
Strumenti personali
wikia